Il Carcere di Santo Stefano

Costruito per essere il penitenziario ideale, questo luogo abbandonato ha visto diverse rivolte e persino un colpo di stato dei prigionieri.

129

A Ventotene, Italia, Il Carcere di Santo Stefano .

SANTO STEFANO È UNA piccola isola del Tirreno che per quasi due secoli ha ospitato un carcere costruito sul modello tardo settecentesco del penitenziario ideale: il panopticon.

Il principio del panopticon, ideato dal filosofo inglese Jeremy Bentham, è un disegno circolare in cui i detenuti possono essere osservati da un guardiano. Questo li motivava ​​a comportarsi correttamente in ogni momento. Tutte le celle sono disposte in un semicerchio attorno alla casa di ispezione centrale dove i reparti possono vedere tutti i detenuti. I prigionieri non possono vedere all’interno della casa di ispezione.

Questa struttura teoricamente ideale non ha però impedito numerose rivolte e tentativi di evasione al carcere di S. Stefano.

Il primo, infatti, risale al 1797, appena due anni dopo l’inaugurazione del nuovo penitenziario. Ce ne fu un altro l’anno successivo. La rivolta più grande avvenne nel 1860, quando gli 800 reclusi riuscirono a prendere il controllo del carcere. Approfittarono del fatto che la maggior parte delle corsie furono inviate a combattere le truppe piemontesi che stavano conquistando il Regno delle Due Sicilie in via di unificazione Italia. I reclusi ribelli proclamarono la Repubblica di Santo Stefano e istituirono un senato e un insieme di regole. Prevedevano la pena di morte per vari crimini. La repubblica durò pochi mesi. All’inizio del 1861 le truppe italiane giunsero sull’isola per ripristinare il controllo.

Il carcere fu poi utilizzato come destinazione per gli oppositori politici banditi durante il regime fascista in Italia, uno dei quali fu il futuro presidente italiano Sandro Pertini. La struttura fu chiusa abbandonata nel 1965. Santo Stefano e il carcere abbandonato possono essere visitati durante le visite guidate alle Isole Pontine.

Il Carcere di Santo Stefano
Il Carcere di Santo Stefano