10 oggetti strani inviati nello spazio nel corso degli anni

Non solo abbiamo mandato gli astronauti nello spazio, ci siamo divertiti anche ad inviare alcune cose strane, non solo per il gusto di farlo, ma anche per la scienza e anche per ragioni sentimentali.

171

Non solo abbiamo mandato gli astronauti nello spazio, ci siamo divertiti anche ad inviare alcune cose strane, non solo per il gusto di farlo, ma anche per la scienza e anche per ragioni sentimentali.

1. Tre figurine lego

Nel tentativo di far interessare i bambini alla scienza, alla tecnologia, all’ingegneria e alla matematica, la NASA ha inviato tre statuette LEGO nello spazio a bordo della sua navicella Juno nel 2011. La sonda spaziale è partita per studiare Giove, le tre persone LEGO erano Galileo Galilei e il Divinità romane Giove e Giunone.

La spada laser di Luke Skywalker

2. La spada laser di Luke Skywalker

Per celebrare il 30° anniversario di Star Wars, la NASA ha inviato la spada laser di Luke Skywalker alla Stazione Spaziale Internazionale a bordo dello space shuttle Discovery nel 2007. A bordo della navetta c’era l’effettiva elica usata da Mark Hamill in Return of the Jedi, più alcuni astronauti e attrezzature di corso.

La spada laser di Luke Skywalker
La spada laser di Luke Skywalker

La spada laser di Luke è stata esposta al Johnson Space Center di Houston, in Texas. Anche se potrebbe non essere andato fino alla Foresta Luna di Endor, ha comunque avuto un bel viaggio.




3. Sperma di toro e riccio di mare

Le agenzie spaziali hanno inviato nello spazio sperma sia di toro che di riccio di mare – per la scienza! (e perché i ragazzi sono ossessionati dalle cose). La domanda era: in che modo diverse quantità di gravità influenzano il movimento dello sperma? Sembra che lo sperma si muova più velocemente in condizioni di microgravità perché uno dei suoi enzimi non si attiva.

Sperma di toro e riccio di mare
Sperma di toro e riccio di mare

Quando in ipergravità (condizioni gravitazionali più forti della gravità terrestre) lo sperma non può muoversi altrettanto. Ma poiché un enzima correlato allo sperma è stato disabilitato in condizioni di microgravità, è possibile che anche altri coinvolti nella fecondazione possano essere influenzati nello spazio. Se gli esseri umani sperano di sopravvivere con prodotti animali durante lunghi viaggi nello spazio o di riprodursi nello spazio, questo deve essere studiato di più.

4. Sporcizia dallo stadio Yankee

L’astronauta Garrett Reisman, un grande fan dei New York Yankees, ha preso una fiala di terriccio dal tumulo di brocche degli Yankees e uno striscione degli Yankees nello spazio durante la sua prima missione. Durante la sua permanenza alla NASA, ha volato su tre navette spaziali (Endeavour, Discovery e Atlantis) ed è rimasto sulla ISS per tre mesi.

Sporcizia dallo stadio Yankee
Sporcizia dallo stadio Yankee

Mentre era sulla ISS, Reisman ha lanciato un primo lancio cerimoniale per una partita degli Yankees, circa 200 miglia più in basso. E poi, pochi mesi dopo, una volta tornato sulla Terra, ha lanciato di nuovo il primo tiro fisicamente nel loro stadio. Come regalo, Reisman ha regalato alla squadra la fiala di terra e lo stendardo.

5. Un sandwich di carne in scatola di contrabbando

Ai tempi dei Gemelli, l’astronauta John Young introdusse di nascosto un panino con carne in scatola nella sua prima missione spaziale. Erano solo lui e l’astronauta Gus Grissom rannicchiati insieme nella capsula Gemini 3. Young aveva infilato il panino nella sua tuta spaziale prima del lancio e l’aveva tirato fuori durante una pausa nelle loro responsabilità.

Un sandwich di carne in scatola di contrabbando
Un sandwich di carne in scatola di contrabbando

Una volta che Grissom ha preso un boccone, piccole briciole di pane di segale hanno cominciato a galleggiare intorno. Queste briciole sono la vera ragione per cui i panini non sono ammessi nello spazio : le particelle potrebbero fluttuare nell’attrezzatura, causando potenzialmente seri problemi. E mentre Young è stato rimproverato per questa bravata, ha continuato ad avere la carriera da astronauta più lunga finora alla NASA.

6. La canzone dei Beatles “Across the Universe”

“Teletrasportami, NASA!” non è quello che hanno detto i Beatles, ma la NASA l’ha fatto lo stesso. Nel 2008, la NASA ha trasmesso la loro canzone “Across the Universe”, beh, in tutto l’universo. O, meglio, proprio alla Stella Polare. La canzone viaggia a 186.000 miglia al secondo (la velocità della luce) attraverso il Deep Space Network della NASA.

Le gigantesche antenne radio del Deep Space Network comunicano con la navicella spaziale della NASA inviando e ricevendo informazioni tramite onde radio nella speranza che la comunicazione arrivi su orecchie aliene (o qualunque cosa con cui rilevano il suono). Qualcuno riceverà “Across the Universe”? Chissà, ma Paul McCartney ha detto: “Invia il mio amore agli alieni”.




7. Il suono del pastore delle pecore

Nel 1977, la NASA si preparò a inviare i veicoli spaziali Voyager 1 e 2 in volo nello spazio. Sarebbero stati i primi oggetti di fabbricazione umana a lasciare il nostro sistema solare, quindi la NASA li ha dotati di un brillante disco d’oro. Il Golden Record è stato accuratamente curato e inciso con 115 fotografie, 55 diversi saluti, 90 minuti di musica e 12 minuti di suoni della Terra.

Queste registrazioni e immagini sono state tutte scelte per rappresentare la Terra, nel caso in cui gli alieni trovassero uno dei record e lo decodificassero. Uno dei suoni era di qualcuno che pascolava le pecore. Puoi sentire il suono “baaaa” proveniente dalla mandria, anche se la qualità non è eccezionale.

8. Tre bandiere di avviamento NASCAR

La NASA e il Daytona International Speedway (il “World Center of Racing”) celebravano entrambe le pietre miliari nel 2008: era il 50 ° anniversario della NASA e il 50 ° di Daytona 500. Così la NASA ha imballato tre bandiere verdi di avviamento sullo space shuttle Atlantis e ha inviato sta arrivando. Nello spazio, questo è.

Tre bandiere di avviamento NASCAR

La pista e le piattaforme di lancio dello space shuttle erano abbastanza vicine l’una all’altra, quindi i piloti e gli equipaggi NASCAR si sono divertiti a guardare le navette spaziali decollare. Una volta che le bandiere sono tornate sulla Terra, la NASCAR ne ha sventolata una all’inizio della Daytona 500 e la NASA ne ha dato un’altra al vincitore della Daytona 500 (la NASA ha tenuto l’ultima).

9. Un giocattolo Buzz Lightyear

La NASA, la Pixar e la Disney hanno collaborato per inviare un giocattolo Buzz Lightyear alla Stazione Spaziale Internazionale a bordo dello space shuttle Discovery. Buzz Aldrin, sai, il secondo ragazzo a camminare sulla luna (e il primo a fare pipì sulla luna!), Ha liberato il giocattolo Buzz per il lancio prima che volasse via all’infinito e oltre.

Un giocattolo Buzz Lightyear

Buzz Lightyear è rimasto sulla stazione spaziale per 15 mesi prima di tornare sulla Terra. Questa missione molto importante era in gran parte per l’istruzione, poiché veniva utilizzata per far interessare i bambini alla NASA, allo spazio e alla scienza. Pixar ha realizzato “Mission Logs” per Buzz, che sono stati rilasciati sui DVD di Toy Story 1, 2 e 3.




10. Una scultura che commemora gli astronauti caduti

Durante la loro missione lunare, l’equipaggio dell’Apollo 15 ha lasciato una piccola statua e una targa sulla luna per commemorare i 14 astronauti e cosmonauti che sono morti (fino ad ora) in servizio. Alcuni di loro sono morti per cose non correlate come malattie e incidenti automobilistici, ma molti sono morti in incidenti aerei o in veicoli spaziali.

Una scultura che commemora gli astronauti caduti
Una scultura che commemora gli astronauti caduti

La statua, Fallen Astronaut, era una piccola scultura in alluminio a forma di persona. I membri dell’equipaggio dell’Apollo 15 l’hanno posizionato sulla superficie lunare accanto al loro rover lunare. All’inizio era un po ‘riservato, ma alla fine si è sparsa la voce sull’arte commemorativa.

11. Fossili di dinosauro

Dinosauri… nello spazio! Quale potrebbe essere una combinazione migliore? Ebbene, nel 1985, l’astronauta della NASA Loren Acton portò nello spazio fossili di dinosauro a bordo dello space shuttle Challenger . Lo space shuttle era equipaggiato con Spacelab 2, che era esattamente quello che sembra: un laboratorio spaziale.

