Fatti folli dei Led Zeppelin

Questo elenco dà un'occhiata ad alcune delle storie più folli del periodo di massimo splendore dei Led Zeppelin

Led Zeppelin
Led Zeppelin

Probabilmente la più grande rock band di tutti i tempi, l’eredità e l’influenza dei Led Zeppelin sono visibili in tutto il panorama musicale. Con nove enormi album, leggendarie esibizioni dal vivo e una stima di 300 milioni di dischi venduti in tutto il mondo, il loro impatto non può essere sottovalutato.

Traguardi musicali a parte, i Led Zeppelin hanno anche la reputazione di portare lo stile di vita rock and roll a livelli di eccesso mai visti prima. Dalle stanze d’albergo trasandate al consumo di droghe da capogiro agli atti indicibili compiuti sulla vita acquatica, la band è in una lega a sé stante quando si tratta di attività extracurriculari dissolute da rockstar.

Questo elenco dà un’occhiata ad alcune delle storie più folli del periodo di massimo splendore dei Led Zeppelin: il cattivo comportamento nel backstage, le folli buffonate del tour e le storie più selvagge di una delle più grandi band della storia.

Jimmy Page ha indossato un’uniforme nazista mentre si drogava con le drag queen

Jimmy Page è uno dei migliori chitarristi di tutti i tempi. Secondo Pamela Des Barres, la groupie preferita della band, in ogni città che la band ha visitato a metà degli anni ’70, Jimmy Page avrebbe indossato tutte le insegne SS e ha trovato il drag club più vicino, dove si è fatto l’eroina con gli artisti nel bagno.

Kenneth Anger ha maledetto Jimmy Page dopo un litigio per “Lucifer Rising”

Nel 1973, il regista iconoclasta e presunto mago, Kenneth Anger incontrò Jimmy Page all’asta di Sotheby’s. Entrambi stavano facendo un’offerta per un manoscritto di Aleister Crowley e si unirono immediatamente al loro amore per il lavoro dello scrittore.

Correlato: Aleister Crowley, Il re dell’occulto

Al momento del loro incontro, Anger stava lavorando al cortometraggio Lucifer Rising dal 1966 e aveva bisogno di musica. Ha chiesto a Page di comporne alcuni e Page ha accettato. Anger si trasferì quindi alla Boleskine House di Page in Scozia (precedentemente di proprietà di Crowley) e, secondo alcuni, Page prestò l’attrezzatura per il montaggio di Anger da utilizzare nel film.

Page ha scritto circa 20 minuti di musica (estremamente stravagante, un po’ strabiliante) per il film, ma Anger voleva 40 minuti. Prima che Page potesse fornire di più, i due hanno avuto un grave litigio sul punteggio e perché, secondo Anger, la ragazza di Page, Charlotte Martin, lo ha cacciato dal seminterrato della casa di Page dopo una discussione.

Anni dopo, Anger ha ricordato:

Quindi Jimmy Page ha fatto un po’ di musica invece. È un avaro, il che è una cosa orribile. Non pagherebbe nemmeno il pranzo. Così ho detto: “Non è assurdo che tu sia così tirchio?” E questo ovviamente lo ha insultato. Era sotto l’eroina tutto il tempo – odio tutti quei drogati perché i loro occhi diventano vitrei e quello che dicono non ha senso perché non lo seguono. Ho detto: “OK, Jimmy, ho bisogno di esattamente 40 minuti”. Ma mi ha dato solo 20. Ho detto: “Cosa dovrei fare, suonarlo due volte? Ho bisogno di 40 minuti! Ho bisogno di un climax! Tipo, [il film] è la fine e l’inizio del mondo – tu” devo darmi quella grande musica!”

Dopo il litigio, Anger ha maledetto pubblicamente Page e Martin. Alcuni attribuiscono a questa maledizione la serie di sfortuna che colpì Robert Plant a metà degli anni ’70. Secondo la rabbia:

È un avaro multimilionario. Lui e Charlotte, quell’orribile vampira… Avevano così tanti servitori, eppure non mi avrebbero mai offerto una tazza di tè o un panino. Il che è un tale errore da parte loro perché ho lanciato su di loro la maledizione del re Mida. Se sei avido e accumuli solo oro ti viene una malattia. Quindi ho trasformato lei e Jimmy Page in statue d’oro perché entrambi hanno perso la testa. Non può più scrivere canzoni.

Correlato: L’Ordine Ermetico della Golden Dawn e la musica

Page era così ossessionato da Aleister Crowley che ha comprato la sua casa in Scozia, poi è andato fuori di testa e ha smesso di andarci

Il fascino di Jimmy Page per la leggenda mistica e occulta britannica Aleister Crowley, un tempo chiamato “l’uomo più malvagio del mondo”, è evidente nei simboli usati sulle copertine degli album degli Zeppelin e si manifesta nelle abitudini di spesa di Page. Ha raccolto innumerevoli libri e manoscritti di Crowley, comprese opere inedite e quelle scritte dallo stesso Crowley.

