Gli scienziati hanno scoperto 24 esopianeti “superabitabili” che potrebbero avere condizioni di vita più adatte rispetto al pianeta blu: la Terra. Da decenni gli scienziati stanno lavorando per trovare l’habitat ideale su diversi pianeti e corpi celesti. Uno studio ha scoperto 24 pianeti che sono “superabitabili” e potrebbero offrire una vita migliore rispetto alla Terra. Lo studio ha anche affermato che questi pianeti hanno stelle migliori persino del nostro “Sole”.

Sebbene il Sole sia il centro del nostro sistema solare, avrà una vita relativamente breve di meno di 10 miliardi di anni. Poiché ci sono voluti quasi 4 miliardi di anni prima che qualsiasi forma di vita complessa apparisse sulla Terra, molte stelle simili al nostro Sole, chiamate stelle G, potrebbero esaurire il carburante prima che la vita complessa possa svilupparsi.




 

Oltre a guardare i sistemi con stelle G più fredde, i ricercatori hanno anche esaminato i sistemi con stelle nane K, che sono un po’ più fredde, meno massicce e meno luminose del nostro Sole. Le stelle K hanno il vantaggio di una lunga durata di vita compresa tra 20 e 70 miliardi di anni.

Ciò consentirebbe ai pianeti in orbita di essere più vecchi e darebbe alla vita più tempo per avanzare verso la complessità attualmente presente sulla Terra. Tuttavia, per essere abitabili, i pianeti non dovrebbero essere così vecchi da aver esaurito il loro calore geotermico e privi di campi geomagnetici protettivi.

La Terra ha circa 4,5 miliardi di anni, ma i ricercatori sostengono che il punto debole per la vita è un pianeta che ha tra i 5 e gli 8 miliardi di anni. Tuttavia, questi pianeti si trovano ad almeno 100 anni luce di distanza, per questo motivo gli scienziati non sono in grado di vederli da vicino. Nonostante ciò, i ricercatori credono che i futuri telescopi potranno fornire informazioni più dettagliate su questi pianeti.




Con i prossimi telescopi spaziali in arrivo, otterremo maggiori informazioni, e quindi sarà importante selezionare alcuni obiettivi“, ha affermato Dirk Schulze-Makuch (professore alla Washington State University e alla Technical University di Berlino). Lo studio pubblicato sulla rivista Astrobiology ha anche illustrato le caratteristiche dei potenziali pianeti “superabitabili”. Hanno incluso anche quelli un po’ più grandi. Più caldi. Con più acqua e mezzi di sussistenza adatti della Terra.

Con i telescopi come Jame- Webb, il PLATO e il LUVIOR, il ricercatore può ottenere tutte le informazioni possibili della vita sugli esopianeti. L’abitabilità non significa che questi pianeti abbiano sicuramente la vita, ma semplicemente che potrebbe avere condizioni favorevoli alla vita.
Schulze-Makuch ha spiegato che è necessario concentrarsi su pianeti che presentano condizioni più promettenti per una vita complessa. Aggiungendo che devono stare attenti a non rimanere bloccati sulla ricerca di una seconda Terra. Potrebbero esserci addirittura pianeti più adatti alla vita rispetto al nostro pianeta Terra.

Schulze-Makuchi ha collaborato con gli astronomi Rene Heller del Max-Planck-Institute-for-Solar-System-Research e Guinan dell’Università di Villanova, per identificare la superabitabilità. Su circa 4.500 pianeti al di fuori del sistema solare, 4 criteri per considerare questi pianeti adatti al sostentamento.




Ovvero, disponibilità di acqua.
10% di superficie terrestre.
Una gravità più forte.
Una temperatura complessiva leggermente più calda.
Una temperatura superficiale media di circa 5 gradi Celsius maggiore della Terra.

Anche una maggiore umidità sarebbe migliore per la vita. Tuttavia, non tutti i pianeti hanno superato tutti e quattro i criteri per la vita.

Tra i 24 migliori pianeti candidati nessuno di loro soddisfa tutti i criteri per i pianeti superabitabili.

Uno ha quattro delle caratteristiche critiche. Ciò lo rende più comodo per la vita del nostro pianeta natale.

A volte è difficile trasmettere questo principio dei pianeti super abitabili perché pensiamo di avere il pianeta migliore.” Afferma Schulze-Makuch. “Abbiamo un gran numero di forme di vita complesse e diversificate. Molte delle quali possono sopravvivere in ambienti estremi. È bello avere una vita adattabile. Ciò non significa che abbiamo il meglio di tutto“.




Gli scienziati identificano 24 pianeti

Fonte: Scitechdaily

Leggi “Viaggi” 

Perché il tempo non passa mai o vola?

 

 



















Erbe e Piante Medicinali: Principi attivi e antiche ricette