Il neo druidismo

Dal Diciottesimo secolo alcune società segrete di ispirazione massonica, soprattutto in Gran Bretagna, iniziarono ad utilizzare simboli druidici, come l'Antico ordine dei druidi e la Chiesa del Legame Universale

ll Druidismo, o meglio il neo drudismo, è una corrente religiosa considerata parte del fenomeno tutto occidentale detto “neopaganesimo“. Il druidismo moderno è basato su quelle che si ritengono essere le basi religiose tradizionali dell’antica religione celtica. Di fatto praticamente estintasi per mano dei romani sia nell’antica Britannia che nelle Gallie, e della sapienza druidica.

C‘è da specificare che poco o nulla è giunto fino a noi dei principi fondanti della religione druidica e sulle pratiche dei druidi. Gran parte di quel poco è estrapolato dalle tradizioni contadine tramandate per via principalmente orale.




Dal Diciottesimo secolo, nel periodo che si contraddistinse per la nascita in ambienti culturali di una grande passione per l’esoterismo e le antiche religioni. Appartengono a questo periodo la nascita di importanti sette esoteriche quali la Golden Dawn e la Società Teosofica. Alcune società segrete di ispirazione massonica, soprattutto in Gran Bretagna, iniziarono ad utilizzare simboli druidici, come l’Antico ordine dei druidi e la Chiesa del Legame Universale.
Il neo druidismo
Il neo druidismo
Queste organizzazioni si ispirarono a Iolo Morganwg per le loro filosofie e simbologie, includendo l’uso della Preghiera del druido.
Le cerimonie dei druidi moderni includono incontri settimanali in luoghi boscosi e molti gruppi si basano sul calendario lunare. In queste cerimonie si praticano l’assunzione rituale degli spiriti chiamati acqua della vita. Vengono ordinati nuovi druidi e s’intonano canti e recitati sermoni. Particolare importanza rivestono le cerimonie rituali che si svolgono nei solstizi, gli equinozi e certi festival periodici detti Sabbat.
Durante questi eventi vengono allestite feste e banchetti, si svolgono rituali a sfondo sessuale, si eseguono danze rituali in cerchio e cantici. Uno dei valori fondamentali del neo druidismo è quello dell’ecologia. L’ecologia è considerata l’unica via attraverso la quale è possibile mantenere il legame tra l’uomo e gli spiriti della natura. Centrale è il concetto dell’Awen, principio e forza cosmica.
Il Druidismo viene spesso erroneamente associato ai siti megalitici come Stonehenge o Avebury. Negli Anni ’60 del XX secolo la pratica druidica viene sposata dai nuovi movimenti eco-ambientalisti e dagli hippies, che riscoprono il forte contatto tra la natura ed il mondo sciamanico. Infatti, la maggior parte di chi pratica oggi il neo Druidismo seguono pratiche e rituali propri dello sciamanesimo.




Attualmente, le principali confraternite neo-druidiche sono tre: i seguaci dell’irlandese cattolico John Doland fondatore della confraternita nel 1717, attualmente chiamata Druid Order. I seguaci del carpentiere massone Henry Hurle che nel 1781 ha fondato l’Ancient Order of Druids.

I seguaci del muratore gallese Eduard Williams che si faceva chiamare Iolo Morganwag (1747-1826). Pretendeva di essere l’ultimo depositario dell’antico sapere dei druidi. In un quarto ramo vanno a confluire tutte quelle confraternite o sette che non si riconducono alle tre filosofie precedenti.
C‘è la tendenza a far confluire nel “neo-paganesimo celtico” tutto ciò che è distinto dal Cristianesimo. La cultura religiosa pre-cristiana ingloba sincreticamente elementi folkloristici delle tradizioni antiche, leggende medievali, credenze New-Age e Wicca degli anni’60.