La Battaglia di Akroinon (739 o 740) 2

Le battaglie di Yarmouk, Pliska e Manzikert sono relativamente famose, ma ci sono decine di altri combattimenti che hanno avuto un ruolo importante nella storia di Bisanzio che vengono spesso trascurati. In questo articolo, cerco di rimediare a quel torto osservando dieci battaglie che hanno causato cambiamenti epocali nell'impero bizantino.

166

La Battaglia di Akroinon . Le battaglie di Yarmouk, Pliska e Manzikert sono relativamente famose, ma ci sono decine di altri combattimenti che hanno avuto un ruolo importante nella storia di Bisanzio che vengono spesso trascurati. In questo articolo, cerco di rimediare a quel torto osservando dieci battaglie che hanno causato cambiamenti epocali nell’impero bizantino.

2 La Battaglia di Akroinon (739 o 740)

Dall’inizio delle prime conquiste musulmane nel 622, Bisanzio fu uno dei principali nemici degli arabi. I bizantini subirono una serie di sconfitte cruciali come la catastrofe di Yarmouk nel 636 e la sconfitta di Heliopolis nel 640. I bizantini respinsero i tentativi arabi di assedio di Costantinopoli ma un’altra pesante sconfitta, questa volta nella battaglia di Sebastopoli nel 692, li pose su la difensiva.




Quella battaglia aveva segnato la fine di oltre un decennio di pace tra le due fazioni in guerra.

Il califfato omayyade non riuscì a catturare Costantinopoli dopo un lungo assedio nel 717-718 e distolse la loro attenzione dalla capitale bizantina per un paio d’anni. Tuttavia, rinnovarono la loro offensiva nel 720 con incursioni annuali nel territorio nemico progettate per saccheggiare e distruggere la campagna bizantina. L’obiettivo era di indebolire il nemico e le incursioni divennero più aggressive durante gli anni ’30.

Dopo i raid più riusciti alla fine degli anni 730, il califfo arabo, Hisham ibn Abd al-Malik, lanciò la più grande invasione di tutto il suo regno nel 739/740. La forza di 90.000 invasori era guidata dal figlio del Califfo, Sulayman, e la divise in tre sezioni. In 10.000 fecero irruzione nelle coste occidentali, 60.000 andarono in Cappadocia sotto il comando di Sulayman e gli altri 20.000 marciarono verso Akroinon.




Fu qui che l’imperatore bizantino Leone III Isaurico e suo figlio (che in seguito divenne Costantino V) incontrarono gli invasori.

I dettagli della battaglia sono approssimativi, ma sembra che Leo e suo figlio abbiano sconfitto il nemico e abbiano vinto una schiacciante vittoria. I due comandanti arabi, Abd Allah e Malik, furono uccisi in azione e circa 13.200 arabi caddero ad Akroinon.

Sebbene il resto delle forze arabe riuscì in un obiettivo, causare devastazione alle campagne nemiche, non riuscirono a prendere nessuna delle principali fortezze o città bizantine.

La battaglia di Akroinon fu un punto di svolta nelle guerre arabo-bizantino perché costrinse gli arabi a ridurre la pressione sui loro nemici. Indebolito il califfato omayyade e nel giro di un decennio fu rovesciato dagli Abbasidi. Gli arabi furono cacciati dall’Asia Minore e non lanciarono grosse incursioni per i successivi tre decenni.




3 La seconda battaglia di Marcellae (792)



















Erbe e Piante Medicinali: Principi attivi e antiche ricette

La Battaglia di Akroinon