Il 25 febbraio nella storia con Cassius Clay e George Harrison

In questo 25 febbraio nella storia accaddero due episodi tra i tanti degni di essere ricordati: la vittoria di Cassius Clay e la nascita di Harrison

George Harrison e Cassius Clay
George Harrison e Cassius Clay

Il 25 febbraio 1964 Cassius Clay diventa campione del mondo dei pesi massimi

In questo giorno del 1964, il 25 febbraio, Cassius Clay, 22 anni, sconvolge i produttori di quote detronizzando il campione mondiale di boxe dei pesi massimi Sonny Liston (The big bear) in un KO tecnico al settimo round. Il temuto Liston, che aveva demolito due volte l’ex campione Floyd Patterson in un round, era un favorito 8 a 1. Tuttavia, Clay ha predetto la vittoria, vantandosi che avrebbe “galleggiato come una farfalla e sarebbe stato pungente come un’ape” e che avrebbe eliminato Liston all’ottavo round. Il giovane veloce e loquace ha avuto bisogno di meno tempo per adempiere alla sua richiesta: Liston, lamentandosi di una spalla ferita, non è riuscito a rispondere alla campana del settimo round. Pochi istanti dopo, è stato proclamato un nuovo campione dei pesi massimi. Quando si rese conto di aver vinto ed di essere il nuovo campione del mondo dei pesi massimi Cassius esclamò: “Sono il più grande! Ho scosso il mondo!”.

Cassius Marcellus Clay Jr. nasceva a Louisville, Kentucky, nel 1942. Clay rimase imbattuto nei suoi primi 19 incontri, guadagnandosi il diritto di sfidare Sonny Liston, che sconfisse Floyd Patterson nel 1962 vincendo il titolo dei pesi massimi. Il 25 febbraio 1964, una folla di 8.300 spettatori si riunì all’arena Convention Hall di Miami Beach per vedere Cassius Clay lanciava colpi rapidi alla testa di Liston. Liston si fece male alla spalla al primo round, ferendosi alcuni muscoli, quando decise di interrompere l’incontro tra il sesto e il settimo round, lui e Clay erano quasi uguali in punti. Alcuni hanno ipotizzato che Liston abbia simulato l’infortunio ma non sono mai state fornite prove reali, come un cambiamento significativo nelle quote di offerta appena prima dell’incontro, a sostegno di questa affermazione.

Per celebrare la vittoria del titolo mondiale dei pesi massimi, Clay andò ad una festa privata in un hotel di Miami col suo amico Malcolm X, un leader del gruppo musulmano afroamericano noto come “Nation of Islam”, in seguito prese il nome musulmano di Muhammad Ali. Muhammad Ali sarebbe diventato una delle più grandi figure sportive del 20° secolo e vinse per tre volte il titolo.

Oggi nasceva George Harrison

George Harrison nacque il 25 febbraio 1943 a Liverpool in Inghilterra e lasciò la terra il 29 novembre 2001 a Los Angeles in California. Tutti conoscono la fama di George Harrison, musicista, cantante e cantautore britannico, chitarrista solista dei Beatles, una delle band più importanti e influenti nella storia della musica rock. Harrison era il più giovane dei “Fab Four” ed era conosciuto come “il tranquillo Beatle”. In seguito ottenne un successo singolare come cantautore e interprete.

THE BEATLES, TROVATA IN UNA SOFFITTA UNA CANZONE DI RINGO STARR E GEORGE HARRISON DOPO PIÙ DI QUARANT’ANNI. ASCOLTALA QUI

Harrison fu il più giovane di quattro figli di una famiglia della classe operaia. Suo padre era un amministratore della marina mercantile prima di diventare un conducente di autobus e sua madre era una commessa in un negozio di alimentari. Harrison iniziò a suonare la chitarra al liceo. In seguito incontrò Paul McCartney, che invitò Harrison a unirsi ai Quarrymen, la rock band che lui e John Lennon avevano formato. Il gruppo subì diversi cambi di nome e formazione prima di diventare i The Beatles e stabilirsi su Harrison come chitarra solista, Lennon come cantante e chitarra ritmica, McCartney come cantante e basso e Ringo Starr come batterista.

Il figlio di Lennon dopo aver visto The Beatles Get Back il nuovo documentario uscito oggi su Disney+

Anche le star soffrono: la vita travagliata di Paul McCartney

Teorie complottistiche sui Beatles

La perfezione accidentale del White Album dei Beatles

Quando Dick Rowe eliminò i Beatles in un provino per la Decca Records