I film horror più inquietanti dell’ultimo decennio

61

Chiamali film horror, thriller o drammi psicologici con sfumature socio-sessuali: i film che hanno portato la follia e la minaccia negli ultimi dieci anni lo hanno fatto con intuizione e abilità artistica senza precedenti.

In quanto tale, non sembra giusto nemmeno tentare di assemblare un unico elenco dei migliori e più deprimenti del decennio, ma è proprio quello che abbiamo fatto qui.

Questi sono i film più inquietanti dell’ultimo decennio:

Sotto la pelle – (Under the skin) (2014)

Se sei entrato nella sconvolgente tana del coniglio che è l’opera video musicale di Jonathan Glazer, sai già che il regista ha una particolare propensione a spingersi oltre i confini con immagini e toni inquietanti.

Sotto la pelle (2014) – Under the skin

Under the Skin è un vero e proprio assalto ai sensi dai suoi momenti iniziali fino all’ultimo. È dotato di una performance rivelatrice di Scarlett Johansson e c’è una scena a metà del film  inesorabilmente snervante che farai fatica a non spegnere lo schermo.

Entra nel vuoto – (Enter the Void)  (2010)

Enter the Void è un film del 2009 scritto e diretto da Gaspar Noé, definito dallo stesso regista un “melodramma psichedelico”. Nel cast ci sono Nathaniel Brown al suo debutto, Paz de la Huerta e Cyril Roy, anch’egli nel suo primo ruolo cinematografico.

Il regista argentino Gaspar Noé si è fatto una reputazione nel corso degli anni. Più di qualsiasi altro regista con un film in questa lista, Noé ha cercato di scioccare e provocare. Ha rotto le menti e ha spinto gli spettatori al limite con la narrativa inversa iperviolenta ed emotivamente punitiva di Irreversible del 2002 , ma sembra che avesse in mente un diverso tipo di viaggio in testa per la sua terza offerta, il dramma allucinatorio pseudo-aldilà del 2009 Enter the Void.

Enter the Void
Enter the Void

La storia è ambientata a Tokyo, e vede come protagonista Oscar, giovane spacciatore appena sbarcato in Giappone e attratto dalle droghe enteogene, che vive in un appartamento con la sorella Linda.




Poco dopo avere fumato della DMT, Oscar riceve una telefonata dell’amico Victor, che gli chiede di portargli della droga in un locale chiamato “The Void”. Recatosi sul posto insieme ad Alex, l’amico che gli ha presentato Victor, che gli ha fornito i contatti per trasferirsi a Tokyo e che è un esperto di esperienze allucinogene,

Oscar scopre che l’incontro era una trappola della polizia, organizzata grazie alla collaborazione riluttante di Victor. Chiusosi nella toilette del The Void, Oscar cerca di liberarsi della droga che ha con sé, urlando di avere in mano una pistola per guadagnare tempo. La polizia spara attraverso la porta, ferendo a morte il protagonista che cade a terra agonizzante e muore.

A questo punto, Oscar inizia a vivere un’esperienza extra corporea, viaggiando attraverso il passato ed il futuro.

Il Babadook (2014)

Quando il regista di uno dei più grandi film horror della storia del cinema afferma che il tuo film è il film più spaventoso che abbia mai visto, sai di aver fatto qualcosa di speciale.

Così è stato che quando il leggendario William Friedkin – l’uomo dietro  L’esorcista – ha iniziato a dire alla gente che il film indipendente di Jennifer Kent del 2014 The Babadook  “ti spaventerà a morte”, beh, gli amanti del genere di tutto il mondo se ne sono accorti immediatamente.

Babadook
Babadook

Il film è interpretato da Essie Davis, Noah Wiseman, Daniel Henshall, Hayley McElhinney, Barbara West e Ben Winspear, è basato sul cortometraggio di Kent del 2005 Monster.

Ereditario – Hereditary – Le radici del male (2018)

Secondo lo sceneggiatore e regista Ari Aster, il suo brutalista shocker del 2018 Hereditary è in realtà solo un piccolo dramma familiare al suo interno. Ma è un po’ come definire Lo squalo un’affascinante storia di pesci fuor d’acqua.




Quindi sì, mentre non possiamo davvero sostenere che Hereditary non sia un dramma familiare, vogliamo anche essere chiarissimi sul fatto che Hereditary non sia solo un dramma familiare.

Hereditary
Hereditary

Tuttavia, fedele alla dichiarazione di Aster, Hereditary inizialmente si presenta come una sorta di dramma indipendente atipico su una famiglia in lutto.

Mentre il film si svolge, un passato profondo e oscuro inizia a emergere in superficie e Hereditary si trasforma vertiginosamente in un incubo soprannaturale al cardiopalma, semplicemente da vedere per credere. Sappi solo che non sarai mai in grado di vedere Hereditary.

Midsommar – Il villaggio dei dannati (2019)

Con Hereditary di Ari Aster che ha immediatamente alzato l’asticella per i registi di genere giovani e meno giovani, sembrava improbabile che qualcuno potesse superare il film in termini di valore shock genuino e da capogiro per il prossimo futuro.

Sembra che l’unica persona in grado di avvicinarsi fosse lo stesso Aster. Anche se Midsommar potrebbe non eguagliare Hereditary in termini di shock e paura, potrebbe essere il film migliore in termini di impatto emotivo schiacciante e di energia spietatamente minacciosa.




Midsommar - Il villaggio dei dannati
Midsommar – Il villaggio dei dannati

Naturalmente, a sentirlo dire da Aster, Midsommar è un “film di rottura” relativamente semplice. Credici quando diciamo che Midsommar è un “film di rottura” nello stesso modo in cui Hereditary è un “dramma familiare”. Il che significa che non è affatto un film sulla rottura.