Fossili di dinosauro

I fossili erano piccoli pezzi di ossa e gusci d’uovo provenienti da un sito di nidificazione di adrosauri; Maiasaura peeblesorum , la “buona madre lucertola” aveva 76 milioni di anni. Poi, nel 1998, lo space shuttle Endeavour ha portato un teschio di dinosauro alla stazione spaziale Mir. Entrambi i gruppi di fossili sono stati restituiti alla Terra. Queste escursioni sono state molto meno eccitanti di quanto la fantascienza abbia realizzato Dinosaurs in Space! fuori per essere.

12. Migliaia di annunci di Craigslist

Nel 2005, tutto ciò che dovevi fare era selezionare una casella quando pubblicavi il tuo annuncio Craigslist e sarebbe stato trasmesso nello spazio. Craigslist ha inviato oltre 100.000 dei suoi annunci nello spazio esterno tramite Deep Space Communications Network. Erano puntati verso un pezzetto di spazio vuoto distante circa tre anni luce.

Migliaia di annunci di Craigslist
Migliaia di annunci di Craigslist

Mental Floss scrive che una delle pubblicità era “Gattini gratis in una buona casa”, che ricorda solo l’adorabile pensiero degli alieni che adottano i gattini. Ma molti degli altri annunci erano probabilmente per mobili vari o cose più oscure. Tutto sommato, probabilmente era un’istantanea abbastanza accurata dell’umanità.

13. Una pizza Pizza Hut

Nel 2001, Pizza Hut ha fatto un’importante trovata pubblicitaria diventando la prima catena di ristoranti a fornire cibo nello spazio. Gli è costato più di un milione di dollari, ma perbacco hanno portato quella pizza alla Stazione Spaziale Internazionale (a bordo di un razzo di scorta standard).

Una pizza Pizza Hut
Una pizza Pizza Hut

La pizza era molto salata (perché le papille gustative possono diventare opache nello spazio) e ricoperta di salame (perché i peperoni vanno a male più velocemente). Agli astronauti americani non era permesso averne perché la NASA era contraria alla commercializzazione dei loro veicoli spaziali (ma non è più così ). Ma lo scherzo è su di te, Pizza Hut, perché ora possono stampare la pizza in 3D nello spazio.




14. Una registrazione delle onde cerebrali umane

Un piccolo team ha curato il Golden Record, tra cui l’astrofisico Carl Sagan e il direttore creativo Ann Druyan. Hanno lavorato duramente per scegliere immagini e suoni per rappresentare l’intera umanità a qualunque cosa fosse là fuori. Allo stesso tempo, però, si stavano innamorando. I due si sono fidanzati pochi giorni prima che Druyan registrasse la sua attività cerebrale per la cronaca.

Al Bellevue Hospital, Druyan pensava a un copione pianificato mentre venivano registrati gli impulsi elettrici del suo cervello. Ma la mente tende a vagare, quindi ha anche rimuginato sulla “meraviglia dell’amore, dell’essere innamorati” (ha detto a NPR). Questi pensieri furono tutti impressi sul Golden Record e inviati nello spazio per essere scoperti dagli alieni.

15. Una forma di formaggio Le Brouere

Quando si invia un veicolo spaziale al suo primo volo, è una buona idea rendere il suo carico utile qualcosa di poco valore, nel caso in cui qualcosa vada storto. Così SpaceX ha inviato una gigantesca forma di formaggio nello spazio durante il loro primo volo con la capsula Dragon nel 2010.

La forma del formaggio era un gigantesco omaggio (fromage?) Ai Monty Python in quanto era ispirato a uno dei loro sketch comici (lo sketch si svolge in un negozio di formaggi). All’inizio, il carico del formaggio era tenuto segreto: sul drago, era racchiuso in una scatola di metallo con “Top Secret” e una mucca stampata su di esso.

16. Pezzi dell’aereo originale dei fratelli Wright

Lo sbarco sulla luna è stato un grosso problema e quindi, per riconoscerlo, l’equipaggio dell’Apollo 11 ha portato con sé una miriade di cose. Hanno lasciato alcune cose sulla superficie della luna, come una bandiera americana e un chip inciso con messaggi di 73 diversi leader mondiali, ma alcune cose erano solo per il viaggio di andata e ritorno.

