Il chitarrista dei Rush Alex Lifeson mette all’asta le chitarre

Gli strumenti del chitarrista dei Rush saranno messi all'asta nell'ambito dell'evento "Music Icons" di Julien's Auctions che si terrà il 22 maggio 2022

Rush - Alex Lifeson
Rush - Alex Lifeson

Il chitarrista dei Rush Alex Lifeson mette all’asta alcuni dei suoi strumenti. La rockstar avrebbe messo in vendita più di 100 chitarre.

Gli strumenti saranno messi all’asta nell’ambito dell’evento “Music Icons” di Julien’s Auctions che si terrà il 22 maggio 2022.

“Julien’s Auctions è orgogliosa di presentare questa magnifica collezione di ambiti manufatti della storia del rock direttamente dal leggendario chitarrista e pioniere, Alex Lifeson dei Rush, la band progressive rock metal più influente e innovativa di tutti i tempi”, Darren Julien, Presidente/Chief Executive L’ufficiale di Julien’s Auctions ha scritto in un comunicato stampa. “La strabiliante creatività, il virtuosismo musicale e la pura potenza di Lifeson saranno al centro dell’attenzione qui in questa epica asta delle sue leggendarie chitarre, strumenti e rari cimeli che rappresentano la sua eredità duratura come uno dei padrini della musica rock progressivo.”

Lifeson sta anche mettendo all’asta la sua chitarra elettrica “Whitey” Gibson ES-355TD del 1976, uno strumento che è servito come sua chitarra come scelta negli anni ’80. Il chitarrista afferma che è la sua chitarra iconica e ha fatto la sua comparsa già nel 1977 in A Farewell to Kings . La chitarra potrebbe fruttare fino a $ 200.000 – $ 300.000 alla prossima asta, il che la dice lunga sull’eredità della band.

I Rush si sono sciolti nel 2020, in seguito alla morte del batterista Neil Peart. Laddove Lifeson era responsabile delle melodie, Peart ha inventato i temi e i testi, lasciando il bassista Geddy Lee a cantare il materiale. Il trio ha collaborato come un’unica voce e si è vantato di dividere equamente i diritti d’autore. Peart, come suo padre, morì di cancro e i compagni di band Lifeson e Lee ritirarono il nome della band in suo onore.

Lifeson e Lee hanno suggerito che potrebbero lavorare insieme sulla musica in futuro. I due sono desiderosi di scrivere, registrare e comporre come hanno sempre fatto, ma non possono intrattenere un’iterazione di Rush se non include Neil Peart. Lifeson ha detto di avere molti piani per il futuro, alcuni dei quali possono essere realizzati in collaborazione con Lee e altri che vorrebbe fare al di fuori dell’orbita di Lee. Al momento della stampa, i progetti devono ancora concretizzarsi.