La famiglia dell’ex batterista degli Slipknot Joey Jordison ha annunciato lunedì che il co-fondatore della band è morto all’età di 46 anni.

“Siamo addolorati nel condividere la notizia che Joey Jordison, prolifico batterista, musicista e artista è morto pacificamente nel sonno il 26 luglio 2021”, si legge in una dichiarazione rilasciata a  Variety.

Nathan Jonas Jordison è nato il 26 aprile 1975 ed è cresciuto a Waukee, Iowa. Jordison, insieme al bassista Paul Gray e al percussionista Shawn Crahan, ha formato la band heavy metal nel 1995.




Lo stile degli Slipknot era una fusione di rap e death metal, ed erano noti per essere aggressivi, anche per una band heavy metal

Si sono esibiti indossando maschere inquietanti e Jordison era un membro popolare e visibile che ha co-scritto molte delle loro canzoni. Secondo Rolling Stone, i suoi “ritmi sferraglianti e blast beat death-metal sono stati un ingrediente cruciale per l’improvviso successo della band”.

La band ha annunciato nel 2013 che Jordison avrebbe lasciato la band dopo quasi 20 anni. Tuttavia, Jordison ha detto a  Billboard nel 2016 di essere stato licenziato

JOEY JORDISON HA CONTINUATO A ESIBIRSI DOPO AVER LASCIATO GLI SLIPKNOT

Nella stessa intervista di Billboard, Joey Jordison ha rivelato che nel 2016 gli è stata diagnosticata la mielite trasversa, una forma di sclerosi multipla che ha portato alla temporanea perdita dell’uso delle gambe.

Jordison ha affermato che i suoi compagni di band hanno scambiato le sue condizioni per abuso di sostanze.

Parlando della sua partenza dalla band in un’intervista a Metal Hammer quello stesso anno, ha detto: “Nessun incontro con la band? Nessuno. Tutto quello che ho ricevuto è stata una stupida e-mail che diceva che ero fuori dalla band che mi sono rotto il culo tutta la vita per fottutamente creare.”




Slipknot ha avuto tre singoli nella Top 10 di Billboard tra cui “All Hope Is Gone”, che ha raggiunto il numero uno il 13 settembre 2008. Jordison ha anche vinto il Metal Hammer Golden God Award nel 2016.

Non ha lasciato che il suo licenziamento da Slipknot smorzasse la sua creatività. Mentre suonava ancora con gli Slipknot, ha fondato Scar the Martyr nel 2013, era il chitarrista dei Murder Dolls e suonava con i Sinsaenum, un gruppo death metal multinazionale prima della sua morte