Cosa c’è nella testa dei criminali?

Gli scienziati hanno scoperto cosa c'è nella testa dei criminali, le caratteristiche della struttura del loro cervello

93

Gli scienziati dell’University College di Londra hanno scoperto cosa c’è nella testa dei criminali, le caratteristiche della struttura del loro cervello. La ragione del comportamento antisociale potrebbe essere una diminuzione in alcune aree del cervello.

I comportamenti antisociali, dall’assenteismo alla scuola ai reati penali, possono essere dovuti alla natura del cervello. Se una persona esce di casa o infrange la legge solo nell’adolescenza, è improbabile che continui a farlo in futuro. Ma è probabile chi mostra comportamento antisociale dall’infanzia si comporti in questo modo nell’età adulta. 

In questo studio, gli scienziati hanno identificato bullismo, danni alla proprietà di altre persone, bugie, assenze ingiustificate e furti come le principali manifestazioni del comportamento antisociale.

I partecipanti allo studio erano 672 persone dalla Nuova Zelanda, nate nel 1972-1973. Dai sette ai 26 anni, ogni due anni, genitori, tutori e insegnanti hanno riferito sul comportamento dei partecipanti. Ne hanno parlato anche gli stessi soggetti.

Quando i partecipanti all’esperimento sono maturati, 80 di loro hanno mostrato un comportamento antisociale persistente. Altre 151 persone lo hanno mostrato solo nell’adolescenza. I rimanenti episodi significativi di comportamento antisociale non sono stati osservati.

Le persone che hanno dimostrato un comportamento antisociale per tutta la vita avevano una probabilità cinque volte maggiore di commettere atti per i quali sarebbero poi stati puniti penalmente e maggiore incidenza di malattie mentali e più probabilità di usare droghe e alcol, in media avevano un QI più basso. Il comportamento e i crimini antisociali del gruppo erano più gravi di quelli che mostravano tendenze antisociali solo durante l’adolescenza.

Quando i partecipanti avevano 45 anni, i ricercatori hanno dato loro una risonanza magnetica del cervello ed hanno esaminato l’area della corteccia e il suo spessore in 360 aree.

Come si è scoperto, i partecipanti con comportamento antisociale avevano una superficie corticale più piccola in 282 aree. Anche in 11 zone la crosta era più sottile. In particolare, sono stati osservati cambiamenti nelle aree associate alla regolazione delle emozioni, della motivazione e della definizione degli obiettivi.

Chi ha commesso crimini da adolescenti ha mostrato cambiamenti nella densità della materia grigia del cervello rispetto ai partecipanti più rispettosi della legge. Tuttavia, non c’erano differenze nell’area della corteccia.

“Questi risultati sono coerenti con i dati precedenti e mostrano che esistono diversi tipi di giovani autori di reato. Non tutti dovrebbero essere trattati allo stesso modo”, afferma il coautore dello studio, il professor Essie Wieding.

“Potrebbe essere che queste persone abbiano appena scelto un simile percorso nella vita. Ma i dati mostrano che ciò era effettivamente dovuto a certe carenze nel loro cervello”.  aggiunge il professor Terry Moffitt, un altro autore dell’opera.

“I risultati della nostra ricerca supportano l’idea che la struttura del loro cervello possa essere la causa del comportamento antisociale nelle persone. Questi tratti impediscono loro di sviluppare abilità sociali, il che alla fine porta a scarse conseguenze”, afferma l’autore principale dello studio, la dott.ssa Christina Karlisi.

Nota che le persone che commettono crimini potrebbero aver bisogno di un sostegno speciale per tutta la vita. Inoltre, i ricercatori non hanno attribuito molta importanza alle lesioni alla testa, che, come è stato ripetutamente dimostrato, possono influenzare il comportamento umano.

Tuttavia, gli scienziati avvertono che non si dovrebbero trarre conclusioni sulla base delle sole scansioni cerebrali e scrivere persone con qualsiasi particolarità della sua struttura in potenziali criminali: ci sono molti fattori che convincono una persona a commettere crimini e le peculiarità della struttura del cervello sono solo uno di loro.




Qual è l’origine della frase “Il lato oscuro”?