Gli Spomenik in Yugoslavia

L’arte è un riflesso della società, i suoi contesti politici, culturali e persino militari. Prova di ciò sono i monumenti conosciuti come Spomenik dislocati su tutto il territorio che un tempo apparteneva alla ormai defunta Repubblica socialista federativa della Yugoslavia.

105

Gli Spomenik in Yugoslavia sono stati cosstruíti tra il 1960-1970. Queste formazioni architettoniche, stili futuristici, sono memoriali della seconda guerra mondiale. Eretti in luoghi in cui i principali scontri si verificarono o dove stavano i campi di concentramento.

Anche se questi monumenti erano popolari negli anni 80 come attrazioni turistiche, con la dissoluzione della nazione jugoslava, divenne ben presto Spomenik condivisa da Bosnia, Croazia e Serbia in primo luogo.

Alto valore estetico e simbolico, riflettono ancora il progresso rivoluzionario della Jugoslavia contro i nazisti affidato dal presidente della nazione socialista.

Scultori Josip Broz Tito come Dušan Džamonja, Vojin Bakić, Miodrag Zivkovic, la Giordania e l’esercito Iskra Grabul, oltre architetti Bogdan Bogdanovic, Gradimir Medakovic.

Gli Spomenik in Yugoslavia

Ciao, Seguici sul nostro Facebook, la pagina è:  Sorox – Il lato oscuro dell’informazione –

Gli Spomenik in Yugoslavia