Cos’è il canto “growl” nella musica metal?

Quando il famoso "ringhio", il growl, iniziò ad apparire per la prima volta nella musica heavy metal, ebbe molti oppositori

Rock: ecco alcuni motivi per cui questo giorno è importante
Rock: ecco alcuni motivi per cui questo giorno è importante

Quella non è musica! È solo rumore! Quando il famoso “ringhio”, il growl, iniziò ad apparire per la prima volta nella musica heavy metal, ebbe molti oppositori. Consideravano il metal “solo urla e rumore” che non richiede un vero talento musicale.

Ma il “growl” vocale è diventato lentamente più accettato dal mainstream. E nel tempo, ha cambiato il modo in cui ci avviciniamo alla voce nella musica rock e metal moderna. E chiariamo subito una cosa: di certo richiede talento.

Imparare a cantare il growl richiede molta pratica se si vuol farlo bene.  Un growl vocale fatto in modo errato può causare seri danni alle corde vocali. Il growl vocale è molto più di un semplice grido aggressivo e insensato e la tecnica può dare una nuova dimensione la voce in qualsiasi genere si voglia voler aggiungere un tocco ruvido al canto altrimenti pulito.

Quindi ecco come aggiungere il growl quando si canta e come farlo nel modo giusto, per assicurarsi di suonare alla grande e mantenere le corde vocali sane allo stesso tempo.

Crescita vocale: un effetto di distorsione senza attrezzatura

Mentre un chitarrista potrebbe spendere un sacco di soldi per i pedali, si può aggiungere effetti alla voce senza acquistare nulla. Allo stesso modo in cui un chitarrista usa i pedali per aggiungere distorsione, si può applicare questo effetto alla voce che canta in modo completamente “organico”. E proprio come le chitarre distorte, una voce distorta non si limita al solo heavy metal. Sebbene sia vero che il growl sia solitamente associato a sottogeneri metal estremi, come il death metal e molti dei suoi sottotipi, si può sentire questa tecnica vocale nell’heavy metal classico e nell’hard rock, così come in alcuni altri generi.

Come si canta con la tecnica growl:

Se eseguito correttamente, l’effetto non comporta un uso eccessivo delle corde vocali.  Questo effetto è in realtà il risultato dell’interazione tra pochi elementi diversi. Questi includono il flusso d’aria, le corde vocali e il tratto vocale.

Flusso d’aria

Il flusso d’aria è la principale fonte di energia quando si canta. Le pieghe vocali richiedono un flusso d’aria costante per produrre il suono. Ciò che l’energia elettrica è per un chitarrista, il flusso d’aria è per i cantanti.

Pieghe vocali e altre parti del tuo tratto vocale

I cavi sono la principale fonte di suono quando si lavora in combinazione con il flusso d’aria. Mentre l’aria scorre attraverso di loro, le corde vocali vibrano e producono suono. Un suono pulito. Siamo in grado di creare un suono “ruvido” aggiuntivo oltre a voci pulite utilizzando altre parti del tratto vocale. Potresti aver sentito parlare di “armonici” o canto di gola, una pratica per la quale i monaci tibetani e i cantanti Inuit sono famosi. In realtà usano tecniche simili ai cantanti metal moderni. Tutti questi “armonici”, o qualsiasi altro tipo di suono aggiuntivo, deriva dall’implementazione di diverse parti del tratto vocale, oltre alle corde vocali.

Tratto vocale come risonatore

Ultimo ma non meno importante, il tratto vocale funge anche da risonatore che amplifica ulteriormente i suoni prodotti dalle corde vocali e da altre parti. Tutti e tre questi elementi lavorano mano nella mano per creare voci ringhianti di qualità. 

Come eseguire voci death metal e altri tipi di growl

Ci sono alcuni modi per ottenere i cosiddetti “ringhi della morte” così come i ringhi regolari nel canto convenzionale. Tutto richiede il coordinamento tra le diverse componenti sopra menzionate. E tanta pratica. E no, non è una buona idea “irruvidire” la tua voce con alcol e sigarette. Potrebbe aver aiutato Lemmy Kilmister in una certa misura, ma questa è tutta un’altra storia.

Ottieni prima il tuo canto pulito

Prima di entrare nei ringhi, devi prima sistemare il tuo canto pulito. Una volta che sei sicuro del tuo modo di cantare regolarmente, sei libero di andare avanti e aggiungere ulteriori effetti. Quando si tratta di sessioni di pratica o esibizioni in cui canterai ringhiando, è importante prima riscaldarti con un canto pulito, quindi aggiungere lentamente i ringhi solo dopo che le corde vocali si sono adeguatamente riscaldate.

Ringhia espirando

Uno dei modi principali per ottenere un ringhio è attraverso l’espirazione. 

