Una ragazzina con la leucemia usa un programma di musica e arte per motivarsi

I musicoterapisti, l'arte e la danza del Primary Children's Hospital lavorano insieme per creare un'esperienza speciale per ogni bambino

Una ragazzina con la leucemia usa un programma di musica e arte per motivarsi
Una ragazzina con la leucemia usa un programma di musica e arte per motivarsi

Il Primary Children’s Hospital offre un programma musicale e artistico i bambini malati per aiutarli a superare le loro battaglie più dure durante i ricoveri ospedalieri.

Il Give-A-Thon di quest’anno sostiene i bambini come Sophia che hanno beneficiato profondamente del programma di musicoterapia e danzaterapia.

Sophia non è estranea al Primary Children’s Hospital. In effetti, la ragazzina, oggi quattordicenne, ha subito il suo primo intervento al cuore quando aveva solo tre settimane. Seguirono molti altri interventi chirurgici e lei fu costretta ad usare la maschera ad ossigeno il 100% del tempo per i primi tre anni della sua vita.

Poi, quando Sophia aveva quattro anni, la sua famiglia ricevette una diagnosi straziante: Sophia aveva la leucemia.

La chemioterapia è stata davvero dura per lei“, ha detto Nelson Mousques, il padre di Sophia. “Ha avuto una setticemia, durante la prima settimana di terapia un’infezione ha raggiunto il cervello provocando un paio di ascessi. Quindi è stata dura“.

Così Claudia Mousques, la mamma di Sophia, ha deciso di far provare a Sophia la musicoterapia. “L’abbiamo sottoposta alla musicoterapia per farla sentire un po’ meglio perché era infelice“, ha detto.

Sofia l’ha adorato!

Appena iniziato, L’infermiera è venuta a prenderle la temperatura e si era abbassata“, racconta Claudia. “Ero tipo wow, abbiamo bisogno di questa terapia ogni singolo giorno“.

I musicoterapisti, l’arte e la danza del Primary Children’s Hospital lavorano insieme per creare un’esperienza speciale per ogni bambino. Tawna Halbert è una specialista di movimenti di danza che lavora con bambini come Sophia.

Come terapista del movimento della danza, aiutiamo i bambini a elaborare la loro esperienza in modo molto naturale“, ha detto Halbert. “Quindi gli insegniamo  come combattere la malattia rilassandosi con creatività e gioia“.

Sfortunatamente, a maggio, Sophia ha ricevuto un altro colpo. I medici hanno detto che la sua leucemia era tornata.

Sophia continua a usare la musica e la danzaterapia per superare i suoi trattamenti attuali. È un modo in cui può esprimersi, aiutare a gestire il suo dolore e usare la creatività per godersi il tempo trascorso in ospedale.

I programmi di Danza, Arte e Musicoterapia sono resi possibili e finanziati da generose donazioni da parte della comunità. Come parte della nostra campagna Give-A-Thon per l’ospedale, puoi fare la differenza per bambini come Sophia. Puoi donare ora andando su KSLKIDS.com.