Green screen e l’arte di filmare effetti pazzeschi

Da "Avengers: Endgame" a "Il lupo di Wall Street" a "Pirati dei Caraibi: La maledizione della perla nera" hanno utilizzato tutti il green screen

Green screen
Green screen

Stranamente, questi due progetti hanno alcune cose in comune: Entrambi sono usciti nel 2003 ed entrambi hanno utilizzato green screen.

Da “Avengers: Endgame” a “Il lupo di Wall Street” a “Pirati dei Caraibi: La maledizione della perla nera” hanno utilizzato tutti il green screen.

“The Room” di Tommy Wiseau è un film indipendente sull’adulterio e i cucchiai incorniciati. Soprannominato “il ‘Citizen Kane’ dei brutti film”, ora ha un seguito di culto, ma questo piccolo dramma eccentrico ha guadagnato solo $ 1.900 durante la sua corsa teatrale originale. I green screen consentono ai creatori di combinare parti di due immagini o video separati. Vuoi vedere Gandalf il filosofico di cera grigia sulla cima di una montagna? Potresti filmarlo sul posto, certo. Oppure potresti mettere l’attore Ian McKellen davanti ad un green screen delle dimensioni di un muro e poi aggiungere lo sfondo robusto in un secondo momento.

Questo trucco magico non è una novità; “Il ladro di Baghdad” degli anni ’40 si basava sulla stessa tecnica di base. Ma ti sei mai chiesto come funziona?

Un’industria colorata
I green screen fanno parte di un processo di effetti speciali che viene variamente chiamato “composizionamento cromatico”, “composizione cromatica” e “composizione cromatica”. Ma diremmo che il nome più descrittivo è quello preferito dalla British Broadcasting Corporation (o BBC): “sovrapposizione di separazione dei colori”. Nella Hollywood di oggi, il metodo è piuttosto semplice. Per prima cosa lo studio crea una superficie piana e liscia, come uno schermo letterale, un foglio di tessuto o un muro dipinto. Qualunque cosa sia, la cosa deve essere di colore uniforme.

Successivamente, gli artisti recitano le loro scene con la superficie monocromatica proprio dietro di loro. Gli artisti degli effetti utilizzano un software per computer appositamente progettato per questo lavoro per filtrare tutto ciò che nell’inquadratura corrisponde a un colore preselezionato.

Quindi, se, ad esempio, lo sfondo è di un verde brillante e hai detto al software di rimuovere digitalmente quel colore, la superficie dello sfondo diventerà trasparente. Può quindi essere sostituito con un’immagine fissa o un feed video diverso. Proprio così, gli attori vengono magicamente trasportati da un set verde a un pianeta lontano. O forse un recinto di dinosauri come quelli di “Jurassic Park”. Le possibilità sono legioni.

Jurassic Park
Gran parte del franchise di Jurassic Park è stato girato davanti a schermi verdi.

Verde o blu?
Di solito, gli schermi e gli sfondi utilizzati in queste riprese con effetti visivi sono disponibili in due colori: verde o blu. Perché? Supponiamo che tu abbia qualcosa in primo piano (come un costume) dello stesso colore del tuo sfondo. Il software potrebbe non vedere la differenza e quindi cancellare l’oggetto automaticamente. Certo, questo potrebbe funzionare a tuo favore, ma solo se è intenzionale.

Quindi, quando si seleziona un colore di sfondo, qualsiasi cosa che assomigli alle tonalità della pelle umana è probabilmente un non inizio. Non è possibile che le mani e il viso della protagonista scompaiano senza preavviso. Il verde brillante e il blu reale non assomigliano per niente alla pelle umana. E sono usati raramente nei costumi. Per questi motivi, sono diventati le due scelte di colore di sfondo più popolari nelle scene che dipendono dalla tecnologia di chroma keying.

Poiché le moderne telecamere hanno più facilità a individuare il verde, è più probabile che tu veda schermi verdi rispetto a quelli blu sui set cinematografici di oggi. Inoltre, è più difficile ottenere la giusta illuminazione con gli schermi blu. Non fraintenderci, però. C’è molto spazio per entrambi. In “Spider-Man” (2002), il personaggio del titolo gira per New York City con i suoi caratteristici collant blu e rossi. Mentre il suo acerrimo nemico, il Green Goblin, indossa… beh, indossa il verde. (Eh.)

Per le scene di volo, la troupe ha dovuto mettere Spider-Man davanti a uno schermo verde e il Goblin davanti a uno schermo blu. In questo modo, entrambi i personaggi si sono distinti nei rispettivi sfondi. Gli schermi verdi non sono solo per Hollywood, però. 

Errori comuni
Oltre a indossare accidentalmente oggetti che corrispondono al colore di sfondo, ci sono alcuni altri errori che vorrai evitare mentre giochi con il processo di chroma key. Cerca di illuminare lo “schermo” reale (o il muro o quello che hai) nel modo più uniforme possibile. Ciò renderà molto più semplice la modifica dell’inquadratura.

Inoltre, dal momento che stai combinando due immagini separate, verifica sicuramente se riesci a sincronizzare l’illuminazione. Se l’attore sullo schermo proietta un’ombra in una direzione, ma le ombre nell’immagine di sfondo puntano nell’altra direzione, il pubblico individuerà la mancata corrispondenza. Gli schermi verdi dovrebbero essere mantenuti senza pieghe, o ti imbatterai di nuovo in quel problema di illuminazione irregolare. Tieni lo schermo teso mentre riprendi e valuta la possibilità di stirarlo o pulirlo a vapore, se necessario.

Anche mettere in scena correttamente gli attori è importante. Assicurati che nessuna delle persone o degli oggetti in primo piano proietti ombre direttamente sullo schermo. Per ottenere i migliori risultati, metti un po’ di spazio tra loro e lo sfondo. Viviamo in un’epoca in cui il chroma keying non è più solo per le principali reti e studi. Vlogger e YouTuber possono ora sfruttare appieno questa tecnologia. Zoom ha anche una funzione di sfondo virtuale che consente ai partecipanti di mettersi in posa di fronte a spiagge sabbiose, monumenti della città o qualsiasi altra cosa stuzzichi la loro fantasia.

Secondo il sito Web dell’azienda, questa funzione “funziona al meglio con uno schermo verde fisico e un’illuminazione uniforme per consentire a Zoom di rilevare la differenza tra te e il tuo sfondo”. Fortunatamente, un green screen domestico può essere acquistato per meno di €50 . Alcuni modelli sono addirittura dotati di un proprio software di editing. Quindi vai avanti e crea immagini fantastiche!

E poi dai un’occhiata a “The Room” perché quel film è un tesoro. La tecnologia di sovrapposizione della separazione dei colori può essere utilizzata anche per rimuovere una persona o un oggetto soli da un set fisico reale. Non guardare oltre “L’uomo invisibile” (2020). Per far funzionare alcune scene, uno stuntman vestito con un completo verde per tutto il corpo è stato filmato alle prese con un altro artista, e poi rimosso digitalmente dalle riprese.



Potrebbe interessarti:

Cinema: recensione dell’italiano Diabolik

Drive My Car, lo spettacolo umano nel cinema di  Ryūsuke Hamaguchi

Workshop di Tecniche Cinematografiche con Vincenzo Marra