Lamia: il demone femminile che divorava i bambini nella mitologia greca

165

Quando si tratta di terrificanti personaggi di fantasia da temere dalla letteratura per bambini, vengono in mente la strega di “Hansel e Gretel” e Baba Yaga di molti miti slavi.

Ma c’è un personaggio nella mitologia greca che probabilmente li supera tutti in termini di malvagità: Lamia.

Per dirla semplicemente, Lamia è “un demone femminile che divora i bambini”.

“Lei ti ‘prenderebbe’ se disubbidissi, o almeno così veniva insegnato ai bambini”, dice Martin. “Un tempo viveva in Libia, nel Nord Africa. La storia racconta che, come molte demonie, era una bella donna.

Zeus (come era sua abitudine) sedusse e dormì con lei. La moglie del dio principale, Era, fu gelosa e poi uccise i figli di Lamia. La povera mortale fu così sopraffatta dal continuo dolore che divenne orribilmente brutta nell’aspetto, e poi cominciò ad uccidere i figli di altre donne, in una sorta di follia di vendetta».



Regina di Libia

Secondo Martin, una versione del racconto di Lamia suggerisce che fosse in realtà la regina della Libia e ordinò che tutti i neonati fossero strappati alle loro madri e massacrati – un racconto, sottolinea, che suona simile alla storia di Erode nel vangelo di Matteo.

“Ci sono suggerimenti da fonti tardive secondo cui si pensava che mangiasse personalmente i bambini”, aggiunge Martin.

Come dice GreekMythology.com, “come molte donne mortali hanno scoperto nel modo più duro, essere amate da Zeus ha comportato un grave svantaggio, vale a dire, essere disprezzate da Era”.

Era ovviamente era conosciuta come la Regina degli Dei, ed era nota per i suoi istinti ferocemente protettivi come lo era per il suo orgoglio e la sua gelosia.

Sfortunatamente, suo marito, Zeus, ha spesso messo alla prova quelle qualità focose con un track record di costante infedeltà. Quando si trattava di Lamia, Era cercò vendetta uccidendo ciascuno dei figli della padrona, indipendentemente dal fatto che Zeus fosse il padre o meno.

La perdita ha spinto Lamia alla follia e poi ha fatto della sua missione rapire i figli degli altri e mangiarli. Secondo leggende e miti greci, “le azioni mostruose di Lamia fanno sì che i suoi lineamenti facciali distorcano, forse imitando quelli di uno squalo, e Lamia diventa lei stessa un mostro.”

“Aristotele registra nella sua ‘Storia degli animali’ (IV secolo a.C.) che ‘lamia’ era il nome di una specie di squalo”.

Una storia conservata solo in ritardo fonti antiche e medievali affermano che Era fece in modo che Lamia fosse insonne (oltre a uccidere i suoi figli), quindi Zeus, per dare a Lamia l’opportunità di riposarsi, le fece rimuovere gli occhi – in questo modo non sarebbero stati sempre aperti (almeno non nella sua testa).”




C’era almeno una bambina che sfuggì alle grinfie di Lamia: Sibyl. “Si diceva che fosse una figlia di Lamia e Zeus, e fu la prima donna a cantare oracoli, come la famosa Pizia a Delfi”.

Le donne ‘Bogey’ della letteratura greca

Martin dice che Lamia era solo una delle tante donne ‘spauracchio’ nel folklore greco, cioè un insieme di figure mostruose spaventose.

“C’erano anche ‘Gorgo’ e ‘Mormolykê’ e ‘Empusa’: assumere la forma di belle donne e poi succhiare il sangue delle loro vittime sembra essere stato un tratto comune nei racconti su questi tipi di demoni”.




Il folklore greco moderno, secondo Martin, conserva ancora le tradizioni su Lamia come una spaventosa donna nera

“Forse ogni cultura ha bisogno di un modo per le madri di impedire ai loro figli di fare cose pericolose – come vagare da soli nei boschi – o semplicemente di comportarsi male”, dice Martin.

“All’inizio del XIX secolo, ad esempio, le balie britanniche spaventavano i bambini con storie di ‘Boney’ che veniva a prenderli – il temuto nemico del regno, Napoleone Bonaparte, immaginato come un orco. Nell’antica Grecia, una demonessa chiamata ‘Lamia ‘ ha giocato lo stesso ruolo”.

Secondo Martin, “una figura multiforme della donna senza figli/ladro pazzo di bambini” esiste in varie parti degli Stati Uniti attraverso leggende e miti.

“Nel sud-ovest (e in generale in America Latina sembra): La Llorona, ‘la donna che piange’ avrebbe annegato i propri figli (o annegati da soli) e ora infesta i posti di notte piangendo e derubando altri bambini”, dice.

“Le madri avvertono i bambini che La Llorona li rapirà se si avvicinano troppo all’acqua”.

Indipendentemente dal motivo per cui la storia di Lamia è stata originariamente concepita, la sua eredità sopravvive, ancora oggi. “Lamia ‘ in greco o latino di tutti i giorni potrebbe anche essere usato come insulto lanciato a qualsiasi donna minacciosa, potente o brutta”, dice Martin.

“In alcune antiche storie di fantasia, le cortigiane vengono chiamate così, così come le streghe. Chiaramente l’ansia maschile al lavoro qui, incolpando le donne seducenti per la rovina alimentata dalla lussuria dei ragazzi”.