Nel 1970, Page acquistò Boleskine House, un remoto maniero nelle highlands scozzesi un tempo di proprietà di Crowley, che a un certo punto fu soprannominata “la casa più famigerata delle Highlands”. Si dice che Crowley abbia eseguito tutti i tipi di magia nera e rituali occulti a casa, che ha acquistato appositamente per quello scopo. Uno di questi riti è stato interrotto, il che avrebbe causato gravi disordini nella zona.

Gli spiriti che ha evocato sono sfuggiti di mano, costringendo una cameriera ad andarsene e un operaio a impazzire. Insinua anche di essere stato indirettamente responsabile di un macellaio locale che ha accidentalmente reciso un’arteria ed è morto dissanguato. Crowley aveva scritto i nomi di alcuni demoni su un conto della macelleria.

Dopo alcuni viaggi a Boleskine nei primi anni ’70, Page smise di andare a casa. Ha parlato di “cattive vibrazioni” e ha affermato di aver sentito la testa mozzata di un fantasma – forse Simon Fraser, 11° Lord Lovat – rotolare per i pavimenti di notte. Page ha chiesto all’amico d’infanzia Malcolm Dent di occuparsi della casa per lui; Dent lo ha fatto, vivendo lì con sua moglie, crescendo i suoi figli in casa fino a quando Page non lo vendette negli anni ’90.

Dent ha affermato di aver sperimentato anche strani avvenimenti:

Le porte sbatterebbero tutta la notte, si entra in una stanza e si ammucchiano tappeti e moquette. Dicevamo solo che era Aleister a fare le sue cose. Nel 2015, la maggior parte del maniero è stata distrutta da un enorme incendio.

La band una volta usava pezzi di squalo in un atto sessuale

Uno dei più famigerati racconti di depravazione negli annali del rock and roll coinvolge i Led Zeppelin, uno squalo e una groupie. Come narra la leggenda, dopo un’esibizione al Seattle Pop Festival nel luglio 1969, la band si ritirò all’Edgewater Inn, un hotel che si trova sopra il Puget Sound di Seattle. La posizione panoramica della locanda consente agli ospiti di pescare direttamente dai balconi delle loro stanze, cosa che la band ha fatto, annaspando in uno squalo fangoso.

Più tardi, quella stessa sera, la stanza fu assediata da groupies (come di solito accadeva), e la band pensò di provare qualcosa di avventuroso. Presumibilmente, una giovane donna è stata legata mentre pezzi di squalo sono stati messi dentro di lei in un insolito atto sessuale.

La storia non è mai stata completamente smentita, ed è talvolta attribuita alla band Vanilla Fudge. La forma del pesce di tanto in tanto cambia in un pesce spada o in un dentice rosso , nel frattempo, e se la groupie ha acconsentito non è mai stato chiaro.

Jimmy Page avrebbe adorato il diavolo

Molto prima che il Satanic Panic fosse legato all’heavy metal tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80, Jimmy Page dei Led Zeppelin era profondamente immerso nel mondo del Signore Oscuro durante la fulminea ascesa dei Led Zeppelin alla fine degli anni ’60.

Sebbene Page non si sia mai dichiarato esplicitamente satanista, dicendo a Rolling Stone, “Non voglio davvero parlare delle mie convinzioni personali o del mio coinvolgimento nella magia” (beh, questo chiarisce le cose), aveva un’ossessione per Aleister Crowley, un occultista inglese che si faceva chiamare “The Great Beast 666”.

Jimmy Page ha frequentato una ragazza di 14 anni, con cui David Bowie era già coinvolto

A Los Angeles all’inizio degli anni ’70, Jimmy Page sembrava essere piuttosto preso da una giovane groupie di nome Lori Maddox. Durante il soggiorno alla famosa Hyatt House (soprannominata la “Riot House” per le leggendarie feste da rock star che organizzava) a Hollywood, Page ha inviato uno dei roadie della band per scortare Maddox nella sua stanza. Aveva solo 14 anni.

Quella fatidica serata diede il via a una relazione che durò diversi anni e, essendo lui una grande celebrità ed erano gli anni ’70, Page non dovette affrontare alcuna ripercussione legale per stupro legale. Inoltre, si dice che Maddox uscisse con David Bowie all’epoca, implicando anche lui nello scandalo.

The Nightmare 1977 US Tour ha caratterizzato disordini e pestaggi

Il tour del 1977 dei Led Zeppelin è stato molte cose: un momento spartiacque nei tour degli stadi esagerati; un enorme successo finanziario; una dichiarazione della travolgente potenza commerciale e del dominio della musica rock degli Zeppelin; e un incubo violento e tumultuoso.

