Billie Eilish, successo e malattia

28

Con 65 milioni di dischi venduti tra album e singoli digitali, Billie Eilish è una degli artisti di maggior successo del XXI secolo, e tra i più premiati del panorama musicale globale, nonostante la giovane età.

“È tutta una questione di cosa ti fa sentire bene” Billie Eilish

Ci sono molte ragioni per cui Billie Eilish è intrigante: una di queste è che Billie si differenzia dalle solite pop star. Billie Eilish Pirate Baird O’Connell, nota come Billie Eilish è nata a Los Angeles il 18 dicembre 2001.

Billie ha ricevuto un’istruzione parentale. La danza è stata la prima responsabile del suo successo nel mondo della musica. Il suo istruttore di danza le aveva chiesto di creare una canzone per un balletto ed insieme a suo fratello maggiore Finneas ha creato Ocean Eyes. I due fratelli non potrebbero essere più opposti.

L’aspetto duro, inquietante e disinvolto di Billie copre una voce setosa, innocente e molto femminile che non ti aspetteresti mai.

Billie sale alla ribalta nel 2016 a soli 15 anni con il singolo Ocean Eyes, diventato virale su Spotify. Ad esso ha fatto seguito l’EP di debutto Don’t Smile at Me, pubblicato nell’agosto 2017. Ad ottobre è stata nominata UpNext da Apple Music.




Nel 2019 pubblica l’album in studio di debutto When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, album con le migliori prestazioni del 2019 negli Stati Uniti numero uno nel Regno Unito trainato dai singoli When the Party’s Over, Bury a Friend e Bad Guy.

Nel 2019 si è aggiudicata ben 34 riconoscimenti, tra cui due American Music Awards, tre MTV Video Music Awards, due Guinness World Records e due MTV Europe Music Awards e un Brit Awards.

Nei Grammy Awards 2020, ottiene sei diverse candidature e si aggiudica cinque statuette. Nel 2020 è la più giovane cantante nella classifica annuale di Forbes delle cento celebrità più pagate al mondo, con guadagni di 53 milioni di dollari.

Una parte importante del successo di Billie è l’essere un’icona della moda. La sua estetica streetwear oversize è diventata un’ispirazione. Indossa taglie e vestiti da uomo e disegna i suoi vestiti. Non ha paura di strappare le cose, attaccare nuovi accessori, tagliare e ricucire le cose.

L’hip hop è la sua principale influenza. Billie è una fan dell’hip hop da quando aveva 12 anni. Ha scritto la sua prima canzone quando aveva quattro anni.

Ammette in diverse interviste che sorridere la fa sentire debole e impotente. Quindi è letteralmente la cosa peggiore del mondo quando qualcuno le sorride e lei è costretta a sorridere di rimando.

La sindrome di Tourette di Billie Eilish

billie eilish 2
billie eilish




Billie Eilish ha convissuto con la sindrome di Tourette fin dall’infanzia. Billie ha parlato apertamente della sua esperienza con la sindrome di Tourette, su Instagram ha scritto che è “cresciuta” con questo disturbo.
“La mia Tourette rende le cose facili molto più difficili. Certe cose aumentano e/o innescano l’intensità dei tic. Ma è qualcosa con cui sono cresciuto e a cui sono abituata. La mia famiglia e gli amici più cari sanno che sono parte di me. Ho imparato da sola le tecniche per ridurli quando non voglio distrarmi in determinate situazioni. Ma ancora una volta, sopprimerli non fa che peggiorare le cose.”

“I MIEI tic sono solo fisici e non super evidenti agli altri se non stai davvero prestando attenzione, averli è un tipo completamente diverso di sofferenza”, ha continuato.