Cosa fa un musicoterapeuta? Lavori, stipendio, laurea 

MUSICOTERAPIA
MUSICOTERAPIA

La passione per la musica può portarti a molte carriere diverse, ma lavorare come musicoterapeuta è una delle opzioni più gratificanti. Le professioni di aiuto sono sempre appaganti…

A differenza di altre carriere musicali, la musicoterapia non prevede la registrazione di colonne sonore per film o il perfezionamento dell’acustica in un teatro, la musicoterapia richiede di lavorare individualmente o in piccoli gruppi per facilitare la terapia che aiuta le persone a guarire e recuperare.

Cosa fa un musicoterapeuta

Come tipo di terapista ricreativo, un musicoterapeuta aiuta le persone a gestire gli effetti di una disabilità, un infortunio o una malattia. Questo tipo di professionista deve possedere una laurea e implementare pratiche basate sull’evidenza per aiutare a migliorare la vita dei loro clienti.

Ogni sessione di musicoterapia sarà diversa a seconda del terapeuta, degli interventi che utilizza e del suo paziente o cliente. Ma nel complesso, la musicoterapia mira ad aiutare le persone a raggiungere obiettivi specifici nelle aree dei bisogni fisici, emotivi, cognitivi e sociali.





 

Il musicoterapeuta combina l’amore per la musica con l’amore per le persone. Può lavorare con persone di tutte le età e livelli di abilità. Incontra persone con gravi disabilità o anche con bambini piccoli.

Anche gli ambienti di lavoro variano notevolmente. Il musicoterapeuta può vedere i clienti a casa tua o in studio oppure recarsi in vari luoghi per sessioni di gruppo in luoghi di trattamento residenziali.

Altre opportunità possono comportare la visita di ospedali o case di cura, il lavoro in una clinica o l’organizzazione della propria pratica in un edificio per la terapia fisica o ricreativa.

Alcuni musicoterapeuti lavorano nelle scuole o negli asili nido, in particolare programmi diurni speciali per persone con disabilità. Le persone anziane con Alzheimer e condizioni simili spesso traggono beneficio dalla musicoterapia, quindi questo è un altro percorso da considerare quando si cerca un lavoro.

Cosa fa un musicoterapeuta?

Spiegato semplicemente, un musicoterapeuta usa la musica per aiutare a coinvolgere e riabilitare gli individui con una serie di condizioni.

Ma la musicoterapia non è così semplice come riprodurre un CD per calmare un paziente. Invece, i terapeuti in questo campo devono creare un piano di trattamento specifico per le esigenze di ogni individuo.

Tale piano può comportare l’approvvigionamento o la creazione di musica, il coinvolgimento nella danza o altri movimenti durante l’ascolto e l’incoraggiamento alla partecipazione del cliente o del paziente.

Varie persone con una vasta gamma di esigenze frequentano la musicoterapia, sia che sperano di riprendersi da un infortunio fisico, problemi psicologici come la paura del palcoscenico o che abbiano una disabilità che richiede una terapia continua.

Oltre a presentare composizioni musicali specifiche ai propri clienti, sviluppa delle attività da abbinare all’esperienza di ascolto. Molti musicoterapisti suonano anche uno strumento. In effetti, alcuni programmi universitari richiedono elettivi in ​​materie strumentali.

Carriera di musicoterapia

Se sei già un musicista di talento, o semplicemente ti diverti a pizzicare le corde di tanto in tanto, probabilmente apprezzerai questo aspetto. Condividere il tuo amore per la musica con i tuoi clienti è solo uno dei vantaggi di lavorare in questo settore.

Gli educatori di musicoterapeuti hanno spesso bisogno di ulteriori titoli o certificazioni. Il musicoterapeuta è laureato in medicina, psicologia, scienze della formazione e/o diplomato al conservatorio con una specializzazione in musicoterapia.

Attualmente in Italia la figura professionale del musicoterapeuta non è riconosciuta dallo Stato e le figure cliniche iscritte a un ordine non possono fregiarsi di un titolo che non sia riconosciuto, in un mondo puramente teorico il musicoterapeuta non potrebbe dirsi tale, almeno in Italia.





 

Ecco alcune scuole che offrono corsi di laurea in musicoterapia:

  • Una delle principali associazioni di musicoterapia, la FIM (Federazione italiana musicoterapeuti), organizza corsi per formare la figura professionale del musicoterapeuta.
  • Il conservatorio di musica dell’Aquila e quello di Verona, hanno attivato corsi di musicoterapia con riconoscimento ministeriale.
  • Ci sono poi altre scuole in Italia, come ad esempio a Bolzano o a Roma, che offrono riconoscimenti limitati alla regione in cui sono collocate o diplomi riconosciuti in quei paesi europei in cui la figura del musicoterapeuta è giuridicamente riconosciuta.
  • La facoltà di Scienza della formazione dell’università di Roma3, ad esempio, organizza un master in artiterapie (tra cui la musicoterapia).

Stipendio del musicoterapeuta

Indipendentemente dallo strumento che suoni o dai clienti che speri di servire, lavorare nella musicoterapia può essere sia gratificante che redditizio. Inoltre, le opzioni per il tuo percorso di carriera sono molto diverse.

Dall’avvio della tua pratica terapeutica alla collaborazione con asili nido, programmi per bisogni speciali, case di cura per anziani o ospedali, ci sono tantissime opportunità per trovare la tua nicchia.

È difficile definire i dettagli sugli stipendi del musicoterapeuta. Dopotutto, questo tipo di carriera rientra nella categoria più ampia della terapia ricreativa. Tuttavia, la paga oraria media per un terapista ricreativo è di circa  20 € l’ora.

I terapisti più esperti, d’altra parte, tendono a guadagnare fino a 30 € l’ora. Anche gli stipendi variano ampiamente in base alla posizione.