Teorie del complotto: Elvis Presley ha simulato la propria morte?

Quando Elvis fu portato in ospedale nell'agosto del 1977, un'infermiera lo guardò e disse: "Quello non è Elvis Presley"

Elvis Presley
Elvis Presley




Elvis Presley, il leggendario cantante e star del cinema che divenne noto come il re del rock and roll, è morto per insufficienza cardiaca il 16 agosto 1977

La sua morte ha sbalordito l’industria musicale e ha devastato milioni di fan in tutto il mondo. Nei giorni successivi al suo funerale, tra un piccolo gruppo di scettici c’era la speculazione che Elvis potesse non essere morto dopotutto. Nonostante le chiare dichiarazioni dei medici e del coroner secondo cui la superstar 42enne era morta, i miscredenti erano irremovibili sul fatto che l’amato baritono rotante avesse simulato la propria morte per nascondersi.

Negli ultimi quattro decenni, i fan di tutto il Nord America hanno insistito sul fatto di aver individuato Presley in giro. Nel 1989, tre cosiddetti entusiasti di Elvis hanno persino creato The Elvis Sighting Society per monitorare questi incidenti apparenti. Alcune persone hanno persino affermato che è apparso come comparsa nel blockbuster del 1990, Home Alone.

Presley non è la prima figura famosa che la nostra cultura pop ossessionata dalla nostalgia non è stata in grado di lasciarsi andare completamente. Le teorie del complotto sono emerse dopo altre morti di alto profilo, dalla morte della star di Hollywood James Dean in un incidente d’auto nel 1955 alla morte di Michael Jackson per farmaci da prescrizione nel 2009, poiché i fan insistono che le loro celebrità preferite devono essere ancora vive.

Ecco cosa sapere sulle teorie del complotto sulla morte di Presley:

Alcuni credono che Elvis fosse collegato alla mafia. Una delle più grandi teorie sul perché Presley possa aver simulato la sua morte è perché doveva farlo per sfuggire alla mafia. Gail Brewer-Giorgio, l’autrice del libro bestseller del 1988 Is Elvis Alive, ha ricordato in una recente intervista a TIME come ha esaminato migliaia di documenti dell’FBI per giungere alla conclusione che Presley fosse un eroe americano che doveva sottoporsi alla protezione dei testimoni.

“So se Elvis è vivo oggi? No, non lo so”, ha detto. “Ma so che non è morto il 16 agosto.”

Brewer-Giorgio, che ora ha 78 anni, ha detto che l’FBI ha arruolato Presley come agente sotto copertura nel 1976 per aiutare l’agenzia a infiltrarsi in un’organizzazione criminale chiamata “The Fraternity”, che apparentemente era composta da dozzine di racket. Presley si è offerto volontario, spinto dal suo amore per l’America e dal rispetto per l’FBI, secondo Brewer-Giorgio. L’autore ha detto che l’agenzia si era avvicinata a Presley perché un membro di “The Fraternity” aveva apparentemente rapporti con Presley per la vendita di un aereo che il cantante aveva. Ma quando Presley è stato scoperto essere una talpa, è stato inserito nel programma di protezione dei testimoni, ha detto Brewer-Giorgio, citando ciò che lei ha detto essere prove da documenti e interviste dell’FBI.

“Elvis ha simulato la sua morte perché sarebbe stato ucciso e non c’era dubbio”, ha detto Brewer Giorgio

Elvis Presley funerale
Elvis Presley funerale

L’FBI non ha immediatamente commentato l’affermazione vecchia di decenni che Brewer-Giorgio descrive a lungo nel suo libro. Non si fa menzione del fatto che Presley abbia aiutato l’FBI negli oltre 760 file che l’agenzia federale ha rilasciato e che riguardano il cantante tra il 1956 e il 1980. L’FBI non ha mai indagato su Elvis Presley, ma è stata creata una cartella a suo nome perché era stato l’obiettivo di diversi tentativi di estorsione sondati dall’FBI.

