Situato appena fuori dalla striscia di Las Vegas l’ingresso è da una casa sotterranea. La superficie è una porta anonima accanto a una casa suburbana a due piani.

Ma 3970 Spencer St. è molto, molto di più. Costruita durante la Guerra Fredda, questa è una casa sotterranea progettata per intrattenere gli abitanti quando i sovietici volevano spazzare via Las Vegas.





3970 Spencer Street è un enorme complesso sotterraneo e al centro si trova una funzionale casa con due camere da letto. La casa è circondata da un cortile completo completo di putting green, jacuzzi, sauna, barbecue, vasche idromassaggio e pista da ballo.

Le pareti presentano murales dipinti a mano che mostrano il quartiere circostante, così come appare sul lato superiore. Le luci regolabili forniscono luce diurna artificiale e il bunker simula il normale ciclo giorno/notte. Un tunnel (ora riempito) collegava il bunker con il luogo di lavoro del proprietario originale, dandogli una rapida fuga se le bombe iniziavano a cadere.





Dopo la Guerra Fredda, l’assurdo bunker cadde in disuso, diventando un’attrazione turistica piena di cimeli della cultura pop degli anni ’70. Tuttavia, il bunker è stato recentemente acquistato da un misterioso gruppo chiamato Society for the Preservation of Near Extinct Species.

Buona fortuna a trovare informazioni sulla società: non hanno quasi alcuna presenza su Internet. Per qualche ragione, hanno deciso di aver bisogno di questo strano bunker sotterraneo e, a meno che Putin non impazzisca con le bombe, probabilmente non sapremo mai perché.