Monica Vitti: morta a 90 anni ‘Regina del cinema italiano’

L'attrice Monica Vitti, che ha recitato in una serie di importanti film italiani negli anni '60, è morta all'età di 90 anni

monica vitti
monica vitti

Nata a Roma, Monica Vitti ha esordito in teatro, dove è stata notata da Antonioni. Il leggendario regista ha continuato a metterla al centro di La notte (1961), Eclipse (1962) e Il deserto rosso (1964).

L’attrice Monica Vitti, che ha recitato in una serie di importanti film italiani negli anni ’60, è morta all’età di 90 anni. In omaggio, il ministro della Cultura Dario Franceschini l’ha definita la “regina del cinema italiano” e “una grande artista e una grande italiana”.

La Vitti era nota soprattutto per il suo lavoro con il regista Michelangelo Antonioni in classici come L’Avventura degli anni ’60, che le è valso una nomination ai Bafta.

I suoi ruoli in lingua inglese includevano la parte del titolo in Modesty Blaise del 1966. Dopo la sua morte, Mario Draghi ha affermato che Vitti ha “fatto brillare il cinema italiano nel mondo”.

Ha aggiunto: “Attrice di grande spirito e talento straordinario, ha conquistato generazioni di italiani con il suo spirito, la sua bravura, la sua bellezza”.

Disse alla tv italiana nel 1982 di aver avuto “la fortuna di iniziare la mia carriera con un uomo di grande talento”, che era anche “spirituale, pieno di vita e di entusiasmo”.

Quella relazione le è valsa il plauso mondiale e l’ha portata al suo primo ruolo fuori dall’Italia, al fianco di Terence Stamp e Dirk Bogarde nella commedia di spionaggio Modesty Blaise.

Dopo essere tornata nel suo paese d’origine, ha consolidato il suo status di icona dello schermo ed era particolarmente nota per le sue commedie. Vitti è stato insignito del Leone d’Oro alla carriera alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1995.

Negli anni ’90, un’autobiografia intitolata A Bed is Like a Rose è diventata un best-seller e un testo fisso nelle scuole e nelle università italiane.

“Il suo successo è la cosa più meravigliosa che mi sia successa, mille volte meglio che vincere un Oscar”, ha detto all’epoca.