Camila Cabello, Ed Sheeran e Snow Patrol suoneranno al Concert For Ukraine

E i Clash hanno permesso di registrare nuovamente London Calling come canzone di protesta contro la guerra in uno studio a Leopoli

Concert For Ukraine
Concert For Ukraine

Camila Cabello, Ed Sheeran e Snow Patrol suoneranno al concerto di beneficenza “Concert For Ukraine” della prossima settimana, che sarà trasmesso su ITV e STV.

In formazione anche Emeli Sande, Becky Hill, Gregory Porter e Chic, con altri atti da confermare. I biglietti per lo spettacolo saranno in vendita martedì 22 marzo, con il concerto che si terrà a Birmingham il 29. Cabello ha detto che il suo “cuore si stava spezzando” per il popolo ucraino, aggiungendo che “tutti abbiamo la responsabilità” di aiutare.

Il concerto sarà condotto dalla Spice Girl Emma Bunton, insieme a Marvin Humes e Ronan Kemp, con la partecipazione anche di The Manic Street Preachers e Tom Odell. Il ricavato del concerto andrà all’appello umanitario dell’Ucraina del Comitato per l’emergenza disastri, che fornisce cibo, acqua, riparo e assistenza medica ai rifugiati in Ucraina e nei paesi limitrofi.

Roger Waters risponde alla critica di una sua fan ucraina

Concert For Ukraine
Concert For Ukraine

Il canale tv inglese ITV ha anche promesso che tutte le sponsorizzazioni e le entrate pubblicitarie generate dalla trasmissione – circa 3 milioni di sterline – saranno donate all’appello. Lo spettacolo è prodotto dalla stessa ITV in collaborazione con la rete radiofonica Global, che trasmetterà in diretta una copertura dietro le quinte sulle sue stazioni Heart e Capital, si potrà seguire dall’Italia sul web.

“Canterò per cercare di aiutare ogni essere umano costretto a fuggire dalla propria casa e in solidarietà con coloro che sono discriminati razzialmente anche all’interno di questa crisi umanitaria”, ha affermato Sande in una nota.

Cabello ha detto: “A nessuno dovrebbe essere negato l’accesso ai soccorsi, agli aiuti e al diritto di attraversare il confine in sicurezza, e sono lieto di avere la possibilità di sostenere l’appello del Dec per aiutare tutte le persone la cui vita è stata colpita dal conflitto. Uno dei maggiori bisogni è ottenere fondi per le organizzazioni che possono servire direttamente queste comunità, quindi stiamo concentrando i nostri sforzi per farlo il più rapidamente possibile”.

I Clash hanno permesso di registrare nuovamente London Calling come canzone di protesta contro la guerra alla band hardcore punk Beton: 

Ribattezzata Kyiv Calling, la canzone ora include il testo: “Kyiv chiama nella zona Nato / Dimenticalo, fratello, non possiamo farcela da soli”. Registrato la scorsa settimana a Leopoli, il video presenta filmati catturati dalla famiglia e dagli amici della band degli attacchi alle città ucraine.

L’Italia offre opportunità di lavoro agli ucraini

Il ricavato della canzone andrà al Movimento di Resistenza dell’Ucraina Libera, contribuendo a finanziare un sistema di comunicazione condiviso che avviserà la popolazione delle minacce e farà pressioni per il sostegno internazionale. Discutendo del brano, il cantante dei Beton Andriy Zholob ha dichiarato: “Molti musicisti ucraini sono ora sui campi di battaglia o in difesa del territorio. Questa volta hanno cambiato le chitarre in pistole. Speriamo che questa canzone mostri lo spirito degli ucraini e la nostra sfida all’aggressione russa”.

La band ora sta anche giocando un ruolo nello sforzo bellico. Zholob lavora anche come medico ortopedico e cura vittime di guerra e soldati. Il batterista Bohdan Hrynko e il bassista Oleg Hula si sono uniti alla difesa territoriale.

Correlati:

L’Italia offre opportunità di lavoro agli ucraini

Roger Waters risponde alla critica di una sua fan ucraina

L’Ucraina chiede a Xbox e PlayStation di interrompere collaborazione con russi

Russia bandita dall’Eurovision 2022 dopo l’nvasione dell’Ucraina

I Green Day annullano il concerto in Russia contro l’invasione dell’Ucraina

Harry e Meghan derisi per aver parlato dell’Ucraina

Crimini di guerra nazisti in Ucraina

John Cena criticato per un tweet insensibile sull’Ucraina