I migliori chitarristi di tutti i tempi

Alcuni musicisti sono tecnicamente brillanti, altri meno abili ma con personalità e performance dal vivo, e alcuni hanno quel "fattore X"

108
I migliori chitarristi di tutti i tempi
I migliori chitarristi di tutti i tempi

Alcuni musicisti sono tecnicamente brillanti, alcuni sono meno abili ma compensano in termini di personalità e performance dal vivo, e alcuni hanno semplicemente quel “fattore X” – un po’ di tutto ciò che li rende delle vere leggende della chitarra.

28. Kurt Cobain

Il compianto Kurt Cobain era tutt’altro che il “migliore” chitarrista in termini di abilità tecnica, ma la sua influenza culturale era di vasta portata.

Il suo stile rudimentale ha ispirato un’intera generazione di neofiti della musica a continuare a esercitarsi. Secondo quanto riferito, l’adolescente Cobain ha preso lezioni di chitarra solo per poche settimane.

27. Robert Johnson

I prodotti e i servizi menzionati di seguito sono stati selezionati indipendentemente dalle vendite e dalla pubblicità.

Tuttavia, TheDelite può ricevere una piccola commissione dall’acquisto di qualsiasi prodotto o servizio tramite un link di affiliazione al sito web del rivenditore.

26. Bonnie Raitt

L’agile fingerpicking e l’abile scorrevolezza di Bonnie Raitt l’hanno resa una straordinaria chitarrista degli anni ’70, ancora di più perché era una donna che suonava quello che era ancora ampiamente considerato uno strumento da uomo.

25. Joni Mitchell

Joni Mitchell non ha lasciato che una debole mano sinistra (dopo la poliomielite infantile) ostacolasse la sua carriera musicale; invece, lo ha usato a suo vantaggio, creando quelli che ha chiamato ” gli accordi strani di Joni ” – oltre 50 diverse accordature di chitarra che hanno aperto un mondo completamente nuovo di armonia e struttura.

24. Tom Morello

Con un’immaginazione musicale che apparentemente non conosce limiti e la capacità di prendere una pletora di influenze culturali disparate e creare un suono coeso, Tom Morello (Rage Against the Machine e Audioslave) è un pioniere.

23. James Hetfield

Prima di passare alla tecnica e allo stile, passiamo rapidamente una lente sul tono di Hetfield. Per le chitarre, la sua lealtà è divisa principalmente tra ESP e Gibson, la maggior parte delle quali sono state rimontate con pickup EMG attivi.

22. John Frusciante

Spesso trascurato nelle liste dei migliori chitarristi, John Frusciante dei Red Hot Chili Peppers è stato votato come miglior chitarrista degli ultimi 30 anni in un sondaggio della BBC del 2010.

21. Les Paul

Les Paul non ha solo inventato una chitarra solid body (la Gibson Les Paul, una delle chitarre più popolari al mondo e preferita da artisti del calibro di Slash e Jimmy Page), è stato uno dei musicisti più consumati del suo tempo, creando “i migliori suoni di chitarra degli anni ’50”, secondo Brian Wilson.

20. Elizabeth Cotten

La musicista blues e folk Elizabeth Cotten, nata nel 1893, non è mai stata così famosa come la canzone che ha composto all’età di 11 anni con una chitarra di marca Sears.

Nel 1985, all’età di 93 anni, Cotten ha finalmente avuto un assaggio del riconoscimento che meritava dall’industria musicale, vincendo un Grammy per la migliore registrazione etnica o folk tradizionale per il suo album “Elizabeth Cotten – Live!”

19. George Harrison

Non c’è dubbio che Harrison abbia ispirato generazioni di giovani a suonare la chitarra.

George Harrison ha portato il ruolo della chitarra nella musica pop a un livello completamente nuovo, sia durante i suoi giorni da Beatles che durante la sua successiva carriera da solista.

18. Mark Knopfler

Lo stile caratteristico di Mark Knopfler era suonare senza plettro, una tecnica che ha descritto come “qualcosa a che fare con immediatezza e anima”.

Knopfler aveva entrambe queste cose a palate, e nell’era punk minimalista e tagliente della fine degli anni ’70, la sua attenzione ai dettagli e le armonie espressive per Dire Straits lo distinguevano dalla massa.

17. Prince

Basandosi esclusivamente sulla sua esibizione del 2004 alla Rock and Roll Hall of Fame, molti fan della musica hanno indicato Prince come il chitarrista numero 1 di tutti i tempi.

Eddie Vedder è una persona che è d’accordo; dopo la morte di Prince nel 2016, il frontman dei Pearl Jam ha twittato che la leggenda musicale era probabilmente il miglior chitarrista che abbiano mai visto.

16. Alex Lifeson

Come chitarrista del gruppo rock progressivo Rush, Alex Lifeson ha portato gli ascoltatori in un altro mondo.

“È il fa diesis maggiore con la quarta aggiunta e il sette bemolle. Dovrebbe davvero essere chiamato ‘l’accordo di Alex Lifeson’, perché l’ha inventato lui”, ha detto Petrucci.







