Aubrey Drake Graham, il primo rapper canadese senza contratto ad avere successo mondiale

Nato come Aubrey Drake Graham, a Toronto, nel 1986, si è imposto per la prima volta all’attenzione del pubblico come attore bambino, entrando a far parte del cast del programma televisivo canadese The Next Generation, in cui interpretava Jimmy Brooks, un giocatore di basket che diventa disabile fisico dopo essere stato colpito da un compagno di classe.

Il primo passo di Drake nell’industria musicale è arrivato nel 2006 con un mixtape autoprodotto, Room For Improvement, influenzato da Little Brother. Mostrava la sua versatilità passaando con disinvoltura dal pop R&B come “All This Love” a brani rap come “A Scorpio’s Mind”.

Drake
Drake

I punti salienti degni di nota spaziano dall’anima liscia della Dwele-guesting “Don’t U Have A Man” al pezzo da discoteca “Must Hate Money” e alla pepita hip-hop della vecchia scuola “Do What You Do (Remix)”.




Su ‘Think Good Thoughts’, il produttore 9th Wonder coopta ‘Sweet Love’ di Anita Baker con un effetto superbo. Il singolo di accompagnamento “Replacement Girl” ha generato un video che ha segnato New Joint Of The Day su BET, rendendo

Drake è il primo rapper canadese senza contratto ad avere il proprio video musicale trasmesso.

Lil Wayne, che invitò Drake a fare un tour con lui nel 2008, affermandosi rapidamente come mentore del giovane canadese.  Drake ha pubblicato il suo terzo mixtape, So Far Gone, il 13 febbraio 2009 come download gratuito sul suo blog.

Con “Ignant S__t” espone i suoi riferimenti al boogie di Lil Wayne e ‘Ignant S__t’ e gli sperimentali diversivi electro-pop della collaborazione con Santigold ‘Unstoppable’ hanno fornito momenti più vincenti su un’uscita che ha segnato un punto di svolta per la carriera di Drake.

Il successo del mixtape è stato aggravato quando Universal Motown ha firmato il rapper, pubblicando una versione ridotta, So Far Gone EP. Ha debuttato al numero 6 della Billboard 200 e ha vinto il Juno Award 2010 per la registrazione rap dell’anno.

Dice di essere stato Influenzato da Kanye West ‘s 808 del & Heartbreak nel suono e profondità emotiva. 

Dopo una guerra di offerte, Drake ha firmato un contratto con la Young Money Entertainment di Lil Wayne e il 15 giugno 2010 ha pubblicato il suo album di debutto in studio Thank Me Later.

Alicia Keys contribuisce con un avvincente gancio alla sensuale apertura “Fireworks”, Nicki Minaj aggiunge un verso tipicamente idiosincratico al basso pesante “Up All Night”, Stevie Wonder fornisce l’armonica sulla sensuale “Doing It”. Sbagliato’ e Jay Z si apre al ritmo pesante di “Light Up”.

Con una serie di produttori top al timone, era una estensione dell’anima downbeat e degli stili emo-rap di So Far Gone, anche se con un budget esponenzialmente più grande.  Le canzoni più forti.




Nonostante il successo dilagante di ‘The Resistance’, la title track prodotta da Timbaland e il pop stridente dei singoli di accompagnamento dell’album, ‘Fancy’ e ‘Over’, Drake era scontento del prodotto finito, sentendo che la registrazione era stata affrettata.

Il titolo del suo seguito del 2011, Take Care, che riflette lo sforzo e il tempo extra che ha dedicato al suo successore. Con il suo caro amico e produttore Noah Shebib di nuovo a bordo come forza guida stilistica, l’album presentava un insieme più coeso di canzoni che portavano il mix di R&B, hip-hop, elettronica e pop caratteristico di Drake a nuovi livelli.

Promossa da ben otto singoli, la title track di Rihanna- guesting club-friendly si è rivelata un enorme successo internazionale, raggiungendo la Top 10 negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Australia, in Nuova Zelanda e in Danimarca.

