Britney Spears: finalmente è terminata la tutela che ha controllato la sua vita personale e professionale per più di tredici anni

La tutela che ha controllato la vita personale e professionale di Britney Spears per più di tredici anni è stata formalmente interrotta

63
Britney Spears
Britney Spears

Dopo tredici anni, finisce il controllo sulla sua tutela. di conseguenza, la cantante ha ora di nuovo il controllo della sua vita e dei suoi affari e non sarà più tenuta a pagare un team di professionisti e avvocati per gestirli.

Il giudice di Los Angeles Brenda Penny ha annunciato venerdì che: “La tutela della persona e del patrimonio di Britney Jean Spears è terminata“.

Penny ha aggiunto che il contabile che nominato conservatore ad interim del patrimonio di Britney a settembre – John Zabel – avrebbe continuato a lavorare in un ruolo limitato per un certo periodo gestendo alcune attività amministrative e supervisionando il trasferimento dei beni.

Gli affari di Britney sono diventati soggetti alla tutela nel 2008 sulla scia del suo crollo mentale

Per la maggior parte dei tredici anni, la tutela è stata controllata molto dal padre di Britney, Jamie Spears.

Con il passare degli anni, c’erano voci secondo le quali Britney stessa stava diventando frustrata con la tutela e il controllo di suo padre sulla sua vita, e quelle voci hanno portato alla campagna #FreeBritney guidata dai fan.

Le cose sono precipitate dopo che Jamie Spears si è temporaneamente dimesso dal suo ruolo di conservatore a causa di problemi di salute

Quando ha cercato di tornare, gli sforzi legali hanno iniziato a ridurre la sua influenza sugli affari di sua figlia. Un successivo avanti e indietro legale ha portato Britney a catturare la testimonianza di Britney in tribunale all’inizio di quest’anno in cui era severa sulla tutela in generale e su suo padre in particolare.

Correlato: La Aguilera che attaccava Britney Spears ora la sostiene

Sulla scia di quella testimonianza, varie persone coinvolte nella tutela si sono dimesse, incluso il suo avvocato d’ufficio. Britney ha quindi assunto il proprio consulente legale, Mathew Rosengart, che ha iniziato a chiedere l’immediata rimozione di Jamie da qualsiasi coinvolgimento negli affari di sua figlia e la cessazione del tutto della tutela.

Alla fine Jamie ha annunciato di aver anche sostenuto la cessazione della tutela, anche se ha risposto alle accuse fatte da Rosengart di aver gestito male le finanze di sua figlia, e ha sostenuto che non era necessario rimuoverlo come conservatore del patrimonio di Britney a breve termine.

Tuttavia, è stato sostituito da Zabel alla fine di settembre, anche se a quel punto sembrava che l’intera tutela sarebbe stata presto liquidata.

Prima della sentenza della scorsa settimana che ha formalmente posto fine alla tutela, Rosengart ha anche detto alla corte che era stata messa in atto una “rete di sicurezza” – da lui e da altri coinvolti nella tutela – per garantire una transizione graduale mentre il suo cliente riprendeva il controllo del le sue finanze, carriera e vita personale.

Correlato: Britney Spears dice che non si esibirà dal vivo mentre suo padre è il suo tutore

Condividendo un video dei suoi fan – e accaniti attivisti di #FreeBritney – che festeggiano fuori dal tribunale per la conferma della sentenza di venerdì, Britney ha scritto su Twitter: “Buon Dio, amo così tanto i miei fan che è pazzesco! Penso che piangerò per il resto della giornata! Il miglior giorno di sempre – loda il Signore – posso ottenere un Amen? #FreedBritney”.

Anche fuori dal tribunale c’era Rosengart, che ha detto ai giornalisti: “Il futuro di Britney dipende da una persona – e questa è la prima volta che possiamo dirlo in più di un decennio. Tocca a Britney. Britney, da oggi, è una donna libera. La ringrazio per il suo coraggio, equilibrio e potenza e per il nostro rapporto”.

Resta da vedere se ora seguirà un contenzioso contro Jamie Spears e altri coinvolti nella tutela in relazione a tali accuse di cattiva gestione. Alla domanda su questo, Rosengart ha detto che se verrà intentata una causa spetta “alla mia cliente Britney”.