I documenti rilasciati delineano i casi di estorsione e mostrano anche l’ammirazione di Presley per l’FBI. Durante un tour che Presley fece nel quartier generale dell’FBI nel 1971, il musicista “parlò favorevolmente” dell’ufficio e offrì i suoi “servizi in ogni modo”, secondo una nota dell’FBI. Si parla anche dell’aereo di Elvis Presley e di un accordo commerciale che coinvolge l’aereo. Gli esperti di Elvis affermano che nel documento mancano prove che suggeriscano che Presley sia vivo.

«Quei file dell’FBI sono disponibili al pubblico. Li ho. Non c’è niente là dentro”, ha detto Patrick Lacy, un ricercatore di Presley che ha scritto Elvis Decoded, che sfata le teorie sulla morte di Presley.

“Tutte le prove indicano una morte: le prove mediche, il rapporto del testimone oculare”, ha detto Lacy al TIME. “Per aver simulato la sua morte avrebbe richiesto il silenzio e i servizi di letteralmente centinaia se non migliaia di persone nel corso degli anni”.

Altri indicano la lapide di Elvis Presley come prova

Oltre a presunti avvistamenti, gli scettici indicano anche ciò che insistono sono errori della famiglia di Presley nelle interviste ai media e un apparente errore di ortografia sulla lapide del re come prova di un insabbiamento.

Gli scettici affermano che il secondo nome di Elvis Presley è stato scritto intenzionalmente in modo sbagliato – Aaron invece di Aron – sulla sua lapide perché mettere il suo vero nome sarebbe stato un tabù da quando era vivo. I debunker affermano che il re ha iniziato a scrivere il suo secondo nome Aaron invece di Aron più tardi nella vita.

Potrebbe interessarti: Club 27: musicisti, artisti e attori morti a 27 anni

In un’intervista del 2005 con Oprah nello show del conduttore televisivo, la moglie di Presley, Priscilla, stava parlando di come Presley ha viziato la loro figlia, Lisa Marie. Gli scettici credono che Priscilla abbia detto: “È esattamente quello che ha detto l’altro giorno” prima di correggersi e dire “hai detto” a Oprah. Dicono anche che Lisa Marie sia sfuggita alla domanda di Larry King durante un’intervista del 2003 quando l’ospite le ha chiesto se avesse mai sentito “comunicare” con suo padre.

L’impatto delle teorie del complotto di Elvis Presley

Le teorie del complotto portano dolore inutile alla famiglia di Presley, ha detto Lacy, che si definisce un “grande fan di Presley “. “Non sono entrato in questo solo perché non ho niente di meglio da fare. Credo che le persone che dicono che Elvis è vivo stiano facendo un grande disservizio a lui e alla sua famiglia”, ha detto. “Immagina di dover affrontare la tua vita dicendo che tuo padre ha fatto tutte queste cose e che ha truffato i suoi fan. La morte di Elvis Presley ha ferito molte persone. Lo fa ancora. Devi chiedere che tipo di persona sarebbe Elvis Presley per fare questo ai suoi fan?

La stragrande maggioranza degli americani crede che Presley sia effettivamente morto nel 1977. Un sondaggio Gallup condotto nel 1997 ha rilevato che solo il 4% degli americani pensava che Presley fosse vivo, mentre il 93% degli intervistati era certo che fosse morto.

Tuttavia, Brewer-Giorgio rimane fermo sulla sua posizione. La donna della Georgia, che ha detto di non avere un solo album di Elvis Presley e di non possedere cimeli su di lui, insiste che le sue scoperte si basano su fatti e non su sentimenti. “So cosa ha fatto veramente”, ha detto. “Il mondo ha bisogno di sapere che Elvis Presley ha messo la sua vita in pericolo.”

“Penso che sia triste che non conosciamo l’intero Elvis Presley”, ha aggiunto. “Se non lo faccio per Elvis, nessuno lo farà.”

La morte di Edgar Allan Poe è ancora un mistero