Foo Fighters

“Medicine At Midnight”

RCA




Foo Fighters "Medicine At Midnight
Foo Fighters: “Medicine At Midnight

La notizia di un nuovo album dei Foo Fighters di solito porterà due reazioni opposte. Negli ultimi 25 anni circa, i Foo Fighters sono cresciuti da quella palla di debutto scricchiolante di energia sparata nel buio al fenomeno comunitario globale che sono oggi, producendo musica che riunisce moltitudini di tutto il mondo.

Quindi come si inseriscono nel 2021 quando non possono brillare nel loro habitat naturale?

Il diverso punto di vista è chiaro fin dall’inizio di Making A Fire, una chitarra funky in stile Lenny Kravitz che sostiene la traccia mentre le armonie in stile gospel entrano subito in gioco.

La canzone trasuda positività ed è proprio quella che è la spada a doppio taglio che la band brandisce, il pregiudizio di conferma rafforzato sia per i loro accoliti che per gli apostati. Ma poi di nuovo, erano e non sono mai una band il cui scopo è convincere gli haters, solo per riunire quelli che vogliono.




È immediatamente stridente quindi che, dopo tanta fretta, cadano direttamente nel singolo principale Shame Shame.  Chasing Birds fa da ponte alla ballata sdolcinata di McCartney con un tocco anche dei Bee Gees forse più malinconici e riesce a rallentare il ritmo senza intaccare positività e speranza.

No Son Of Mine si rifà ad alcuni dei momenti migliori della band, una canzone scatenata e scoppiettante contro la guerra che inietta il rock esattamente nel disco, doppia dose.




Holding The Poison continua anche a dimostrare che hanno ancora le loro capacità rock e non suona troppo lontano da quello che stavano facendo in There Nothing Left To Lose.

Waiting On A War è costruito per i canti di massa che la band e tutti i loro fan brameranno. Si accumula lentamente da una singola chitarra acustica, sottili corde che si avvolgono sotto prima di colpire il passo e si solleva per l’ultimo quarto mentre i Foo fanno così bene.

Dopo 25 anni e 10 album, è bello vedere che hanno ancora uno o due trucchi nella manica.









L’EFFETTO NEL SONNO DELLA MUSICA A 432HZ








Joy Division: la curiosa nascita di “Love Will Tear Us Apart”







Le Caratteristiche dei sottogeneri dell’Hip Pop