Le foto inquietanti delle morti vittoriane

Fino ad oggi, le immagini delle morti vittoriane rimangono agghiaccianti artefatti di un'epoca passata che sconvolge la sensibilità moderna

Spesso i soggetti deceduti venivano posti in posizioni realistiche - morti vittoriane
Spesso i soggetti deceduti venivano posti in posizioni realistiche - morti vittoriane

Fino ad oggi, le immagini delle morti vittoriane rimangono agghiaccianti artefatti di un’epoca passata che sconvolge la sensibilità moderna. 

La creazione di foto post mortem delle morti vittoriane

La tradizione di preservare le immagini dei bambini deceduti esisteva molto prima della fotografia.  Fotografare persone morte può sembrare un compito orribile. Ma nel 19° secolo, i soggetti defunti erano spesso più facili da catturare su pellicola rispetto a quelli vivi, perché non erano in grado di muoversi.

morti vittoriane



A causa della bassa velocità dell’otturatore delle prime fotocamere, i soggetti dovevano rimanere fermi per creare immagini nitide. Quando le persone visitavano gli studi, i fotografi a volte li tenevano in posizione con supporti in ghisa.
Come ci si potrebbe aspettare, le foto della morte vittoriana sono spesso facili da identificare a causa della loro mancanza di sfocatura. Dopo tutto, i soggetti in questi ritratti non sbattevano le palpebre né si spostavano improvvisamente.
Catturando i morti su pellicola, le foto della morte vittoriana hanno dato alle famiglie l’illusione del controllo. Sebbene avessero perso un amato parente, potevano comunque modellare il ritratto per enfatizzare un senso di calma e tranquillità.
Il marito vivente piange la moglie morta - morti vittoriane
Il marito vivente piange la moglie morta – morti vittoriane




A differenza di molti ritratti, che sono stati presi in studi fotografici, le foto post mortem sono state solitamente scattate a casa.

Mentre la tendenza dei ritratti di morte ha preso piede, le famiglie si sono impegnate a preparare i loro parenti defunti per il servizio fotografico.

In questo ritratto, il fotografo ha posizionato il bambino in una posa seduta. Il collo collassato e la mancanza di sfocatura possono indicare che si trattava di una fotografia post mortem. Circa 1870.
Fotografi e familiari a volte hanno decorato la scena per chiarire lo scopo della fotografia. In alcune immagini, i fiori circondano il defunto.

In altri, i simboli della morte e del tempo – come una clessidra o un orologio – segnano il ritratto come una fotografia post mortem. Un posizionamento pacifico come questo ha aiutato molte famiglie a commemorare i loro amati figli. Circa 1885.

Bambino deceduto i cui occhi sono probabilmente aperti
Bambino deceduto i cui occhi sono probabilmente aperti




In alcuni casi, le fotografie post mortem hanno creato attivamente l’impressione della vita. Le famiglie potevano richiedere il trucco per mascherare un pallore mortale. E alcuni fotografi si sono persino offerti di dipingere gli occhi aperti sull’immagine finale.



Il defunto giace sul pavimento del parlatorio circondato dai familiari
Il defunto giace sul pavimento del parlatorio circondato dai familiari

Correlato: Diventare un diamante dopo la morte, oggi si può



https://it.wikipedia.org/wiki/Fotografia_post_mortem
























Erbe e Piante Medicinali: Principi attivi e antiche ricette

Le foto inquietanti delle morti vittoriane