Pink Floyd: esce la prima nuova canzone dal 2014

Il ricavato dei Pink Floyd andrà al Soccorso umanitario ucraino, il tastierista sarà Nitin Sawhney, che ha sostituito il defunto Richard Wright

Pink Floyd
Pink Floyd

I Pink Floyd hanno registrato il loro primo pezzo di nuova musica dal 2014, quando i compagni di band David Gilmour e Nick Mason si sono uniti per pubblicare “Hey Hey Rise Up”

Il ricavato del singolo e del video andrà al Soccorso umanitario ucraino. A dare corpo alla canzone è il tastierista Nitin Sawhney, che ha sostituito il defunto Richard Wright. Anche il bassista Guy Pratt, che è in tour con Mason come parte dei Saucerful of Secrets, ha contribuito al brano. La canzone, che è stata registrata la scorsa settimana nel fienile di David Gilmour, utilizza la voce di Khlyvnyuk da un post su Instagram in cui cantava la canzone di protesta ucraina della prima guerra mondiale The Red Viburnum In The Meadow in una piazza Sofiyskaya vuota a Kiev. Il titolo del brano dei Pink Floyd è tratto dall’ultima riga della canzone che si traduce come “Hey Hey Rise up and rejoice”.

“Noi, come tanti, abbiamo sentito la furia e la frustrazione di questo atto vile di un paese democratico indipendente e pacifico che viene invaso e che il suo popolo viene ucciso da una delle maggiori potenze mondiali”, ha ammesso Gilmour, descrivendo in dettaglio l’importanza del traccia. Inoltre, la nuora di Gilmour si considera ucraina, rendendolo un argomento profondamente personale per il chitarrista.

David Gilmour invia un tweet ai soldati russi

La composizione è stata registrata nella stalla di Gilmour, utilizzando le registrazioni di Andriy Khlyvnyuk che canta “The Red Viburnum In The Meadow” in una parte desolata di Sofiyskaya Square a Kiev. La registrazione è stata inizialmente caricata su Instagram, incanalando la musa di Gilmour. La band ha ottenuto il titolo dalla strofa finale di “The Red Viburnum In The Meadow”, che si traduce approssimativamente come “Hey Hey Alzati e gioisci”.

Gilmour è in forma nella zona, essendosi esibito nello stesso programma dei Pussy Riot al Koko nel 2015. Khlyvnyuk avrebbe dovuto apparire con Boombox la notte, ma non poteva a causa di problemi con il visto, quindi Gilmour ha cantato “Wish You Were Here” in sua assenza. Gilmour ha sentito che il cantante aveva lasciato l’America per l’Ucraina ed è rimasto profondamente commosso dal suo “incredibile video”, che ha spinto il chitarrista a creare una versione completa del brano per la band.

I Pink Floyd non sono gli unici cantautori britannici che hanno risposto al conflitto in Ucraina. Sting della polizia ha registrato nuovamente i “russi” per sottolineare il suo disprezzo per la guerra, mentre Sir Paul McCartney ha caricato una foto di se stesso che portava la bandiera ucraina nel tentativo di raccogliere sostegno per il paese. I rocker gotici The Cure hanno annunciato i dettagli di una nuova maglietta di una band di beneficenza che fornisce supporto all’Ucraina durante il conflitto armato in corso.

La storia dietro la canzone d’amore di The Cure Lovesong

Oh, The Red Viburnum In The Meadow è un brano ucraino folk di protesta scritto durante la prima guerra mondiale e si avvale della partecipazione di Andriy Khlyvnyuk della band ucraina Boombox.  Gilmour ha raccontato come ha conosciuto Andriy e perché ha scelto di utilizzare la sua voce per l’inedito:

“Nel 2015 ho suonato uno show al Koko a Londra in supporto di Belarus Free Theatre, i cui membri erano stati imprigionati. Pussy Riot e la band ucraina Boombox erano in programma. Dovevano fare il loro spettacolo, ma il cantante Andriy ha avuto problemi con il visto, quindi il resto della band ha fatto da supporto a me durante il mio set, abbiamo eseguito Wish You Were Here per Andriy quella sera. Recentemente avevo letto che Andriy aveva lasciato il suo tour americano con i Boombox, era tornato in Ucraina e si era unito alla difesa territoriale. Poi ho visto questo incredibile video su Instagram, in cui lui si trova nella piazza di Kiev con questa bellissima chiesa con la cupola dorata e canta nel silenzio di una città senza traffico o altri rumori di sottofondo a causa della guerra. È stato un momento potente che mi ha spinto a volerlo trasformare in musica”, ha detto Gilmour.

La canzone dei Pink Floyd sarà disponibile dalla mezzanotte di oggi 7 aprile 2022.

Potrebbe interessarti: