Gaga, House of Gucci: come il crimine ha conquistato il mondo

Lady Gaga interpreta la moglie di Gucci, la Reggiani, in una storia di moda e omicidio nel film "House of Gucci" di Ridley Scott

19
Gaga, House of Gucci
Gaga, House of Gucci

Lady Gaga interpreta la moglie di Gucci, Patrizia Reggiani, in una storia di moda e omicidio nel film “House of Gucci” di Ridley Scott. Ma il vero crimine – un tempo l’anima del cinema, dai thriller e horror ai western – sta diventando troppo grande per il grande schermo?

Questa storia era destinata a diventare un film dal momento in cui il proiettile lasciò l’erede della moda Maurizio Gucci morto fuori dal suo ufficio di Milano nel marzo 1995 – sparato, ha detto un testimone, da un sicario con una “mano bella e pulita”.

Il film vede Gaga nei panni di Patrizia Reggiani, la moglie di Maurizio Gucci, processata e condannata per aver orchestrato l’omicidio del suo ex marito. Segue gli eventi e le conseguenze dell’assassinio di Gucci nel 1995, che abbracciano tre decenni di vita della famiglia dell’alta moda. “House of Gucci” è interpretato anche da Jared Leto, Jeremy Irons, Salma Hayek e Al Pacino.

Il film di Ridley Scott ora finalmente arriva grondante di potere da star, e Lady Gaga nei panni dell’ex moglie di Gucci, Patrizia Reggiani

Ma la storia da sola era sufficiente: soldi, vendetta e malvagità tenuta in prigione da un furetto domestico illecito chiamato Bambi. Allora perché, ora che il film è in realtà qui, il caso Gucci sembra una strana misura per un film, dopotutto?  Lo sviluppo del film è iniziato nel 2006.

“I film sul vero crimine erano decisamente più grandi in passato”, afferma Murley. “I media cambiano. Noi cambiamo.”

House of Gucci è incentrato su una donna. Il tropo della Vedova Nera è tanto antico quanto statisticamente improbabile e commercialmente allettante. Se la storia si sovrappone a Killer Women With Piers Morgan, non è il primo film ad attirare un regista di prestigio maschile su una storia reale di una donna accusata.

Il film ha suscitato critiche da parte dei familiari per vari motivi: violazione della privacy; La resa di Al Pacino del patriarca Aldo Gucci (“grasso, basso, brutto”).

Le prime reazioni a “House of Gucci” di Ridley Scott sono arrivate e sono una corsa sfrenata, proprio come nel film

Mentre l’embargo dei social media sul film – che vede protagonisti Lady Gaga e Adam Driver – è stato revocato, martedì pomeriggio, critici cinematografici e giornalisti hanno utilizzato Twitter per lodare “House of Gucci” o per esprimere le loro lamentele.

Le recensioni complete arriveranno il 22 novembre.

I critici Clayton Davis e Jazz Tangcay hanno elogiato in particolare il lavoro di Gaga; hanno ipotizzato che il film “dividerà” i critici, ma che Gaga “mangia ogni boccone del suo ruolo”. Tangcay ha continuato a chiamare Gaga un “tour-de-force e una centrale elettrica” ​​e ha etichettato il film come uno “spettacolo” di celebrità ed estetica.

Lady Gaga dice di aver avuto una crisi psicotica totale dopo la presunta violenza sessuale nella serie sulla salute mentale del principe Harry

Le più grandi cantanti degli ultimi 10 anni