Måneskin: rinnovato contratto con Sony Music Italy

 I Måneskin rinnovano il contratto con Sony Music Italy, consolidando così il rapporto che li lega alla casa discografica sin dal loro debutto

Maneskin
Maneskin

I Måneskin rinnovano il contratto con Sony Music Italy, consolidando così il rapporto che li lega alla casa discografica sin dal loro debutto

Con 6 dischi diamantati, 133 platino e 34 oro a livello globale e quasi 4 miliardi di stream su tutte le piattaforme digitali, Victoria, Damiano, Thomas ed Ethan sono gli italiani più ascoltati al mondo su Spotify nel 2021, anno che li ha visti protagonisti di numerose successi, dal primo posto al 71° Festival di Sanremo e all’Eurovision Song Contest con il brano “ZITTI E BUONI” (cinque dischi di platino, contenuti nell’album “Teatro d’Ira – Vol. I”) fino al “Best Rock” premio agli MTV EMAs, la prima vittoria di un artista italiano in una categoria internazionale, e l’inserimento di “I WANNA BE YOUR SLAVE” nella “Top 10 Tracks of 2021” (triplo platino) secondo BBC. 

Correlato: I Maneskin vincono gli Ema

I Måneskin sono tornati dall’eccezionale esperienza negli Stati Uniti, con due live speciali a New York e Los Angeles e la presenza come special guest al concerto dei Rolling Stones a Las Vegas. Sono stati ospiti dell’iconico Tonight Show con Jimmy Fallon e del popolare talk show The Ellen DeGeneres Show e vantano una nomination agli American Music Awards 2021 – in cui si sono esibiti con una performance mozzafiato – come “Favorite Trending Song” con “Beggin’”.

Aggiudicandosi la posizione numero 1 nella classifica US Rock Airplay, la canzone segna la più rapida ascesa per una nuova band al numero uno negli Stati Uniti Alternative Airplay negli ultimi 24 anni. Hanno anche ricevuto il prestigioso invito dell’Academy al Grammy museum per leggere alcune delle nomination della 64a edizione e, di recente, hanno ricevuto due nomination per i Brit Awards 2022, il più importante premio musicale di tutto il Regno Unito, nella categoria “International Group of the Year” e per “International Song of the Year” con il singolo “I WANNA BE YOUR SLAVE”.