Ancora oggi, molte persone credono ancora che Cristoforo Colombo fosse la persona che “scoprì” l’America quando vi sbarcò nel 1492.

Questa convinzione trascura il fatto che gli indigeni vivevano lì già da almeno 20.000 anni e altri popoli non indigeni avevano aveva già effettuato spedizioni nelle Americhe – alcune centinaia di anni prima di Colombo – e alcuni avevano persino costruito insediamenti. 

Gli esploratori della Grecia antica, della Cina, dei Vichinghi e del Galles sono stati tutti proposti come precursori del famoso viaggio nel 1492. Allora chi è arrivato veramente prima di Colombo?

I cinesi

Un argomento interessante suggerisce che gli esploratori cinesi raggiunsero le Americhe circa 70 anni prima del famoso viaggio di Colombo. 

Questo si basa su una mappa del 1418 tracciata dall’ammiraglio Zheng He che sembra mostrare i fiumi e le coste del Nord America e parte del Sud America. Gli storici affermano che la mappa è stata creata durante la dinastia Ming (1368-1644).




Ci sono anche indicazioni più antiche che antichi esploratori cinesi potrebbero aver raggiunto le Americhe. In un esempio, una spada votiva cinese di lucertola è stata scoperta nel 2014 in una riva erosa di un piccolo ruscello in Georgia. 

I numerosi simboli sulla spada e la sua forma suggeriscono che provenga dalla cultura Liangzhu (3400-2250 a.C.) o dalla dinastia Xia (2070-1600 a.C.), Shang (1600-1046 a.C.) o Zhou (1046-256 a.C.). Nessuno può dire come il manufatto sia finito dove è finito.




La calligrafia e la formulazione utilizzate suggeriscono che i caratteri sarebbero stati probabilmente scolpiti verso la fine della dinastia Shang nel 1046 a.C.

I greci

Tre elementi che suggeriscono che gli antichi greci possano essere arrivati ​​nelle Americhe sono: le loro famose abilità di navigazione, una vasta conoscenza dell’astronomia e il fatto che erano l’unica civiltà antica a capire che la Terra era rotonda.

Alcuni studiosi affermano che una conoscenza avanzata dell’astronomia potrebbe aver aiutato i greci a identificare le correnti atlantiche che li avrebbero spinti a ovest. 

E diversi studiosi hanno anche riflettuto se il lavoro di Plutarco,  De Facie, che descrive uno sconosciuto recentemente tornato da un “grande continente”, si riferisca a un esploratore che aveva visitato Terranova, in Canada.

Sembra che l’errore sia stato commesso quando Tolomeo spostò le Isole Canarie di 15 gradi di latitudine. Ma all’epoca seguiva la convinzione comune che le persone non fossero in grado di navigare in un oceano.



I vichinghi

È ben noto che quasi 500 anni prima che Colombo salpasse, un vichingo di nome Leif (“il fortunato”) Erikson visitò e colonizzò temporaneamente un piccolo villaggio a Terranova, in Canada. Ma i norvegesi potrebbero essere stati lì anche prima.

Secondo la saga norrena di Graenlendinga, i vichinghi arrivarono per la prima volta nel Nuovo Mondo nel 986 d.C. quando Bjarni si imbatté in una bellissima area boschiva. Tornò a casa e la sua storia si diffuse presto, ispirando Leif Erikson a cercare di ripercorrere il passaggio dell’esploratore.

Leif e il suo equipaggio hanno continuato la loro spedizione e sono finiti in una zona con molti alberi, uva selvatica e cereali. Portarono l’uva a casa e chiamarono la terra Vinland in onore del frutto.

Oggi, l’area di insediamento di Leif è stata identificata come L’Anse aux Meadow, sulla punta più settentrionale dell’isola di Terranova. Gli archeologi che lavorano lì hanno portato alla luce otto case, cibo e resti di animali cacciati. 

Le saghe indicano chiaramente che i norvegesi hanno continuato a esplorare la nuova terra durante i mesi estivi per diversi anni, prendendo contatto con le tribù indigene e commerciando e spesso combattendo con loro. 




Mancando risorse e manodopera per respingere gli attaccanti locali, l’insediamento di Vinland fu abbandonato in meno di 10 anni. Ma nessuno sa con certezza fino a che punto a sud i vichinghi siano arrivati ​​nelle Americhe.

I gallesi

Le leggende dicono che il principe gallese Madoc (Madog) raggiunse il Nuovo Mondo con una flotta di navi tra gli anni 1170 e 1171 d.C. Nello specifico, si dice che Madoc e suo fratello Riryd siano sbarcati a Mobile Bay, in Alabama. 

Quando tornarono in Galles nel 1171, reclutarono 100 uomini, donne e bambini per formare una colonia nella nuova terra al di là del mare. Non sono mai tornati.




Ma la storia degli abitanti gallesi nelle Americhe non finisce qui. È stato anche suggerito che diverse tribù di nativi americani possano discendere dai membri della spedizione del principe.

I Mandan, una tribù che originariamente viveva lungo il fiume Missouri, sono più comunemente collegati a questa storia principalmente a causa della loro pelle relativamente chiara e dei loro capelli che diventano grigi. 

Altri esploratori europei hanno anche affermato che la lingua mandan era simile al gallese e la tribù aveva un’architettura di ispirazione gallese, come fortezze in pietra e città e villaggi permanenti con strade pianificate.

Potremmo non sapere mai chi è stato il primo non indigeno a raggiungere il Nord America. Ma una cosa è certa: non era Cristoforo Colombo.


























Erbe e Piante Medicinali: Principi attivi e antiche ricette