Egitto predinastico: la vita prima delle piramidi

Una delle culture uniche nell'Egitto preistorico che si sviluppò fu la cosiddetta cultura Khormoussan, dal nome del sito di Khor Musa

183
Egitto predinastico
Egitto predinastico

Le aree adiacenti alle fertili valli del Nilo sono sempre state un focolaio di sviluppo umano. Alcuni dei primi passi di evoluzione e sviluppo nella Valle del Nilo iniziarono già nel 120.000 anni a.C.

Uno di questi era la Cultura Achulea, una fase primitiva del primo sviluppo umano, caratterizzata da strumenti di pietra di forma ovale e a pera. Quando l’Homo Sapiens superò gradualmente l’Homo Erectus, diverse culture ne presero il posto, con ulteriori progressi nelle tecnologie primitive.

Una delle culture uniche nell’Egitto preistorico che si sviluppò fu la cosiddetta cultura Khormoussan, dal nome del sito di Khor Musa, vicino al famoso sito egiziano di Wadi Halfa. 

Questa società apparve intorno al 45.000 anni a.C. intorno al Maghreb e nelle regioni meridionali del Sahara. Erano nomadi, seguivano mandrie selvagge e costruivano accampamenti temporanei nelle valli dei fiumi.

Potrebbe interessarti: Piramide nera d’Egitto: esisteva davvero?

Wadi Halfa è considerato uno dei siti più antichi dell’Egitto preistorico, dove sono state scoperte le strutture più antiche, alcune datate al 100.000 a.C. Fu intorno a questo sito che fu fondata la successiva cultura Khormoussan.

Erano noti per i loro progressi tecnologici nel tempo. Hanno imparato l’uso di strumenti di pietra, ma hanno anche sviluppato l’uso di ossa ed ematite. Iniziò tra 42.000 e 32.000 prima del presente e terminò intorno al 16.000 a.C., con la graduale comparsa di nuove culture più avanzate.

Una di queste nuove culture che vennero in seguito è conosciuta come la cultura Qadan

La cultura predinastica Qadan aveva nuovi progressi e caratteristiche che sarebbero stati cruciali per l’emergere graduale di un’identità proto egiziana. Sono stati i primi a compiere alcuni dei primi passi verso una corretta agricoltura.

Preparavano e mangiavano erbe selvatiche e cereali e si sforzavano di coltivare e raccogliere la flora locale. Hanno anche iniziato a cacciare e pescare e sviluppato armi e strumenti più avanzati.

Durante i diversi millenni della loro fioritura, la Cultura Qadan iniziò a usare ceramiche e cesti intrecciati e stabilì pratiche funerarie uniche che includevano alcune prime forme di necropoli e luoghi di sepoltura simili.

Le culture neolitiche

Una cultura formativa della Valle del Nilo durante il periodo neolitico era conosciuta come cultura Faiyum. Intorno al 6000 a.C. iniziano ad apparire gli insediamenti caratteristici del periodo neolitico intorno all’Egitto.

Diversi studi accademici basano questa emersione neolitica intorno ai migranti della regione della Mezzaluna fertile del Vicino Oriente, emigrati in Egitto assieme all’agricoltura.

Fiorente dal 4400 al 3900 a.C. circa, ed emergente forse anche prima, la cultura Faiyum segna un periodo in cui le persone della regione furono costrette a spostarsi a causa della continua espansione del deserto.

Questa sequenza culturale è emersa sulle sponde nord e nord-est dell’antico lago e oasi del distretto di Faiyum.

La cultura faiyum dell’Egitto predinastico utilizzava strumenti di pietra unici che mostravano grandi forme con tacche e denticoli. Cominciarono a usare punte di freccia e lame di selce incastonate.

L’evidenza archeologica ci mostra che la biancheria grezza era in lavorazione, così come i cesti intrecciati. 

Un aspetto interessante della cultura Faiyum è il fatto che iniziarono a vivere in piccole bande “micro” e gruppi familiari allargati guidati da capi. Con questo tratto culturale, possiamo vedere l’emergere di comunità con una forte leadership che appaiono in Egitto.

Col tempo, la cultura del Faiyum fu sostituita da popoli con tecnologie molto più sviluppate, come la nota Cultura Badarian. Fiorente dal 4500 al 4000 a.C., la cultura badarian e il faiyum si sovrapponevano, ma la prima era più avanzata.

I popoli di questa sequenza culturale vivevano nella regione del Nilo, nelle aree di el-Hamamiya, el-Matmar, el-Mostagedda e così via. Contrariamente ad altri, i Badarian vivevano in tende fatte di pelli e capanne fatte di canne.

 In particolare, coltivavano grano e orzo, raccoglievano frutta ed erbe e usavano i semi di ricino per l’olio. Le ossa di animali domestici erano un caratteristico reperto archeologico nei siti Badarian.

La cultura badarian nell’Egitto predinastico mostrava anche complesse pratiche funerarie, con tombe dal tetto ovale in cui i defunti venivano sepolti con molti corredi funerari di avorio e pietra e offerte di cibo.

Due tombe così grandi furono scoperte, ai margini del deserto, sul lato orientale del Nilo tra el-Matmar e el-Etmantieh.

Il volto più antico dell’antico Egitto

La più ricercata di queste culture e la più importante nella storia dell’Egitto predinastico è la cosiddetta cultura Naqada. La sua prima forma emerse intorno al 4.000 aC, ed era anche chiamata Cultura Amrata, o Naqada I.

Diverse cose caratterizzano questa cultura calcolitica. La ceramica divenne più avanzata e il commercio fu stabilito tra le regioni dell’Alto e del Basso Egitto. Altri scambi furono stabiliti con le regioni della Nubia, da dove venivano importati ossidiana e oro.

