Le origini e l’evoluzione della Fender Telecaster

150

Quando Leo Fender creò la chitarra “Telecaster” riuscì a cambiare il mondo della musica, letteralmente.

Costruì per la prima volta una solidbody prodotta in serie al mondo.

Le Big Bang impazzirono per questa prima solidbody elettrica all’epoca e tutt’oggi, i  principi di progettazione alla base della Telecaster del 21° secolo sono sostanzialmente invariati.

Tuttavia se ne possono trovare alcune con un contorno del corpo leggermente diverso, come i tagli del ventre sulla Deluxe, la modernista American Ultra Tele, e l’American Standard del 2010.

Comunque sia, la Telecaster resta fedele al singolo taglio con corpo a lastra, collo imbullonato, facili da sostituire in caso di danni e le sue specifiche.

telecaster fender
telecaster fender




La Telecaster era stata prefigurata dall’Esquire a pickup singolo, ma presto l’avrebbe resa antiquata, sebbene la costruzione era simile.

L’Esquire applicava alcuni dei componenti dei lap-steel di Fender all’epoca come il ponte, il pickup single posizionato come parte del ponte, battipenna fenolico nero a strato singolo e la paletta a sei in linea, ispirati all’acustica Stauffer del XIX secolo, due manopole zigrinate che controllano volume e tono.

Il manico, un pezzo intero di acero, fu una delle caratteristiche che ne proclamò il successo, i body erano di legno di pino, ma nella produzione ve ne erano anche altri, come l’ontano.

Nel 1954, Fender iniziò a produrre Telecaster con un battipenna bianco. La Telecaster ha visto molti primati; Ermine White ’51 Nocaster del chitarrista Oscar Moore di Nat King Cole con hardware dorato con la quale debuttò utilizzando il colore personalizzato Fender.

La versione evoluta della Telecaster a due pickup dell’Esquire era originariamente chiamata Broadcaster, ma Gretsch affermò di aver violato il marchio relativo alla sua Broadkaster. Fender tagliò i loghi delle decalcomanie sulla paletta al posto di un nuovo nome.

A differenza di Les Paul, Fender si concentrò sul feedback per migliorare i propri strumenti, per lui l’opinione dei musicisti era fondamentale. 
Fender Vintera '70s Telecaster Deluxe
Fender Vintera ’70s Telecaster Deluxe

Musicisti rock come Keith Richards, Jimmy Page ed Eric Clapton hanno abbracciato lo spirito del design open source di Leo Fender, personalizzando il loro.

Richards ha applicato un humbucker PAF a montaggio inverso al suo, in seguito modificando l’hardware.

Page ha applicato specchi e ha utilizzato un ponte a caricamento dall’alto che ha consentito di piegare le corde più facilmente.

Clapton ha staccato il manico della sua Stratocaster “Brownie” del 1956 e l’ha fissata al corpo in ontano di una Telecaster Custom, consacrando la Telecaster “Blind Faith” allo spettacolo del supergruppo del 1969 ad Hyde Park.

La popolarità dei pickup humbucker ha visto molti musicisti migrare verso Gibson. Nel 1970, Seth Lover, dopo che Fender progettò l’humbucker PAF di Gibson, sviluppò la risposta di Fender: il Wide Range Humbucker.

Fender Vintera '70s Telecaster Deluxe

Miglior Telecaster: Fender Vintera ’70s Telecaster Deluxe

Dotato di magneti CuNiFe, era più luminoso del PAF, Fender, e dal 1971 il Wide Range Humbucker è stato utilizzato nella posizione del collo della Custom Telecaster dal 1972 in poi. La Telecaster Deluxe a doppio humbucker è arrivata nel ’73.

Artisti del calibro di Prince, Johnny Marr degli Smiths e Elliot Easton dei Cars, Springsteen hanno mantenuto vivo il paradigma del T-style negli anni ’80.




telecaster fender
telecaster fender