Britney Spears pubblica dopo l’udienza: “Mi scuso per aver finto di essere stata bene”

Britney Spears fa una dichiarazione pubblica dopo l’udienza: “Mi scuso per aver finto di essere stata bene”.

A seguito di un’udienza storica in cui la pop star ha chiesto la fine della sua tutela “abusante” e ha affermato che non le è permesso rimuovere il suo “IUD”. (intrauterine device)

iud
iud

Britney Spears si è rivolta a Instagram per fare la sua prima dichiarazione pubblica da quando si è rivolta a un tribunale di Los Angeles all’inizio di questa settimana sulla sua tutela “abusante”.

La Spears ha parlato a distanza con il giudice Brenda Penny durante un’udienza della Corte Superiore di Los Angeles mercoledì (23 giugno), consegnando una testimonianza di 24 minuti in cui ha chiesto la fine della sua tutela.

Tra le altre affermazioni, la Spears ha affermato che mentre era sotto la tutela, che lei chiamava “abusante”, le era proibito avere più figli, sposarsi o estrarre il suo IUD.




 

Nella testimonianza, la Spears ha affermato di aver “mentito e detto al mondo intero che sto bene e sono felice” mentre era sotto tutela.

“Ma ora ti sto dicendo la verità, ok? Non sono felice. non riesco a dormire. Sono così arrabbiato che è folle. E sono depresso. Piango ogni giorno”.

Ora, la pop star ha rilasciato una dichiarazione pubblica scusandosi per “fare finta di essere stata bene negli ultimi due anni”, dicendo di aver nascosto la realtà della sua vita “a causa del mio orgoglio e mi sono vergognato di condividere quello che mi è successo”.

È arrivato sotto forma di un post su Instagram, la piattaforma principale che la Spears ha utilizzato per comunicare con i suoi fan, in passato rassicurandoli sul fatto che lei sta bene e felice anche in mezzo alla lotta per la sua tutela.

In una didascalia all’immagine di una ragazza che tiene in mano un orsacchiotto con una citazione di Albert Einstein sulle fiabe, la Spears ha scritto:

“Voglio solo dirvi un piccolo segreto… credo che come persone tutti noi vogliamo la vita da favola e dal modo in cui l’ho postato… la mia vita sembra apparire ed essere piuttosto sorprendente… penso che sia quello per cui tutti ci sforziamo !!!! Quello era uno dei tratti migliori di mia madre… non importa quanto fosse una giornata di merda quando ero più giovane… per il bene di me e dei miei fratelli, faceva sempre finta che tutto andasse bene.”

“Sto portando questo all’attenzione della gente perché non voglio che la gente pensi che la mia vita sia perfetta perché SICURAMENTE NON LO È ASSOLUTAMENTE … e se hai letto qualcosa su di me nelle notizie questa settimana … ovviamente ora sai davvero che non lo è !!!! Mi scuso per aver fatto finta di essere stato bene negli ultimi due anni … l’ho fatto per il mio orgoglio ed ero imbarazzato nel condividere quello che mi è successo … ma onestamente chi non vuole catturare lì Instagram in una luce divertente !! !!”

“Che tu ci creda o no, fingere di stare bene mi ha davvero aiutato”, ha continuato, “quindi ho deciso di pubblicare questa citazione oggi perché, perbacco, se stai attraversando l’inferno … sento che Instagram mi ha aiutato ad avere uno sbocco interessante condividere la mia presenza… l’esistenza… e semplicemente sentirmi importante nonostante quello che stavo passando ed ehi ha funzionato… quindi ho deciso di iniziare a leggere più favole!!!!!”

Nella sua testimonianza, la Spears si riferiva a suo padre e co-conservatore, Jamie Spears, definendolo “ignorante” e affermando che “chiunque fosse coinvolto in questa tutela… dovrebbe essere in prigione”.




Durante l’udienza, l’avvocato di Jamie Spears ha detto che è “dispiaciuto di sentire che sta soffrendo e soffre così tanto” e che “gli manca molto sua figlia”.

Dopo la lunga dichiarazione della Spears alla corte, che è stata trasmessa pubblicamente, il sostegno è arrivato dai suoi fan e da altri artisti e celebrità, tra cui il suo ex compagno Justin Timberlake, Mariah Carey e Halsey.

In risposta alle affermazioni della Spears secondo cui le è proibito rimuovere il suo IUD, il presidente e CEO della Planned Parenthood Federation of America ha rilasciato una dichiarazione in solidarietà con la Spears.

“Siamo solidali con Britney e tutte le donne che affrontano la coercizione riproduttiva. La tua salute riproduttiva è tua e nessuno dovrebbe prendere decisioni al riguardo per te”, ha affermato il presidente e CEO di Planned Parenthood, Alexis McGill Johnson.

“Ogni persona dovrebbe avere la capacità di prendere le proprie decisioni sul proprio corpo ed esercitare l’autonomia corporea”.

L’udienza ha segnato un enorme sviluppo nella tutela della Spears, con polemiche che hanno scatenato il movimento #FreeBritney creato dai fan. È anche diventato oggetto di numerosi documentari, il più famoso dei quali è Framing Britney Spears, uscito nel febbraio di quest’anno.

L’anno scorso, è stato riferito che la Spears ha sostenuto il movimento #FreeBritney, anche se più recentemente ha definito i documentari sulla sua vita “ipocriti”.

All’inizio di quest’anno, l’avvocato di Jamie Spears ha dichiarato in interviste ai media che i fan di Britney “si sono sbagliati” sulla tutela e che “Jamie crede che ogni singola decisione che ha preso sia stata nel suo interesse”.