Altri punti salienti su una serie straordinariamente coerente di annuire emotivi includono l’anima sognante di “Crew Love” di The Weeknd, il gospel-rap di “Lord Knows”, il piano guidato “Look What You’ve Done” e il dolorosamente bella ‘The Ride’.

Il pezzo extra dell’album, il pezzo da discoteca ‘Motto’, pubblicato con successo come singolo, ha anche dato vita al popolare acronimo YOLO, “You only live once” (per “si vive solo una volta”).

Rilasciato il 15 novembre 2011, l’album ha debuttato al numero 1 della Billboard Chart statunitense (vendendo 631.000 copie solo nella prima settimana) e alla fine è diventato doppio platino. Si è rivelato popolare anche tra i critici, facendo numerose liste di fine anno e vincendo il miglior album rap ai 55° Grammy Awards.

Drake ha trascorso gran parte del 2012 in tournée, anche se ha trovato il tempo per avviare un’etichetta discografica, OVO Sound, con il produttore Shebib, firmando artisti del calibro di PartyNextDoor e Majid Jordan insieme ai produttori Boi-1da, T-Minus e Mike Zombie.

Drake ha iniziato a lavorare su un terzo album in studio nello stesso anno, pubblicando il cupo singolo “Started From The Bottom” nel febbraio 2013, presagendo la direzione del prossimo album.




Dal punto di vista dei testi, “Nothing Was The Same” era un affare altrettanto cupo, con bordate arrabbiate rivolte a ex fidanzate, familiari e compagni di scuola seduti accanto al solito mix di disillusi esami di coscienza e vanagloria.

Dopo l’uscita dell’album “Hold On, We’re Going Home”, Drake è tornato brevemente sugli schermi televisivi, ospitando un’edizione speciale ben accolta di Saturday Night Live nel gennaio 2014.

L’apparizione probabilmente ha suscitato un’ondata di nostalgia per i suoi primi giorni: poco più di un anno dopo, il 13 febbraio 2015, ha celebrato il sesto anniversario della carriera di So Far Gone pubblicando a sorpresa il suo quarto mixtape, If You’re Reading This It’s Too Late.

Musicalmente, era una continuazione di Nothing Was The Samele torbide atmosfere, anche se ormai ogni pretesa pop e R&B era completamente scomparsa. La produzione, gestita ancora una volta dagli affiliati di OVO, ha tracciato un solco hip-hop dal ritmo lento e tagliente su cui Drake ha sparato ad altri rapper e ai suoi familiari sofferenti.




Esemplificata da tracce come “Know Yourself”, “Wednesday Night Interlude” e “You & The 6”, è stata un’altra uscita eccezionale che ha funzionato eccezionalmente bene, nonostante l’assenza di un successo identificabile per promuoverla.

Spinto dalla frenesia dei social media che ha salutato la sua uscita, If You’re Reading This It’s Too Late ha debuttato al numero 1 della classifica statunitense Billboard, collezionando vendite in tre giorni di 495.000 copie e battendo il record di streaming della prima settimana di Spotify.

Il 2015 doveva essere un anno impegnativo per Drake. Coinvolto in una faida su Internet con il collega rapper Meek Mill, a luglio ha pubblicato due tracce diss, “Charged Up (Ghostwriter)” e “Back To Back” (che ha ottenuto una nomination ai Grammy), insieme alla canzone R&B “Linea diretta Bling’.




Quest’ultima è stata una delle canzoni pop più irresistibili della carriera di Drake e si è rivelata un enorme successo internazionale, raggiungendo il n.2 della classifica statunitense Billboard (la sua posizione più alta congiuntamente) e il n.3 sia in Canada che nel Regno Unito.

Nel settembre dello stesso anno, ha pubblicato il mixtape collaborativo What A Time To Be Alive con il rapper di Atlanta Future.

Rilasciato ancora una volta senza preavviso, è stata un’altra incursione nel lato più duro dell’hip-hop per il canadese sempre versatile e ha raggiunto il numero 1 della Billboard statunitense grafici.