Paul Stanley dei KISS attacca i no-vax

Stanley è risultato positivo al COVID-19, così come la sua famiglia, segnando il suo secondo incontro con il virus in meno di sei mesi

158
Paul Stanley attacca i no-vax
Paul Stanley attacca i no-vax

“Sono felice di essere vaccinato”, ha detto Stanley in un post su Instagram

Il frontman dei KISS Paul Stanley è risultato positivo al test per il COVID-19, così come il resto della sua famiglia, segnando il suo secondo incontro con il virus in meno di sei mesi.

Stanley ha detto per la prima volta che si era ammalato di Coronavirus ad agosto. Ha suscitato polemiche in quel momento, poiché è stato avvistato in pubblico senza maschera pochi giorni dopo essere risultato positivo.

Il rocker di lunga data ha confermato domenica (26 dicembre) di aver contratto la variante Omicron del COVID-19, scrivendo in un post su Instagram: “Tutta la mia famiglia ce l’ha. Sono stanco e ho il raffreddore. La maggior parte della mia famiglia non ha assolutamente sintomi. Fai come preferisci. Sono così felice di essere vaccinato”.

Correlato: Ecco le celebrità che trattano i loro fan come spazzatura

I KISS avevano inizialmente posticipato solo una data del loro tour “End Of The Road” quando Stanley ha contratto per la prima volta il COVID-19, ma sono stati costretti a ridurre ulteriormente l’ascia quando, pochi giorni dopo, anche il co-frontman Gene Simmons è risultato positivo.

La band ha negato le accuse secondo cui la loro festa in tournée è debole sui protocolli di sicurezza COVID, dopo che il loro tecnico della chitarra di lunga data è morto a ottobre in seguito alla sua diagnosi positiva.

Simmons ha espresso a lungo la sua fermezza sul fatto che i fan si proteggano dal virus, affermando ad agosto di essere favorevole ai mandati di vaccinazione durante gli spettacoli dal vivo e, a marzo, che le persone scettiche sull’uso della maschera rappresentano un rischio per se stesse e per coloro intorno a loro.

Di recente ha anche attaccato i no-vax, dicendo che “se sei disposto a camminare in mezzo a noi non vaccinato, sei un nemico”. Il cantante e bassista schietto ha dichiarato in una recente intervista: “Non mi interessano le tue convinzioni politiche. Non ti è permesso infettare nessuno solo perché pensi di avere diritti deliranti”.

All’inizio di questo mese, Simmons ha fatto un’apparizione inaspettata a un concerto dei Foo Fighters a Las Vegas. Dopo aver individuato un fan che somigliava molto al bassista, Dave Grohl ha invitato Simmons a uscire dal palco. Simmons, uscendo, ha consegnato a Grohl una ricevuta, per poi si allontanarsi velocemente.