Steven Tyler: personaggi famosi ma deplorevoli

Steven Tyler di The Time Aerosmith ha adottato e poi si è fidanzato con una groupie di 16 anni, Julia Holcomb

Steven Tyler-Julia Holcomb
Steven Tyler-Julia Holcomb

LA FIDANZATA BAMBINA DI STEVEN TYLER

Ci sono due lati in ogni storia e, in questa storia, entrambe sono scomodi. Quando il frontman degli Aerosmith Steven Tyler ha scritto il suo libro di memorie del 2011 Does the Noise in My Head Bother You?, ha parlato un po’ della prima fidanzata Julia Holcomb (ed è riuscito a scrivere male il suo nome nei riconoscimenti del libro). Steven Tyler ha scritto di averla soprannominata Little Bo Peep, ha detto che gli piaceva farlo in pubblico e ha omesso molti altri dettagli.

Era il novembre del 1973. Holcomb aveva appena compiuto 16 anni. All’epoca, Tyler aveva 25 anni. Si sono incontrati nel backstage a un concerto a Portland, Oregon e Holcomb e l’adolescente problematica ha catturato l’interesse di Tyler. In un articolo che ha scritto nel 2011 per LifesiteNews, ha detto che quando aveva 15 anni era diventata amica di una groupie più anziana che aveva 24 anni.

Ha curato Holcomb, insegnandole a vestirsi in modo provocatorio in modo da poter “catturare una rockstar”. “Sono andato al concerto sperando di incontrare Steven e dopo il concerto ci siamo incontrati per la prima volta. A quel tempo, pensavo che fosse la cosa migliore della mia vita. La mia storia triste e vulnerabile, così come la mia giovinezza e attrattiva, ha catturato il suo interesse”, ha scritto riguardo all’incontro con Tyler per la prima volta. È andata a Boston con lui subito dopo il concerto.

Tyler ha quindi contattato la madre di Holcomb e le ha chiesto di cedergli la tutela. Holcomb non credeva che sua madre gli avrebbe ceduto la tutela e ricordava di essersi sentita vulnerabile sapendo che era la sua pupilla. “Gli ho chiesto come avesse fatto a convincerla a farlo. Ha detto: ‘Le ho detto che avevo bisogno di loro per farti iscrivere a scuola’”.

Da quel momento in poi, Holcomb appartenne a Tyler. Lo ha descritto come la sua “unica speranza” a quel punto e si è “persa in una cultura rock and roll” di sesso e droga. Entro pochi mesi dalla sua convivenza, Tyler ha parlato del suo desiderio di avere un figlio. Holcomb era ancora minorenne a questo punto e stava prendendo pillole anticoncezionali per evitare una gravidanza mentre dormiva con Tyler.

Steve Jobs: Personaggi rispettati ma deplorevoli

Holcomb voleva chiarire su ciò che dice fosse realmente accaduto, quindi si è rivolta a Life Site per raccontare la sua versione della storia. Secondo lei, era una sedicenne di una famiglia distrutta quando ha incontrato Steven Tyler e ha dato il via a una relazione con lui iniziata davvero quando sua madre in difficoltà ha firmato i documenti che rendevano Steven Tyler il suo tutore legale. Holcomb dice che era già incinta quando lui le ha chiesto di sposarlo, e i piani per una famiglia hanno iniziato a crollare quando sua nonna si è rifiutata di trasmettere il suo anello. Cinque mesi dopo l’inizio della gravidanza, Holcomb è rimasta intrappolata in un incendio in casa e mandata in ospedale, dove dice che Tyler l’ha convinta ad abortire. (Jezebel nota che ne parla anche in Walk This Way, l’autobiografia di Aerosmith.) Holcomb lo lasciò – era già passato ad altre donne – e tornò dai suoi genitori. Steven Tyler è tornato alla vita da rock star.

“Volevo dei bambini e ho cominciato a credere che doveva amarmi davvero da quando si era fatto mio tutore e chiedeva di avere figli con me. Ha lanciato le mie pillole anticoncezionali dal balcone dell’hotel dove alloggiavamo, nella strada lontana di seguito”, ha scritto la ragazza. “Entro un anno, sono rimasta incinta. Non ero mai stata incinta prima, contrariamente a quanto ha scritto Steven”, ha scritto. 

“Ero sola e incinta nell’appartamento senza soldi, senza istruzione, senza cure prenatali, senza patente e poco cibo. Steven mi chiamava ogni giorno per fare il check-in con me e gli chiedevo soldi per fare la spesa”, ha scritto della sua situazione. Tyler ha detto che avrebbe mandato il suo amico Ray Tabano il giorno successivo a portarla a fare shopping.

È qui che il resoconto di Holcomb diventa un po’ vago sui dettagli. “Ricordo di aver aspettato l’arrivo di Ray vicino alla finestra. È venuto all’appartamento e l’ho fatto entrare dalla porta principale. La prossima cosa che ricordo è stato di essermi svegliata in una nuvola di fumo denso e lottava per respirare. Ray non c’era più” scrisse Holcomb. Secondo quanto riferito, Ray è stato anche colui che ha convinto Tyler che l’aborto era l’unica soluzione quando Holcomb si stava riprendendo in ospedale dopo essere stato salvato.

Fatti delle celebrità così folli che non crederai che siano veri

Tyler, su suo consiglio, avrebbe quindi fatto pressioni su Holcomb, che era appena sopravvissuta a un incendio, affinché abortisse. “Ha passato più di un’ora a pressarmi perché andassi avanti e abortire. Disse che ero troppo giovane per avere un bambino e che avrei avuto danni cerebrali perché ero stato nel fuoco e mi ero drogata. Sono diventata silenziosa e ripetevo la risposta “No” più di una volta. Ho detto che non volevo prendere quella decisione mentre ero ancora in ospedale. Ha detto che dovevo abortire subito. Ha detto che ero troppo avanti per aspettare perché sarebbe divenuto illegale per me abortire in un’altra settimana”.  Questo è quando Tyler ha minacciato di abbandonarla e rimandarla a casa di sua madre per avere il bambino lì.

Holcomb: “Credevo che mi stesse abbandonando come avevano fatto mio padre e mia madre. Ho iniziato a piangere e ho accettato di abortire”, ha detto. A quel punto, Tyler la tradiva già con Bebe Buell,  e mise incinta Liv Tyler.