Il tour è stato il primo della band da quando il cantante Robert Plant si è rotto un certo numero di ossa in un incidente d’auto mentre era in vacanza dopo l’uscita di Physical Graffiti. Tutto è andato storto fin dall’inizio; Plant si è ammalato di laringite, ritardando l’inizio del tour. E la band aveva già spedito i suoi strumenti negli Stati Uniti, lasciandoli senza attrezzatura per più di un mese – Jimmy Page non suonava affatto la chitarra in quel periodo.

Nell’aprile 1977, scoppiò la violenza al Cincinnati Riverfront Coliseum, dove i fan senza biglietto si precipitarono al cancello e lanciarono bottiglie e sassi attraverso le finestre per mandare in crash lo spettacolo. A giugno, durante uno spettacolo a Tampa, in Florida, un temporale ha interrotto lo spettacolo, provocando una rivolta dei fan, 19 arresti e più di 50 feriti. Durante uno spettacolo a Chicago, Jimmy Page si ammalò gravemente.

La principale istanza di follia si è verificata a Oakland, in California, ed è stata esacerbata dalla decisione del manager degli Zeppelin Peter Grant di assumere criminali come sicurezza. La storia è più o meno così: un ragazzo di nome Jim Matzorkis, che lavorava per la sicurezza per il promotore di concerti Bill Graham, ha picchiato il figlio di 11 anni di Peter Grant. Grant e un’altra guardia di sicurezza/criminale, John Bindon, sono poi andati in una roulotte di sicurezza, hanno trovato Matzorkis e l’hanno picchiato a sangue.

Secondo il tour manager degli Zep Richard Cole:

Quando la band è scesa dal palco, Peter è andato dietro al ragazzo con Johnny Bindon. Ero fuori dalla roulotte con una sbarra di ferro, assicurandomi che nessuno potesse entrare e prenderli, perché allora la gente cercava Granty e Bindon.

Il figlio di Robert Plant è morto improvvisamente mentre gli Zeppelin erano negli Stati Uniti

Nel luglio 1977, subito dopo un violento incidente che coinvolse il manager e la sicurezza della band a Oakland, in California, i Led Zeppelin si diressero a New Orleans. Lì, il cantante Robert Plant ha ricevuto due telefonate su suo figlio di 5 anni, Karac, che è stato improvvisamente colpito da una grave infezione allo stomaco.

Come ha ricordato il tour manager Richard Cole, “La prima telefonata ha detto che suo figlio era malato. E alla seconda telefonata, sfortunatamente, Karac era morto in quel momento.”

La band annullò immediatamente il resto del tour e Plant tornò in Inghilterra per stare con sua moglie, Maureen, e la loro figlia, Carmen. Come disse il padre di Plant quando fu intervistato nel 1977, “Karac era la pupilla degli occhi di Robert. Si idolatravano a vicenda”.

Plant si ritirò dalla band per affrontare la tragedia. In seguito ha detto: “Dopo la morte di mio figlio Karac nel 1977, ho ricevuto molto sostegno da [Bonham], e ho attraversato il mulino perché i media hanno acceso l’intera faccenda e l’hanno resa ancora peggiore”.

Alla morte di Karac, Plant smise di assumere tutte le sostanze e prese in considerazione l’idea di ritirarsi dalla musica per concentrarsi su una carriera nel campo dell’istruzione. Alla fine tornò agli Zeppelin.

Hanno strappato i vestiti di un giornalista

I membri dei Led Zeppelin erano, nel loro periodo di massimo splendore, grandi rockstar. Con questo in mente, non è difficile immaginare la ricchezza di groupies volenterosi che avevano intorno a loro. Eppure, la band ha una reputazione davvero problematica quando si tratta delle loro interazioni con le donne.

Una famigerata storia di questo comportamento abusivo riguarda un giornalista della rivista Life che era stato inviato per profilare la band. I ragazzi – forse in preda a un’assurda quantità di droga – hanno iniziato a molestare la donna e presumibilmente le hanno strappato i vestiti. La donna iniziò a singhiozzare, comprensibilmente temendo per la propria incolumità. Fortunatamente, secondo quanto riferito, il manager della band, Peter Grant, è venuto in suo aiuto e le ha strappato la band.

John Bonham ha bevuto 40 bicchierini di vodka la notte della sua morte

Come il leggendario batterista dissoluto Keith Moon prima di lui, a John Bonham piaceva davvero molto bere. Anche come Keith Moon, Bonham morì prematuramente grazie al suo bere, scomparendo il 25 settembre 1980, all’età di soli 32 anni.