Colore a monte (2012)

Ci sono registi che si affidano a spaventi e sangue finto per penetrare sotto la pelle del pubblico, e quelli che credono che immagini austere, sfumature inquietanti e l’illusione del sinistro siano altrettanto efficaci. Shane Carruth è di quest’ultima scuola e Upstream Color lo dimostra più che bene.

Colore a monte

Se siamo completamente onesti, offriremmo che Upstream Color è un film meno preoccupato di ciò di cui tratta rispetto a ciò che può farti sentire – e apparentemente non c’è fine a ciò che Carruth può ottenere su quel particolare fronte.

Hagazussa (2019)

Situato in un isolato, regione montuosa d’Europa intorno al 15° secolo, l’incubo gotico di Lukas Feigelfeld  Hagazussa si spinge in avanti ad una clip sub-glaciale che sembrerebbe certamente orientata verso imitando il ritmo della vita in tale regione.

Mentre il film riesce completamente a catturare il ritmo lento della vita sulle colline, Feigelfeld usa anche quel ritmo per lanciare una sorta di incantesimo ipnotico sugli spettatori.

Hagazussa
Hagazussa

Ciò non verrà interrotto fino agli ultimi momenti da brivido dello stomaco del film. In rotta verso quel finale oltre il brutale, Feigelfeld stappa un racconto popolare nero come la pece su una donna single con un passato pagano che cerca di sopravvivere nella natura selvaggia e crescere la figlia neonata in relativa pace.

La figlia di Blackcoat (2015)

Parlando di solitudine che schiaccia l’anima, è il principale colpevole al lavoro nel film di possessione implacabile di Oz Perkins (figlio di Anthony di Psycho) The Blackcoat’s Daughter. Detto questo, c’è una misteriosa forza malvagia che si scatena nel film che potrebbe o meno aver rivendicato l’anima del  personaggio centrale della figlia di Blackcoat e l’ha costretta a compiere atti di violenza inconcepibili.

La figlia di Blackcoat
La figlia di Blackcoat

Demoni e possessi a parte, la solitudine e l’isolamento sono davvero le forze trainanti in gioco in The Blackcoat’s Daughter. Il film si svolge in gran parte sulla base di una scuola cattolica femminile da qualche parte nel lontano nord.

Quando due delle ragazze (Kiernan Shipka e Lucy Boynton) sono bloccate lì durante le vacanze invernali (una credendo che una certa calamità sia accaduta ai suoi genitori, l’altra di fronte a una sua difficile scelta), le cose si fanno strane molto rapidamente con la ragazza più giovane che sembra essere posseduto da qualche invisibile presenza demoniaca.

Madre! (2017)

C’è un aumento generale della posta in gioco incorporato nella struttura narrativa della maggior parte dei film horror, perché detti film richiedono che l’azione diventi più sanguinosa e brutale semplicemente per aumentare la posta in gioco per i personaggi intrappolati all’interno.



Madre!
Madre!

La madre di Darren Aronofsky è un film horror talmente consumato dall’idea di alzare la posta che quasi crolla su se stesso al servizio della sua spericolata ambizione narrativa. Mentre c’è un palpabile senso di disagio che attraversa il film e momenti chiaramente orribili, è probabilmente un po’ ingiusto etichettare la madre! un film horror.

Se siamo completamente onesti, altro! non si adatta perfettamente a nessun singolo genere, perché non c’è mai stato un film del genere prima d’ora, e non siamo ancora sicuri di come Aronofsky abbia realizzato uno spettacolo così sfacciatamente esagerato.

Nightcrawler (2014)

A volte non è tanto la storia che un film racconta che mette a disagio più di quanto lo siano i personaggi che lo popolano. Se hai già visto la bruciante satira del ciclo di notizie di Dan Gilroy Nightcrawler , sai benissimo che Lou Bloom è uno di quei personaggi.




Il demone al neon
Il demone al neon

Sai anche che la ragione per cui il personaggio (e il film stesso) è così inquietante è a causa dell’energia abominevole e abrasiva che Jake Gyllenhaal porta nel ruolo.

Sebbene il lavoro di Gyllenhaal in Nightcrawler sia stato ignorato dall’Accademia, il suo turno di Lou Bloom, moralmente vacuo, rimane non solo una delle migliori interpretazioni di quell’anno, ma della sua lodata carriera. Nightcrawler potrebbe essere il miglior film in cui l’attore abbia mai recitato, anche se è senza dubbio il più intrinsecamente inquietante.




Il demone al neon (2016)

Prima di iniziare la produzione di The Neon Demon , il suo decimo lungometraggio, il regista danese Nicolas Winding Refn si era già affermato come un elegante provocatore cinematografico al livello degli altri agitatori Lars von Trier e Gaspar Noé.

Con film audacemente stilizzati come Pusher, Drive e Only God Forgives, si era anche distinto dai suoi fratelli come regista completamente ossessionato da drammi pulp squallidi vestiti con immagini nette e inondate di neon. Sebbene rimanga un film che divide anche tra i fan di Refn, The Neon Demon è essenzialmente il culmine di tutto ciò che ha reso Refn una forza artistica così intrigante.




Il demone al neon
Il demone al neon

Stranamente, The Neon Demon presenta anche una delle configurazioni meno avvincenti di Refn: una bella giovane donna si trasferisce a Los Angeles nella speranza di diventare una modella.

La malvagità che Refn fa girare da quella configurazione semplicistica è a dir poco geniale del genere, con la città e tutti gli ossessionati dal sesso e dalla bellezza che la gestiscono letteralmente banchettando con la vitalità giovanile della donna irruente anche se diventano poetici su cosa sia veramente la bellezza.