Cinema: recensione dell’ “italiano” Diabolik

La storia oscura e romantica del primo incontro tra il maestro ladro Diabolik ed Eva Kant

155
Diabolik - interpretato da Luca Marinelli
Diabolik - interpretato da Luca Marinelli

Diabolik – 2021 – 2h 13

La storia oscura e romantica del primo incontro tra il maestro ladro Diabolik ed Eva Kant, ambientato nello stato fittizio di Clerville alla fine degli anni ’60. L’ispettore Ginko è a caccia del criminale, cercando di fermare i suoi piani malvagi.

Protagonisti: Valerio Mastandrea, Luca Marinelli e Miriam Leone in Diabolik 

Regia: Antonio Manetti – Marco Manetti
Scrittori: Angela e Luciana Giussani (caratteri), Antonio Manetti(storia)

Cast di Diabolik:

Luca Marinelli – nel ruolo di Diabolik
Miriam Leone – nel ruolo di Eva Kant
Valerio Mastandrea – commissario Ginko
Serena Rossi – moglie di Diabolik
Claudia Gerini – nel ruolo di Signora Morel
Serena Rossi – nel ruolo di Elisabeth Gay
Roberto Citrano – nel ruolo di Direttore dell’hotel
Vanessa Scalera – nel ruolo di Segretaria di Caron
Alessandro Roja – nel ruolo di Caron
Daniela Piperno – nel ruolo di Direttrice della banca
Guglielmo Favilla – nel ruolo di Agente Florian

I Manetti Bros. hanno alle spalle anni di esperienza e il film è una produzione indipendente sostenuta da RAI Cinema, che vanta un budget di 10 milioni di euro. Questo film era un progetto su scala industriale pianificato da tempo e Diabolik 2 e 3 sono già in fase di pianificazione. È stato “un tentativo di realizzare un prodotto potente e capace di fare colpo sul mercato”, spiega il produttore Carlo Macchitella.

È un lodevole tentativo di aprire una strada italiana verso il cinecomic. Con la sua forma fortemente vintage, retrò e analogica, il cinecomic dei fratelli Manetti sembra prestare attenzione ai gusti del pubblico cinecomic, che ama l’azione, la velocità, lo stupore e la dark comedy.

Diabolik ci sorprende e gli inseguimenti in macchina dei carabinieri italiani degli anni ’60, a cui si ispiravano anche i registi, sono avvincenti e arditi. 

L’ambientazione originale degli anni ’60, con scene e costumi che ricordano quel tempo e filologicamente allineati al fumetto, ripaga in termini cinematografici, i personaggi sono profondi e la narrativa riesce a creare un mondo in cui i diversi livelli creativi e le diverse modalità di fruizione della storia si uniscono con successo in un contesto narrativo condiviso. 

La location principale è Bologna, trasformata nella “Clerville” immaginaria creata dalle sorelle fumettiste Angela e Giuliana Giussani nel lontano nel 1962. È qui che si svolgono le vicende di Diabolik, genio del crimine, dei furti e dei travestimenti, con la complicità della bella Eva.

Chi è pratico di Bologna, non faticherà a riconoscere via Guglielmo Marconi e via Lame, nei pressi del Parco 11 settembre 2001, non lontano dal ghetto ebraico.

Ghenf è girata a Trieste. Nelle scene si riconoscono anche alcuni luoghi fuori città, come la Strada Napoleonica, un bellissimo sentiero che deve il nome al presunto passaggio delle truppe di Napoleone e dal quale si godono bellissimi panorami, il borgo di Portopiccolo, la Portofino della costa adriatica.

Alcune scene del film sono state ambientate a Milano. Tra i luoghi il Mudec, il museo delle culture in via Tortona, in zona Navigli. Proprio in quest’area è stato realizzato un gigantesco murales di 500 metri quadrati dedicati ai personaggi di Diabolik e di Eva Kant che si può ammirare in via Pesto, verso Giambellino. Da qualche tempo questo è diventato, infatti, il distretto milanese dedicato alla storia dei comics italiani. 

I fratelli Manetti hanno avuto la fortuna di poter contare su attori provenienti dal mini star system italiano, di Luca Marinelli (ormai conosciuto in tutto il mondo per il suo ruolo ne La Vecchia Guardia), per il ruolo di Diabolik, la eccelsa Miriam Leone (nei panni di Eva Kant), e Valerio Mastandrea (il commissario Ginko), affiancati inoltre da Alessandro Roja, Serena Rossi e Claudia Gerini.

https://it.wikipedia.org/wiki/Film_di_supereroi
https://it.wikipedia.org/wiki/Film_di_supereroi

Diabolik è prodotto da Mompracem e RAI Cinema, in associazione con Astorina. Le vendite internazionali sono affidate alla tedesca Beta Cinema.

Correlato: Arriva Diabolik al cinema. Intervista al produttore Carlo Macchitella