La storia dietro la canzone d’amore di The Cure “Lovesong”

"Lovesong" è un toccante tributo alla compagna di lunga data del frontman Robert Smith, Mary

Lovesong - the Cure
Lovesong - the Cure

“Lovesong” è un toccante tributo alla compagna di lunga data del frontman Robert Smith, Mary.

Portando il sentimento introspettivo dell’album, “Lovesong” Smith scrive a Mary dichiarazioni esplicite del suo amore per lei. La canzone è un inno a Mary, Smith l’ha scritta come regalo di nozze per lei nel 1988, che, all’epoca, era la sua fidanzata. La coppia si è incontrata a scuola quando avevano quattordici anni e Smith è sempre stato risoluto nello spiegare come lei gli abbia salvato la vita in numerose occasioni tirandolo fuori dall’orlo in alcuni dei suoi capitoli più oscuri.

I testi sono stati ispirati dai lunghi periodi di tournée che Smith ha intrapreso con i Cure, dove lui e Mary sarebbero stati separati. Mancandole, voleva affermarle che non importava quanto fosse lontano, o per quanto tempo fosse stato lontano, il suo amore per lei era eterno.

I suoi testi sono diretti. La ripetizione dei versi “Ogni volta che sono solo con te/Mi fai sentire come se fossi di nuovo a casa” e “Comunque lontano/Ti amerò sempre” fa davvero sentire la canzone a casa. Inoltre, ogni verso ha la stessa struttura e, quando viene aggiunto alla produzione narcotica e onirica, crea la sensazione che l’ascoltatore sia veramente incorporato nella corteccia prefrontale di Smith.

Non solo è piuttosto semplicistico nella composizione, ma ha anche un aspetto stranamente ottimista rispetto alla serietà della narrativa e della musica del resto di Disintegration.

L’album ha un’atmosfera oscura e trippy inerente ad esso. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che Smith aveva ricominciato a prendere allucinogeni. Dopo la fama che gli hanno portato i primi sforzi dei Cure negli anni ’80, Smith ha avuto difficoltà a far fronte al suo nuovo status di “pop star”. È tornato all’LSD per dimenticare le ansie di essere in una delle più grandi rock band britanniche.

Insieme al modo in cui Smith era già molto frustrato dal modo in cui sentiva che la band era stata fraintesa, ha iniziato a esplorare il ventre oscuro dei Cure in Disintegration. Dimostrando questa giustapposizione, Smith ha anche detto a Select: “È la cosa più schietta, vera, franca e onesta che abbia mai cantato. Riguarda l’amore, ma anche l’incapacità di conoscere davvero qualcuno”.

Quando si confronta “Lovesong” con il singolo principale dell’album, il classico goth-rock basato sui sintetizzatori, “Lullaby”, si ottiene un netto contrasto lirico. Non si fa menzione del sinistro Spiderman che ha le sue vittime “a cena stasera”. È solo un amore vecchio e sdolcinato.

Ripensando a ‘Lovesong’, Smith ha affermato: “È uno spettacolo aperto di emozioni. Non sta cercando di essere intelligente. Mi ci sono voluti dieci anni per raggiungere il punto in cui mi sento a mio agio nel cantare una canzone d’amore molto semplice”. Quando pensi al sentimento romantico che è al centro di “Lovesong”, spicca davvero. In particolare rispetto al commento di Smith in un’intervista del 1989 secondo cui Disintegration riguardava “il senso di caduta a pezzi che non riesco mai a scrollarmi di dosso”.

Nella stessa intervista, l’intervistatore la definisce la canzone “più tradizionale” che i Cure abbiano mai scritto. Per questo chiede a Smith se ne è orgoglioso. Risponde esilarante che si trattava semplicemente di un regalo di nozze “economico e allegro” per Mary.

Come dimenticare l’iconico video musicale che ha accompagnato ‘Lovesong’. Con Smith in una grotta buia, è una delle delizie visive più memorabili della band. Tuttavia, si scopre che Smith non era un fan del prodotto finale. Ha accusato: “L’idea era di una grotta delle fate che durasse per sempre, ma sembrava molto angusta e in posa. L’inquadratura iniziale è terribile, questa inquadratura persistente di un enorme fallo che non ha alcuna pretesa di essere una stalagmite.”

In ogni caso, “Lovesong”, video e tutto il resto, è una delle canzoni più famose dei Cure. Ironia della sorte, sembra che il salto dall’oscurità della musica alternativa abbia reso cara la band ai fan di tutto il mondo. Ha trascorso sette settimane nelle classifiche del Regno Unito e ha persino raggiunto il numero due della classifica dei singoli americani.

Nella compilation Join The Dots di The Cure nel 2004, Smith si lamentò: “Devo ammettere che in realtà ero un po’ sconvolto dal fatto che si fosse fermato al numero 2”. Ha ammesso: “Non ho mai visto cosa avrei davvero fatto con un singolo numero 1!”

Correlato: L’AMORE PUÒ CAMBIARE IL TUO CERVELLO, è scienza!

Mai uno che usa mezzi termini, Smith è stato anche critico nei confronti della sua “Lovesong” sin dalla sua uscita. Collegandolo a Disintegration, ha spiegato: “Pensavo che fosse la canzone più debole lì, e all’improvviso è arrivata al numero due in America. È stato tenuto in alto da, tipo, Janet Jackson. Ho pensato, di tutte le canzoni che avevo scritto, questa è quella che riesce a farcela. È stato piuttosto deludente”.