Passaggio 1: postura

Stai in piedi o siediti con la schiena dritta. La postura è davvero importante qui. Il corretto posizionamento dei polmoni, del diaframma e dei muscoli addominali ti aiuterà a mantenere un flusso d’aria sufficiente.

Passaggio 2: ronzio

Inizia canticchiando profondamente usando la tua normale voce pulita. Inizia con ronzii più brevi, una specie di esplosioni. Se sei completamente nuovo a queste tecniche, mettere la mano proprio sotto le costole ti aiuterà. Dopo aver canticchiato per un po’ in queste brevi raffiche, noterai che stai usando i muscoli addominali e il diaframma. Mentre canticchi, aumenta lentamente il volume, ma non oltre i limiti in cui ti senti a disagio.

Passaggio 3: i primi ringhi

Una volta che hai capito, passa alla fase successiva in cui dovrai tirare indietro la lingua il più possibile. Ripeti l’esercizio mentre apri la bocca come se stessi pronunciando la lettera “O”. Noterai che più forte tieni indietro la lingua, più pronunciato sarà questo effetto di ringhio. Sarà comunque un po’ silenzioso, ma assicurati di non spingere troppo sul livello del volume finché non ti senti abbastanza a tuo agio per andare avanti.

Passaggio 4: aggiungi contesto

Successivamente, vorrai aggiungere un contesto significativo al tuo ringhio. Sei ancora lontano dall’espressione artistica. Si tratta solo di pronunciare singole sillabe di qualsiasi tipo e aggiungere lentamente un tono variabile alla voce.

Ringhia per inalazione

Mentre la tecnica di cui sopra è comune anche al di fuori del metallo, la tecnica di inalazione riguarda esclusivamente il metallo estremo. È il tipo di suono simile a un demone maiale che si sente in quelle band dai nomi ridicolmente cruenti e volgari. Questo è fondamentalmente l’esatto contrario del processo sopra: canticchi mentre inspiri, invece che mentre espiri. Dopo un po’, prova ad aprire la bocca con la stessa forma a “O”, il tutto tenendo la lingua indietro. È un po’ più complicato dei ringhi esalati.

Canti e ringhi convenzionali

Passando al canto più convenzionale: aggiungere “sporco” o “fritto” alla voce pulita nella musica pop o rock è leggermente diverso. Implica più lavoro sulle corde vocali rispetto all’approccio metal estremo. Per prima cosa, inizi producendo quei suoni fritti mentre pronunci le vocali. Prova a imitare il suono di un cicalino. Vai costante con esso e assicurati di non sforzare molto. È anche importante mantenere la o postura ed espirare, esattamente come spiegato sopra.

Quindi, prova a spostare il tuo canto dalla gola all’area nasale. Ora ecco che arriva la parte più complicata. Devi tendere un po’ i muscoli faringei (i muscoli che usi per deglutire), ma mantenere comunque un flusso d’aria sufficiente sulle corde vocali. All’inizio ti sembrerà difficile, ma puoi esercitarti cantando note pulite e poi stringere lentamente questi muscoli fino al punto in cui inizi a sentire la distorsione, caratterizzata da un tono “rapido”.

Il relax è la chiave

Mentre i diversi tipi di effetti vocali ringhianti e rochi fanno sembrare che ti stia sforzando, in realtà sono tutti incentrati sul rilassamento. In effetti, se senti tensione, non stai usando la tecnica corretta.

Ringhiare equivale a grugnire o urlare?

Probabilmente hai sentito molti termini diversi che si riferiscono a effetti vocali, come ringhio, grugnito, urla, frittura vocale , voce “roca” e così via. I nomi e le classificazioni potrebbero differire, ma utilizziamo tecniche simili per creare tutti questi effetti, quindi sono sostanzialmente gli stessi. Alcuni classificherebbero tutti questi effetti vocali “sporchi” come distorsioni e li classificherebbero in categorie come ringhio, stridio, raspa, frittura, burrasche e altri. Gli effetti e le tecniche sono molto simili e, ai fini di questa guida, li abbiamo classificati tutti come ringhianti.

Si può danneggiare la voce con il growl?

Anche se il ringhio suona dannoso, eseguirlo correttamente non dovrebbe causare alcun danno alle corde vocali. Tuttavia, le forti sollecitazioni e la creazione di distorsioni solo attraverso le corde vocali possono causare danni permanenti. È fondamentale prendersi sempre cura delle proprie corde vocali. Ciò significa riscaldarsi. Anche bere un tè caldo con il miele aiuta sempre. E non provare a cantare ringhiando quando hai il raffreddore o sei comunque malato.

Potrebbe interessarti:

Metallica: Kirk Hammett annuncia l’EP di debutto da solista, Portals

Canzoni rock e metal con messaggi sociali

Quanto è ricco Tommy Lee?