Il giorno della sua morte, Bonham stava provando con la band a casa del chitarrista Jimmy Page a Windsor Berkshire, in Inghilterra, presumibilmente bevendo vodka. Ad un certo punto, Bonham è svenuto e non è stato in grado di svegliarsi quando il suo corpo ha iniziato a vomitare l’alcol nel suo sistema; è passato dal soffocamento con la sua stessa bile. Un’autopsia in seguito rivelò che, sebbene non avesse droghe nel suo sistema, aveva consumato l’equivalente di 40 bicchieri di vodka.

Il chitarrista dei Led Zeppelin Jimmy Page non ha carenza di folli storie sessuali legate al suo nome. Un’istanza in cui saluta alcune groupie, tuttavia, ottiene alcuni punti extra per la creatività. Durante il tour – e apparentemente annoiato a morte in un hotel – Page e il batterista John Bonham sono stati colpiti da un’idea su come presentare il chitarrista richiesto a una piccola orda di fan femminili.

Secondo quanto riferito, Page si è spogliato completamente nudo e si è sdraiato su un carrello del servizio in camera; Bonham poi lo ricoprì di panna montata e, assumendo il ruolo di fattorino, lo spinse in una stanza di giovani donne. Qualunque cosa sia successa dopo, probabilmente era davvero antigienica.

Bonham ha pedalato lungo i corridoi dello Chateau Marmont

In quella che è una delle scene più memorabili del film del 2000 di Cameron Crowe Quasi famosi (un film basato sulle gesta degli edonisti del rock degli anni ’70, tra cui i Led Zeppelin), un chiassoso rock and roller guida una moto attraverso il corridoio di un hotel. Mentre l’immagine evoca un’idea esagerata dell’eccesso di rock star, si basava su un evento reale.

Il batterista e uomo selvaggio John Bonham è responsabile di uno degli eventi più famosi nella storia dello storico hotel di Hollywood, Chateau Marmont . Bonham, come narra la storia, ha guidato una moto attraverso la hall dell’hotel in un’acrobazia follemente audace che avrebbe ripetuto altre due volte , dando lo stesso trattamento al Continental Hyatt House Hotel e all’Andaz West Hollywood. Le probabilità sono che il deposito della camera non era un problema.

Jimmy Page è stato incatenato a una toilette per non distruggere la sua camera d’albergo

I Led Zeppelin hanno praticamente inventato l’intero cliché delle “rock star che distruggono le camere d’albergo”. Hanno fatto grande musica, ed erano bravi a fare atti di vandalismo. Come ogni vizio o cattivo comportamento, puoi ritrovarti a commettere tali misfatti abitualmente, e apparentemente Jimmy Page si è messo davvero a rompere le cose. Fred Durst ne sarebbe orgoglioso.

Il virtuosistico vandalismo di Page è arrivato al punto in cui il management della band avrebbe dovuto intervenire (immagina fino a che punto ha dovuto spingersi per arrivare a quel punto), e come va la storia, in un hotel, era stato incatenato a una toilette così avrebbe non rompere niente. Si suppone che Page fosse anche incatenato ai bagni, a volte con una groupie a tenergli compagnia, quando non era in grado di controllare la sua voglia di vestirsi da nazista e fare eroina con drag queen nei bar travestiti.

L’incidente d’auto di Robert Plant del 1975 fermò il Physical Graffiti Tour 

Nell’agosto 1975, mentre era in vacanza sull’isola greca di Rodi, la moglie di Robert Plant, Maureen, perse il controllo di un’auto, che si schiantò contro un albero. Plant si ruppe la gamba destra, il gomito e la caviglia. Il recupero  richiese mesi, annullarono il tour mondiale per Physical Graffiti degli Zeppelin e annunciarono la fine del picco Zeppelin.

Il seguito della band a Physical Graffiti, Presence, ha subito ritardi a causa dell’incidente di Plant. Il relitto è stato il primo di una serie di disgrazie per Plant che si è conclusa con la morte di suo figlio.

Una TV fuori dalla finestra

La leggenda narra che quella notte la band abbia lanciato non un televisore nel Puget Sound, ma cinque, accumulando una quantità oscena di danni alla stanza. Il signor Blum era giustamente furioso e ha addebitato alla band $ 2.500 per il costo dei televisori, che il tour manager Richard Cole ha pagato allegramente.

Al momento del check-out, un giovane impiegato d’albergo ha chiesto a Cole: “Ho sentito dire che i Led Zeppelin hanno la reputazione di lanciare televisori. Ma ho pensato che fosse BS. Puoi dirmi, cosa si prova a lanciare una TV fuori dalla tua finestra?”

Cole ha risposto, con freddezza, “Ragazzo, ci sono alcune cose nella vita che devi sperimentare da solo”, mentre faceva scivolare l’impiegato $ 500. “Ecco qua, amico. Vai a lanciare una TV per gentile concessione dei Led Zeppelin.”