La casa del futuro a meno di 3000 euro?

9
casa del futuro
casa del futuro

Esistono case di molti tipi, ma pochissime possono costare meno, diciamo, di uno scooter. Le “benishells” invece sì: meno di 3 mila euro l’una, per la precisione. Eppure sono case complete di tutto: compreso un tetto a forma di conchiglia, da cui viene il nome, e una veranda molto ben progettata.

Sono case a forma di cupola e sono costruite, scrive il sito The Spruce: “usando un processo che è simile alla fabbricazione di una base per palloncini di cartapesta”. Nel senso che il calcestruzzo viene versato sopra una struttura d’acciaio dalla forma tondeggiante, ed ecco che, et voila, la casa è praticamente finita.

Proprio dalla semplicità del metodo costruttivo viene il prezzo così basso. Ma costruire in questo modo queste case non ha portato solo a un prezzo bassissimo, c’è molto altro. Per esempio è stato dimostrato che la particolare forma del tetto e delle pareti le rende molto resistenti a urti e sollecitazioni, quindi a terremoti ed eventi atmosferici estremi.

Ma da dove nasce l’idea di costruire case in questo modo? Semplice, in realtà: i progettisti cercavano di ottenere dei rifugi di emergenza. Delle strutture temporanee in cui far alloggiare persone sfollate o in cerca di un riparo provvisorio.

Per un periodo le benishells sono state utilizzate anche come aule scolastiche d’emergenza. Ma ora sono entrate di diritto nell’universo delle mini-case. Per via della loro dimensioni, ma anche perché costano così poco che sarebbero una vera rivoluzione per le nostre città.

Sì perché se si riuscisse a costruire dei quartieri (ed è stato fatto) interamente in questo modo il risultato, con una spesa minima, sarebbe ottimo. Le case infatti sono comode, concedono privacy e connessione con la natura.