Furti di strumenti alle band: il fenomeno è in notevole aumento

Dopo lo stop del lockdown, c'è stato un numero allarmante di segnalazioni band a cui è stata rubata la loro attrezzatura in viaggio

39
Furti di strumenti alle band: il fenomeno è in notevole aumento
Furti di strumenti alle band: il fenomeno è in notevole aumento

Perdere gli strumenti del loro mestiere – chitarre, effetti, tablet ecc., è il peggior incubo di una band. Questi musicisti hanno imparato l’arte di rintracciare strumenti rubati e smarriti e come tenere al sicuro l’attrezzatura quando sono in viaggio.

Da quando la musica dal vivo è tornata in Italia dopo lo stop del lockdown, c’è stato un numero allarmante di segnalazioni di artisti e band a cui è stata rubata la loro attrezzatura mentre erano in viaggio.

In particolare per i nuovi artisti, molti dei quali non hanno alcuna forma di sostegno finanziario, le conseguenze di queste rapine possono essere devastanti: si affidano ai tour e agli incassi lungo la strada come principale fonte di reddito.

Il tour degli ultimi mesi è stata un’esperienza “spaventosa”, per i Moderntears che a Roma, per suonare al Traffic Club in occasione del live dei Polar, si sono trovati senza la loro strumentazione, rubata a via Tiburtina mentre i 5 componenti erano al ristorante a pranzare.

Dopo il lockdown, periodo difficile che hanno avuto tutti,  l settore della musica dal vivo in particolare è stato uno dei più colpiti.

Furto, smarrimento e danneggiamento dell’attrezzatura: queste sono storie di guerra comuni raccontate tra musicisti e band in tournée, che operano come piccole imprese. Queste perdite possono causare gravi battute d’arresto professionali e finanziarie, non diversamente da un’azienda fisica che perde le proprie attrezzature a causa di un furto con scasso o di un disastro naturale.

Queste band sono costrette a partire da zero ricomprando con enormi difficoltà le loro strumentazioni personali e soprattutto personalizzate

Sebbene non ci siano statistiche nazionali che tracciano un’epidemia di perdita o furto di strumenti, ci sono molte prove aneddotiche che queste perdite sono comuni e, in molti casi, possono essere evitabili.

Rimuovi gli adesivi dei cinturini e qualsiasi altro segno evidente di un furgone da turismo o di un rimorchio pieno di attrezzature costose. Ti rende un facile bersaglio per i ladri.



Le band che viaggiano con attrezzatura che non possono permettersi di perdere dovrebbero prendere in considerazione l’assunzione di norme extra di sicurezza o fare a turno per tenerla d’occhio 24 ore su 24, 7 giorni su 7, secondo la polizia.

Le forze dell’ordine teorizzano che i musicisti possano essere presi di mira perché i ladri sanno di seguire l’attrezzatura fino alla sua destinazione notturna. Oppure, come nel caso della rapina ai Moderntears, può essere un crimine spontaneo di opportunità: parcheggiare nel posto sbagliato al momento sbagliato.

Mantenere un inventario dettagliato può aiutare i proprietari a rintracciare gli strumenti rubati anche anni dopo. 

Pubblicizzare il furto o lo smarrimento il più rapidamente possibile

Contattare la polizia, follower dei social media, pegni locali e negozi di musica, pubblicare subito sui siti Web di band e fan.

Le foto digitali e i numeri di serie possono essere inviati rapidamente alla polizia in servizio per aiutare a rintracciare l’attrezzatura subito dopo, anche prima che venga scritto un rapporto ufficiale della polizia.

Rendere gli strumenti identificabili con modifiche estetiche o tecnologie di tracciamento

Può rendere gli strumenti più facili da riconoscere e più difficili da rivendere per un ladro. Alcuni musicisti personalizzano gli strumenti in un modo di renderli immediatamente riconoscibili, come le chitarre autografate. 

La tecnologia ha anche modernizzato la sicurezza oltre a incidere firme. Microchip nascosti e incorporati in uno strumento possono dimostrare la proprietà quando scansionati e piccoli dispositivi di tracciamento possono emettere avvisi e aiutare i musicisti a tenere traccia delle apparecchiature in movimento.



GPS

Come funziona: i tag GPS emettono segnali che i satelliti raccolgono e triangolano per fornire le coordinate della posizione. I tag possono essere monitorati tramite telefono o laptop

Professionisti
  • Monitoraggio della posizione sempre attivo e in tempo reale in tutto il mondo.
  • Attrezzatura dall’aspetto professionale.
  • Può essere geo-recintato all’interno di una determinata area, emettendo un avviso quando l’attrezzatura esce dal raggio d’azione.

Contro

  • La triangolazione non è precisa (ma in genere atterra entro un metro e mezzo).
  • Richiede una visione chiara del cielo per mantenere il segnale da e verso il satellite.
  • I tag ingombranti possono essere facili da individuare e rimuovere per un ladro.
  • I dispositivi possono essere costosi e avere un canone mensile o un canone di servizio.

Bluetooth

Come funziona: i tracker Bluetooth inviano un segnale che viene ricevuto dal telefono o dal laptop.

Professionisti
  • Molti dispositivi sono dotati di allarmi di attivazione integrati quando l’attrezzatura viene spostata.
  • Generalmente meno costoso dei tag GPS.

Contro

  • Portata molto limitata.
  • Scarica rapidamente la batteria del telefono.

Wifi

Come funziona: i tracker Wi-Fi triangolano i dati da diversi hot spot locali per individuare la posizione, fornendo coordinate in tempo reale a un telefono o laptop.

Professionisti

  • Il mondo è pieno di Wi-Fi.

Contro

  • Connessione imprevedibile in ambienti rurali.

RFID

Come funziona: i tracker di identificazione a radiofrequenza (RFID) utilizzano segnali radio per comunicare la posizione con un lettore (smartphone).

Professionisti
  • Utilizzato in dispositivi molto piccoli; più difficile da individuare per i ladri.
  • Lunga durata della batteria.

Contro

  • Corto raggio (meno di 10 piedi).
  • Non uno standard aperto. Molti produttori hanno la propria versione di RFID.