15. Keith Richards

Al centro del suono dei Rolling Stones ci sono le innovative accordature alterate di Keith Richards.

14. Randy Rhoads

La sua carriera è stata interrotta prima che raggiungesse il suo apice musicale (è morto in un incidente aereo nel 1982 all’età di 25 anni), ma Randy Rhoads e i suoi assoli impeccabili e strutturati negli album dei Black Sabbath e di Ozzy Osbourne hanno fissato lo standard per la futura chitarra metal solisti.

13. Stevie Ray Vaughan

Nonostante una carriera musicale di breve durata, purtroppo morì in un incidente in elicottero nel 1990 all’età di 35 anni, lo stile eclettico di Stevie Ray Vaughan e il suono inconfondibile continuano a influenzare generazioni di chitarristi.

12. Pete Townshend

Che si tratti della sua magia degli accordi, del ritmo brillante, della fisicità facile o dell’intensità punk, Pete Townshend degli Who ha ispirato molti grandi che sono venuti dopo di lui.

Il suo modo di suonare la chitarra ritmica è estremamente eccitante e aggressivo: è un musicista selvaggio, in un certo senso.

11. Eddie Van Halen

Votato il più grande chitarrista di tutti i tempi in un sondaggio tra i lettori di Guitar World nel 2012, Eddie Van Halen suona la chitarra come nessun altro, conferendogli quell’indefinibile fattore X.

10. Carlos Santana

Non molti chitarristi sono riconoscibili da un tono, ma il plurivincitore di Grammy Carlos Santana, con le sue linee basate sul blues contro i ritmi latini e africani, non è come la maggior parte degli altri chitarristi.

9. Duane Allman

Duane Allman degli Allman Brothers morì giovane ma lasciò un’eredità duratura: abilità creative di improvvisazione ed eloquente chitarra slide. Lui ha iniziato la musica rock ‘n’ roll del sud.







8. BB King

Il “King of the Blues” è uno dei musicisti blues più influenti di tutti i tempi ed è stato un artista instancabile, registrando più di 200 spettacoli all’anno fino ai suoi 70 anni.

Dopo la sua morte nel 2015 all’età di 89 anni, i tributi sono arrivati da tutti, da Richie Sambora a Gladys Knight.

7. Jeff Beck

Il due volte membro del Rock and Roll Hall of Fame Jeff Beck, che è meglio conosciuto per il suo tempo con gli Yardbirds, ma è apparso anche negli album di Kate Bush, Rod Stewart, Tina Turner, Mick Jagger, Les Paul, Morrissey, Donovan, Diana Ross, Jon Bon Jovi, Malcolm McLaren, Stevie Wonder e ZZ Top, combinano tecnica e personalità senza rinunciare a nessuno dei due.

6. David Gilmour

David Gilmour dei Pink Floyd, che è stato nominato Comandante dell’Ordine dell’Impero Britannico per i suoi servizi alla musica nel 2005 ed è stato insignito del titolo di Outstanding Contribution ai Q Awards nel 2008, è noto per i suoi aggraziati assoli che attingono pesantemente al blues ma incorporava anche una serie di altre influenze.

5. Jimi Hendrix

Jimi Hendrix ha rivoluzionato la nostra idea di cosa potesse essere la musica rock.

Jimi Hendrix
Jimi Hendrix

Potrebbe non essere stato il musicista tecnicamente più abile, ma ha ridefinito il modo in cui una chitarra elettrica poteva essere suonata e l’ha fatta sembrare senza sforzo.




https://www.sorox.org/9712-2/

4. Slash

Il chitarrista dei Guns N’ Roses Slash è responsabile di alcuni dei riff più memorabili di tutti i tempi e i suoi assoli di “November Rain” e “Sweet Child o’ Mine” (tra molti altri) passeranno alla storia.

3. Brian May

La maggior parte dei chitarristi suona la chitarra, Brian May dei Queen crea un’intera orchestra con la sua.

Brian May
Brian May

Spesso messo in ombra dalla grandezza della band nel suo insieme o dall’ex frontman fiammeggiante Freddie Mercury, May merita il riconoscimento come uno dei musicisti più fantasiosi della musica rock.

2. Eric Clapton

L’unico chitarrista ad essere stato inserito tre volte nella Rock and Roll Hall of Fame (una volta come artista solista e separatamente come membro degli Yardbirds e dei Cream), Eric Clapton è ampiamente accreditato per aver rivoluzionato il modo in cui veniva suonata la chitarra – con feedback, sostenere e volume.






1. Jimmy Page

Quando si tratta di versatilità, il maestro del riffmaker Jimmy Page, il leggendario chitarrista solista dei Led Zeppelin, ha la meglio su molti altri.

Quando ha deciso di creare ‘un matrimonio di blues, hard rock e musica acustica sormontata da ritornelli pesanti, lo ha fatto in modo impeccabile, fondendo musica folk e hard rock in un modo che sembrava così naturale che è difficile credere che lo fosse.

Correlato: I rocker cacciati dalle loro band