Elon Musk: “No al vaccino Covid, nemmeno per i miei figli”

Non è la prima volta che Elon Musk esce con un'affermazione che provoca discussione. Ma le sue ultime parole sono destinate a sollevare un polverone. Il tema: Covid-19 e il suo vaccino. Quando viene pressato sul rischio per i suoi stessi dipendenti e le loro famiglie, con Swisher che chiede cosa succede se qualcuno muore, Musk ha risposto concisamente: "Tutti muoiono".

178

Genio ribelle, 49 anni, l’imprenditore che vuole portare i turisti nello spazio ha parlato contrario al vaccino contro il coronavirus . Non ha intenzione di vaccinarsi, come ha detto durante un’intervista a Kara Swisher sul podcast del New York Times “Sway”, perché non si considera “un soggetto a rischio”. Alla domanda di Swisher: «Farai un vaccino? Cosa farai con la tua famiglia? ». Musk ha risposto con convinzione: «No, non sono a rischio per Covid. Nemmeno i miei figli. Poi ha aggiunto: «Questo è un problema caldo in cui la razionalità passa in secondo piano. Nel grande schema delle cose, quello che abbiamo è qualcosa con un tasso di mortalità molto basso e un alto contagio. In fondo, la cosa giusta da fare sarebbe non rinchiudere l’intero Paese, ma mettere in quarantena chiunque sia a rischio finché non passa la tempesta ». In conclusione, il CEO di Tesla e SpaceX è anche contrario alle restrizioni messe in atto in molti paesi del mondo per combattere la diffusione del virus, dimenticando forse i numeri allarmati del contagio che arrivano dalla sua terra natale, il Stati Uniti : oltre 7 milioni di casi e più di 200.000 decessi.

Lavoro in isolamento

Lui stesso ha continuato a lavorare in pieno isolamento e la sua compagnia SpaceX ha addirittura raggiunto un traguardo importante quando lo scorso 30 maggio, in piena emergenza coronavirus , ha inviato gli astronauti della NASA alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) con la navetta Crew Dragon. Nel periodo più difficile della pandemia ha avuto anche molti problemi a mantenere aperte le sue fabbriche Tesla in California e a maggio ha citato in giudizio i funzionari della contea di Alameda per aver tentato di chiudere il principale magazzino di Fremont della società a causa del virus fino a giugno. E quando gli è stato chiesto come i suoi dipendenti si sentano a rischio di andare a lavorare, Musk ha risposto: “Fantastico, resta a casa. Se hanno una ragione legittima per essere a rischio, dovrebbero restare a casa. ‘Non è un caso che quando molte attività si sono fermate, è diventato ancora più ricco. Come molti supercervelli della tecnologia, ha diverse fissazioni. Vedi diete iperproteiche (ha chiamato l’ultimo bambino come un codice ), che questo vaccino è una nuova fissazione?

Quando viene pressato sul rischio per i suoi stessi dipendenti e le loro famiglie, con Swisher che chiede cosa succede se qualcuno muore, Musk ha risposto concisamente: “Tutti muoiono”.

“Abbiamo realizzato automobili per tutto questo tempo ed è stato fantastico”, ha detto di Tesla che ha tenuto aperte le porte della sua fabbrica in sfida alle regole di blocco, che a un certo punto hanno provocato una risposta irata da Musk e persino una causa contro la contea di Alameda. Ha aggiunto che SpaceX è stato pienamente operativo durante la pandemia grazie al suo nulla osta di sicurezza nazionale. 

“In tutta questa cosa, non abbiamo saltato un giorno. Avevamo il nulla osta di sicurezza nazionale perché stavamo facendo il lavoro di sicurezza nazionale. Abbiamo mandato gli astronauti alla stazione spaziale. “

Musk ha anche preso di mira Bill Gates, sottolineando che le critiche del suo collega miliardario agli scettici del lockdown sono infondate e fuori luogo nel caso di Musk. 

“Gates ha detto qualcosa su di me che non sapevo cosa stavo facendo. È come, ehi, stupido, in realtà produciamo macchine per vaccini per CureVac, la società in cui hai investito “ , ha spiegato Musk, riferendosi al fatto che Tesla produce macchine per CureVac. L’imprenditore ha anche notato che lavora a stretto contatto con il team di epidemiologia di Harvard che sta attualmente lavorando a studi sugli anticorpi Covid-19.