Edward “Eddie” The Head, in breve semplicemente Eddie, è un personaggio musicale e mascotte degli Iron Maiden

Essendo una delle mascotte della band più famose nell’industria musicale, Eddie è apparso in varie incarnazioni nella discografia degli Iron Maiden. Durante gli anni ’70, la giovane band degli Iron Maiden ha subito molti cambiamenti di formazione e layout. La band aveva una faccia minacciosa accanto al logo della band sui palchi dal vivo.

La mascotte di Disturbed;The Guy invade il gioco mobile Legacy of the Beast di Iron Maiden

Il volto era conosciuto come “Eddie the Head” dai membri della band. Nel 1980, gli Iron Maiden avrebbero dovuto pubblicare il loro primo album in studio e stavano cercando un artista per disegnare la copertina. Molti artisti si sono presentati con opere d’arte fantasy, incluso Derek Riggs. Come risultato della disapprovazione degli Iron Maiden per l’opera d’arte fantasy di Riggs, l’artista ha presentato un’opera d’arte originariamente destinata a un album punk rock. L’opera d’arte presentava un personaggio zombi vicino a un lampione giallo che emetteva luce di notte, con nuvole dettagliate e una luna luminosa. La band ha approvato l’artwork, ma ha chiesto che al personaggio venissero dati i capelli. La copertina del singolo “Running Free” aveva Eddie the Head come silhouette per non rovinare la copertina del primo album prima dell’uscita. Derek Riggs avrebbe continuato a disegnare tutti gli album e le copertine dei singoli degli Iron Maiden fino al 1992. Da allora, Riggs ha occasionalmente realizzato alcune opere d’arte speciali per la band.

Storia dell’incarnazione

Iron Maiden, il primo artwork con Eddie, originariamente creato per un possibile disco punk, basato sulla testa di un americano presumibilmente attaccata a un carro armato vietnamita.

Running Free, la prima uscita della band a rappresentare Eddie, dipinta dopo la copertina dell’album in modo che la sua faccia fosse nascosta per proteggere la sua identità.

Running Free
Running Free

Sanctuary, che mostra Eddie sopra il cadavere di Margaret Thatcher, che brandisce un coltello. Secondo Riggs, la direzione della band ha censurato l’immagine stessa per ottenere pubblicità.

Women in Uniform, secondo Riggs, presenta Margaret Thatcher in procinto di vendicarsi di Eddie.

Killers, con Eddie con un’ascia e la sua vittima che si graffia la maglietta. Basato su un condominio in cui viveva Riggs all’epoca, contiene diversi riferimenti alla band, come “Ruskin Arms” e “Charlotte the Harlot”.

CONTINUA A LEGGERE…