Stelle e droghe. Storie di superamento e caduta

99

Noi stessi senza rendercene conto, viviamo circondati dalla droga, sono diventati parte della nostra vita. Il caffè rinvigorisce, introduce in uno stato euforico, crea dipendenza. Lo stesso si può dire per il tè, solo il suo effetto è più delicato. Il tabacco è una droga, rilassa.

Lo zucchero è anche una droga, dà energia, provoca una sensazione di felicità e si sottomette in modo tale che è molto difficile fare a meno dei dolci.

Tutte queste cose che gli esperti chiamano dipendenza, dipendenza. Nella vita degli europei, sono apparsi piuttosto tardi, all’inizio erano un oggetto di lusso, e poi sono entrati saldamente nella vita degli abitanti. A metà del XIX secolo, la maggior parte delle calorie dei lavoratori inglesi proveniva dallo zucchero.

È chiaro come questo abbia influito sulla loro salute. La droga più antica conosciuta dall’umanità è l’alcol. È apparso nei tempi antichi: anche gli animali mangiano frutti caduti dagli alberi, frutti fermentati.

L’alcolismo non è meno pericoloso di qualsiasi altra tossicodipendenza: le persone iniziano a bere per far fronte alle difficoltà quotidiane, diventa un’abitudine e poi diventa una necessità. Molti in questo caso perdono tutto, compresa la propria personalità, si ritrovano in fondo. E se questo li supera, la dipendenza colpisce nella vecchiaia – numerose malattie, inclusa la demenza.

È quasi impossibile parlare di vantaggi dell’alcolismo, ma almeno è più facile riprendersi che dalla dipendenza dalle droghe. La tossicodipendenza, nel pieno senso della parola, è una malattia sociale (se non una catastrofe) del nostro tempo. C’è un esempio nella storia in cui ha quasi distrutto uno stato enorme:

Sia le persone comuni che le “star” soffrono di vari tipi di dipendenze. I primi sono discussi dai media e da Internet, i secondi sopravvivono e muoiono da soli. Le storie delle star hanno un importante vantaggio sociale: possono dare l’esempio, possono motivare o, altrettanto importante, possono essere terrificanti.




Lady Gaga: le droghe come feed di notizie

Lady Gaga, se non la più interessante, la più brillante cantante contemporanea. Ha deliberatamente scioccato il pubblico: questo è il suo punto di forza, una mossa di PR proprietaria. Lady Gaga si veste in modo stravagante, si posiziona come difensore della comunità LGBT.

Quando ha confessato di aver fatto uso di droghe, la risonanza è stata grande. Inoltre, la cantante non ha rischiato nulla: le droghe, secondo lei, erano facili. Inoltre, secondo lei, assolutamente tutti li usano nel mondo dello spettacolo.

Lady Gaga ha detto che la marijuana l’ha aiutata a lavorare, ha liberato il suo subconscio ed è stata utile per la creatività. Ma la cantante l’ha fumata sempre di più e ha sviluppato una dipendenza dalle droghe.

Divenne dipendente da droghe “pesanti” e iniziarono i ritiri di droga. Poi c’è stata un’intossicazione e un istituto medico, secondo la stessa cantante, ha posto fine alla sua dipendenza.

Quando è stata necessaria una nuova occasione informativa, Lady Gaga ha ammesso di usare ancora cocaina.




Courtney “Coco” Love: con e senza cocaina

La vedova di Kurt Cobain, la cantante Courtney Love, è diventata dipendente dalle droghe da bambina. Man mano che è maturata, è stata quasi privata dei suoi diritti genitoriali. Courtney è stata accusata di aver assunto droghe durante la gravidanza.

È finita in una clinica psichiatrica dopo il suo quarantesimo compleanno: Courtney ha preso una droga pesante e ha cercato di suicidarsi. La visita alla struttura medica non è stata l’ultima: è apparsa in diversi programmi televisivi sotto l’effetto di droghe ed è stata condannata a cure obbligatorie. C

ourtney Love ha distrutto la sua casa e gli hotel, ha resistito alla polizia e si è comportata male sugli aerei. Ha ottenuto il soprannome di “Coco” – cocaina. Ma è riuscita a far fronte a se stessa, dal 2007 Courtney ha fatto sparire la droga.




Eminem: sessanta compresse di Valium e trenta capsule di Vicodin al giorno

Eminem, il famoso rapper milionario, non è un uomo “americano di un solo piano”, ma un’America di roulotte, buoni pasto e sussidi di disoccupazione. I suoi genitori erano “spazzatura bianca”, e lui andava a scuola, dove praticamente non c’erano bianchi. Là bevve in pieno di umiliazioni e violenze, e divenne dipendente dagli antidepressivi.

Eminem

Sessanta compresse di Valium e trenta capsule di Vicodin al giorno, quella era la sua dieta standard. È finita come avrebbe dovuto finire. Eminem ha iniziato a morire e ha dovuto lasciare il palco.

A quel tempo, era una celebrità ei migliori medici del mondo erano al suo servizio. Hanno aiutato, Eminem è tornato sul palco. La promozione del suo nuovo album è stata diversa da qualsiasi altra cosa: il pubblico ha ricevuto scatole gialle con pillole su cui era scritto “After drug” e siringhe con l’etichetta “Relapse”.

Lo stesso Eminem crede che non sia stata tanto la medicina ad aiutarlo, ma la responsabilità verso sua figlia e due figli adottivi. Ad ogni modo, è libero dalla droga da oltre 10 anni.




Lindsay Lohan: la prigione è meglio che libera

Il principale tossicodipendente nel mondo dello spettacolo negli Stati Uniti, e forse nell’industria dell’intrattenimento globale, è l’attrice e cantante Lindsay Lohan. È stata trattata più volte. A causa dell’uso costante di droghe, ha sviluppato cleptomania.

Per aver rubato gioielli, Lindsay è stata condannata alla libertà vigilata, per aver violato le sue condizioni ha ricevuto 90 giorni di reclusione, di cui 14 scontati.

Lindsay finisce in un incidente stradale ubriaco, ruba, prende in giro il sistema giudiziario. Questo spettacolo ha un finale aperto e lo vedremo di nuovo.




Britney Spears: eroina, uccidimi teneramente

La famosa cantante Britney Spears si è quasi suicidata con la droga. Il fatto che fosse una tossicodipendente è diventato chiaro dopo il suo divorzio dal modello rapper Kevin Federline – poi Britney si è comportata come un pazzo. Si è tagliata i capelli “calva”, le sue guardie hanno detto che la Spears è andata nuda in presenza dei suoi stessi figli.

Britney Spears
La mega Villa di Britney Spears

In un centro di riabilitazione dalla droga, Britney è durata un giorno e poi è scappata. Nel secondo, ha completato il suo trattamento, ma ha continuato a prendere droghe. La sua carriera è andata in discesa. Ha lasciato il luogo dell’incidente.

Il tribunale ha trasferito la custodia dei figli di Britney al suo ex marito, ma lei non li ha ceduti. I bambini sono stati portati via dalla polizia. La polizia pensava che in quel momento Britney fosse drogata.

Alla fine, le fu proibito di vedere i bambini e fu mandata in una clinica psichiatrica. Il tutore di Britney Spears è stato nominato da suo padre e lui l’ha tirata fuori da questa storia con un mezzo peccato. Il contenzioso sulla sua tutela continua ancora oggi.