Red Hot Chili Peppers: ecco perché ci riuniamo con John Frusciante

I Red Hot Chili Peppers hanno fatto il loro ritorno la scorsa settimana con il nuovo singolo "Black Summer"

John Frusciante - Red Hot Chili Peppers
John Frusciante - Red Hot Chili Peppers

I Red Hot Chili Peppers hanno fatto il loro ritorno la scorsa settimana con il nuovo singolo “Black Summer“, e non solo è stata la loro prima nuova uscita dopo The Getaway del 2016, ma è la prima dopo il ritorno del chitarrista John Frusciante.

In un’intervista i membri della band dei Red Hot Chili Peppers hanno spiegato la decisione di riunirsi.

“Stava andando lentamente e senza una vera spinta definitiva. Era solo una sorta di meandri”, ha detto il cantante Anthony Kiedis dei loro tentativi iniziali di scrivere il nuovo album. “E poi sia io che Flea abbiamo avuto uno zeitgeist di una sensazione dentro di noi indipendentemente che era: ‘Sarebbe davvero bello coinvolgere John in qualche modo in questo processo.’ Era passato molto tempo e si stava facendo nuovamente conoscere nei nostri circoli dopo essere stato nel suo stesso circolo”.

L’ultimo album dei Red Hot Chili Peppers su cui Frusciante ha suonato è stato Stadium Arcadium del 2006. Il chitarrista ha lasciato la band nel 2008 mentre erano in una pausa indefinita, secondo una dichiarazione che scrisse l’anno successivo, in cui aggiungeva che i suoi interessi musicali lo avevano portato in una direzione diversa. Pertanto, al suo ritorno questa volta, si chiedeva se sarebbe stato in grado di contribuire adeguatamente a un disco rock ‘n’ roll.

“Flea mi aveva messo in testa l’idea di ricongiungermi a loro ed ero seduto lì con la chitarra pensando che non scrivevo musica rock da così tanto tempo. Posso ancora farlo?” ha detto Frusciante.

Flea ha descritto la separazione dal chitarrista Josh Klinghoffer, che ha suonato con la band dal 2009 al 2019, come “emotivamente difficile”.

Red Hot Chili Pepper: Flea dona il basso caratteristico con scarabocchi disegnati a mano in beneficenza

“Ma artisticamente, in termini di capacità di parlare la stessa lingua, è stato più facile lavorare con John. Tornare in una stanza e iniziare a suonare e lasciare che la cosa si svolgesse… è stato davvero eccitante”, ha affermato il bassista entusiasta.

Kiedis ha elogiato il loro processo creativo mentre lavoravano su Unlimited Love e ha inoltre aggiunto che questa volta i membri “si sono davvero spinti a vicenda in modo positivo”.

L’album dei Red Hot Chili Peppers uscirà il 1 aprile e i rocker andranno in tournée entro la fine dell’anno.

John Anthony Frusciante Jr., nato a New York il 5 marzo 1970 è un cantautore e polistrumentista statunitense. Famoso soprattutto come chitarrista, era, ed è tornato ad essere un membro attivo dei Red Hot Chili Peppers nei periodi intercorsi fra il 1988 e il 1992 e fra il 1998 e il 2009 e di nuovo dal 2019, pubblicando cinque album con il gruppo.

Nel 2010 è stato riconosciuto dalla BBC come miglior chitarrista degli ultimi 30 anni e il 14 aprile 2012 è stato introdotto nella Rock and Roll Hall of Fame come membro dei Red Hot Chili Peppers. È stato dichiarato dalla rivista Rolling Stone uno dei nuovi tre Guitar Gods, con Derek Trucks e John Mayer. La stessa rivista lo pone al 72º posto nella classifica dei 100 migliori chitarristi della storia.