 

Per commemorare il primo volo dell’umanità, l’Apollo 11 portò pezzi di tessuto e legno dall’aereo dei fratelli Wright sulla luna e ritorno. Solo 66 anni separarono il primo vero volo controllato dell’umanità nel 1903 e le persone che misero piede sulla luna nel 1969.

17. Una pubblicità di Doritos

Nel 2008, la storia è stata fatta quando il primo annuncio pubblicitario è stato inviato nello spazio. La stazione spaziale europea EISCAT ha inviato uno spot Doritos codificato in uno e zeri a un sistema solare nella costellazione dell’Orsa Maggiore (l’Orsa Maggiore fa parte dell’Orsa Maggiore).

Doritos ha effettivamente tenuto un concorso per far sì che le persone presentassero i propri video, uno dei quali è stato inviato nello spazio. La clip vincente si chiamava “Tribe” e conteneva Doritos in stop motion che sacrificavano uno dei loro a un barattolo di salsa. Il messaggio è stato inviato ripetutamente per un periodo di sei ore al sistema solare a 42 anni luce di distanza.




18. Salmonella

Mentre molte di queste cose sono state inviate nello spazio per motivi sentimentali o come espediente, la salmonella è esplosa per la scienza. I batteri sono cresciuti a bordo della navetta spaziale Atlantis, ma una volta atterrata sulla Terra, gli scienziati l’hanno rapidamente spostata per infettare topi ignari.

Un altro gruppo di topi è stato infettato dalla salmonella coltivata sulla Terra. Quando i ricercatori hanno confrontato i due gruppi, hanno scoperto che la salmonella spaziale ha fatto ammalare i topi più velocemente. L’attività genica del batterio è cambiata mentre era nello spazio, rendendolo più pericoloso. Quindi, anche se probabilmente gli astronauti non devono preoccuparsi delle malattie della luna , dovrebbero stare attenti a ciò che portano dalla Terra.

19. Una Tesla rosso vivo

Proprio l’anno scorso, nel 2018, Elon Musk (CEO di Tesla e SpaceX) ha inviato nello spazio una Tesla Roadster rosso brillante. Al posto di guida c’era Starman, un finto astronauta. The Verge l’ha definita “la scienza è servita con un lato tosto “. Questa trovata pubblicitaria è stata sicuramente più accattivante della consegna della stazione spaziale di Pizza Hut.

La roadster e la Starman continuano ad orbitare intorno al sole. Ogni tanto si avvicinano alla Terra o a Marte, ma per la maggior parte l’auto sta semplicemente attraversando lo spazio vuoto. Mentre la Tesla rossa era un’acrobazia, il suo lancio è stato in realtà piuttosto importante per un motivo diverso: è stato il primo volo del razzo Falcon Heavy di SpaceX.

20. Un tapis roulant intitolato a Stephen Colbert

Per non perdere massa muscolare a causa della vita in condizioni di microgravità, gli astronauti che soggiornano all’ISS devono fare esercizio per alcune ore al giorno. Ma devono fare i conti con la microgravità, quindi la NASA crea tapis roulant speciali che funzionano con persone galleggianti. Uno di questi tapis roulant speciali è denominato Tapis roulant a resistenza esterna portante operativa combinata, o COLBERT.

Esatto, prende il nome dal comico Stephen Colbert. Ha incoraggiato i suoi spettatori a presentare il suo nome per il tapis roulant, guadagnando l’interesse pubblico per la NASA e vantandosi dei diritti per se stesso. Per utilizzare effettivamente la macchina, un astronauta deve allacciarla; con le cinghie allacciate, è un po ‘come indossare uno zaino.

21. Immagini della rivista Playboy

Solo pochi mesi dopo che gli umani erano atterrati sulla luna per la prima volta, gli astronauti sono tornati con le foto di nudo di Playboy legate ai polsi. Allora, cosa è successo esattamente su Apollo 12? Ebbene, gli astronauti Pete Conrad e Alan Bean avevano itinerari molto dettagliati per le loro attività lunari. Erano sotto forma di piccoli libri sui loro polsi, che qualcuno ha dirottato prima di decollare.

Il comandante di riserva della missione, Dave Scott, ha pensato che sarebbe stato divertente se avesse inserito una foto di Playboy in ciascuno dei loro libri. Conrad e Bean sono rimasti sorpresi quando, a due ore e mezza dalla seconda missione lunare in assoluto, sono passati alla pagina successiva e hanno trovato foto di nudo. I due ridacchiarono, ma non dissero nulla per evitare di allertare tutti al di sotto di ciò che era accaduto.