Il passo successivo nella cultura Naqada è lo stadio II. Conosciuta anche come cultura gerzeana, la Naqada II prosperò dal 3500 al 3200 a.C. circa e si concentrò intorno a Gerzeh. Questo periodo è stato cruciale per porre le basi della civiltà egizia.

Naqada II è stato uno sviluppo ininterrotto e graduale da Naqada I – emergente nel delta del Nilo e diffuso a sud attraverso la regione dell’Alto Egitto. È possibile che si sia formato anche prima del 3500 a.C., insieme a una cultura Omari B. più piccola.

Le prove archeologiche di questa cultura mostrano nuovi sviluppi nella ceramica, con stili unici, motivi iconici e immagini naturali. 

Questa cultura ha fatto emergere tutti gli elementi di una civiltà proto egizia: dalle prime sepolture elaborate, necropoli, articoli funerari e altri elementi che sono entrati in uso.

Durante questo periodo divennero importanti i commerci al di fuori dei confini dell’Egitto. Vengono trovate le prove del commercio con il Sinai e la Palestina ed è emerso un potere centralizzato.

E poiché il deserto invadeva sempre di più, questi popoli divennero sempre più dipendenti dalla fertile valle del Nilo per la loro fonte di cibo e per la raccolta dei raccolti.

Questo aumento del cibo causò un graduale spostamento verso uno stile di vita sedentario e gli egiziani formarono città, alcune delle quali contavano fino a 5.000 persone.

Durante Naqada II, il rame divenne molto diffuso. Anche se le armi di pietra di alta qualità erano ancora modellate, anche il rame era dominante.

Uno dei più grandi esempi di armi cerimoniali predinastiche in selce proviene da questo periodo ed è noto come il coltello Gebel el-Arak. Un coltello cerimoniale, realizzato sotto una forte influenza mesopotamica, con un manico d’avorio finemente intagliato e una squisita lama in selce.

È una visione importante delle prime relazioni tra l’emergente Egitto e la Mesopotamia

Sono queste influenze mesopotamiche che hanno portato alla teoria che l’Egitto di quel periodo fosse governato da una classe dirigente mesopotamica, sebbene questa teoria non sia più supportata dagli studiosi.

La fase finale del periodo predinastico dell’Egitto e la parte cruciale della sua formazione è il periodo Naqada III, noto anche come Dinastia 0 o Periodo protodinastico. Un ulteriore sviluppo della precedente Naqada II, questo periodo durò dal 3200 al 3000 a.C.

Questo periodo segnò l’apice dell’impegno predinastico dell’Egitto verso un’unificazione politica e una formazione statale, e le prime menzioni dei re al potere di potenti entità politiche regionali note come comunità politiche.

 Durante questo periodo protodinastico, divennero visibili le prime forme di una civiltà egizia emergente che conosciamo oggi. Le potenti comunità che sorsero nella valle del Niloerano città stato, con tre delle più potenti Thinis, Nekhen e Naqada. E quello che è salito in cima a questi tre è il quasi mitico Thinis.

Thinis era una città stato che è stata attestata numerose volte in molte fonti storiche antiche, ma anche così, i suoi resti non furono mai scoperti. Tutte le fonti e le prove indicano un luogo vicino ad Abydos, un’altra importante città egiziana.

L’evidenza più importante che supporta la teoria che Narmer fosse l’unificatore dell’Egitto, è la cosiddetta “Narmer Pallette”, uno dei più importanti reperti archeologici dell’Egitto. Questa tavolozza di siltite raffigura alcune delle prime iscrizioni geroglifiche e la prima rappresentazione conosciuta di un re egiziano.

Su di esso, scene finemente scolpite raffigurano un sovrano vittorioso – ritenuto dalla maggior parte di essere Narmer – in posizione dominante con una mazza sollevata in alto sopra la sua testa, pronto a colpire un prigioniero inginocchiato. Su questo lato il sovrano indossa l’ hedjet – la corona bianca dell’Alto Egitto.

Dall’altro lato c’è una complessa esposizione a strati di diverse scene, la più grande delle quali mostra una parata della vittoria

Su questo lato, il sovrano è esposto con il deshret, la corona rossa del Basso Egitto, e anche con una mazza e un flagello, un simbolo tradizionale della regalità nell’arte egizia.

Sulla tavolozza c’è un serekh scolpito – uno stendardo araldico, che reca un puzzle (rebus) che mostra un pesce gatto e uno scalpello. Il puzzle è in realtà un nome: il pesce gatto nell’antico Egitto era n’r , mentre lo scalpello era mr. Insieme, formano la rappresentazione fonetica del nome Narmer.

Lo sviluppo dell’umanità

Con l’unificazione dell’Egitto e l’istituzione dei primi regni e delle prime dinastie, inizia la cronologia ufficiale dell’Antico Egitto. 

Il periodo predinastico serve a offrirci uno sguardo perfetto nel complesso processo di una civiltà in via di sviluppo – un processo che dura diversi millenni. Ci mostra come emergono e scompaiono gruppi diversi e come ogni nuovo secolo abbia posto l’uomo un passo avanti con nuove tecnologie e strumenti raffinati.

Passo dopo passo, secolo dopo secolo, millenni dopo millenni, i popoli che emersero nelle regioni desertiche dell’Egitto e nelle fertili valli del Nilo costruirono un complesso insieme di credenze e miti, stabilendo tecnologie che avrebbero dato vita a uno dei civiltà più importanti nella storia dell’umanità.