Uomo confessa omicidio moglie, ma il corpo ritrovato aveva 1600 anni

Il caso, irrisolto da 20 anni, ora sembrava chiuso. Ma l'investigatore capo, l'ispettore detective George Abbott, era infastidito da qualcosa: se quella era davvero la testa della Fernandez, dov'era il resto di lei?

22

Nel 1959, la ritrattista e appassionata di viaggi Malika de Fernandez incontrò l’uomo che sarebbe diventato il suo assassino.

Entro due ore, Peter Reyn-Bardt, un impiegato della compagnia aerea, le chiese di sposarlo – e lei disse sì. Quattro giorni dopo erano sposati.

Pochi mesi dopo, il matrimonio entrò in crisi e Fernandez ricominciò a viaggiare per il mondo, sfruttando ora lo sconto sui viaggi aerei del suo nuovo marito. Reyn-Bardt rimase nel suo cottage nel Cheshire, in Inghilterra.

Due anni dopo, Fernandez scomparve completamente e Reyn-Bardt divenne il sospetto numero uno.

Nonostante le perquisizioni approfondite della sua proprietà – incluso lo scavo del suo giardino alla ricerca dei suoi resti – la polizia non riuscì a trovare alcuna prova dell’omicidio di Malika o di qualsiasi illecito.

Il caso è rimasto irrisolto per due decenni, poi gli eventi hanno preso una strana svolta: una parte di un corpo è stata scoperta all’interno di una torbiera vicino alla casa del cottage di Reyn-Bardt.

A questo punto le indagini ripresero e la storia si è conclusa con la sua condanna per l’omicidio della moglie.

La torba viene creata attraverso la decomposizione della materia organica, in gran parte da materiali vegetali come il muschio. Quando il muschio si accumula in zone abbastanza umide da formare una palude, gli strati di torba formano acidi che sono incredibilmente bravi a preservare i corpi.

Cadi in una di queste torbiere – o essere ucciso o sacrificato e gettato in uno di queste – e quando vieni scoperto secoli dopo, potresti benissimo sembrare qualcuno che vi è caduto ieri.

Se Reyn-Bardt lo avesse saputo, forse non sarebbe stato così veloce a confessare di aver ucciso sua moglie.

Dopo che la testa di una donna sconosciuta è stata trovata nella torbiera di Lindow Moss, la scientifica inizialmente ha creduto che avesse 30-50 anni e ha confrontato Reyn-Bardt con le prove, credendo che fosse correlata alla scomparsa di Fernandez di alcuni decenni prima.

È passato così tanto tempo, pensavo che non sarei mai stato scoperto“, ha detto Reyn-Bardt alla polizia durante l’interrogatorio.

Affermò che la Fernandez era tornata al suo cottage all’inizio degli anni ’60 minacciando di rivelare che lui era gay – cosa che all’epoca era ancora criminalizzata in Inghilterra – se non le avesse dato soldi. A quel punto c’è stata una colluttazione.

Qualcosa è ribollito dentro di me“, ha aggiunto, dicendo in seguito alla corte che l’aveva afferrata e aveva iniziato a scuoterla, e non si era reso conto di averla uccisa finché non si era fermato.

Ero terrorizzato e non riuscivo a pensare chiaramente. L’unica cosa che mi è venuta in mente è stata di nasconderla“.

Reyn-Bardt ha detto di aver smembrato il suo corpo con un’ascia, prima di tentare di bruciarla. Quando questo non ha funzionato, l’ha portata nella palude vicina e l’ha gettata dentro.

Il caso, irrisolto da 20 anni, ora sembrava chiuso. Ma l’investigatore capo, l’ispettore detective George Abbott, era infastidito da qualcosa: se quella era davvero la testa della Fernandez, dov’era il resto di lei?

L’ispettore inviò il cranio per ulteriori analisi all’Università di Oxford, dove hanno scoperto attraverso la datazione al carbonio che il cranio risaliva all’epoca romana.

Il cranio è stato conservato nella torbiera per oltre 16 secoli e ovviamente non ha nulla a che fare con Malika Reyn-Bardt“, ha detto alla corte il procuratore Martin Thomas. “Ma la suprema ironia è questa: la sua scoperta ha portato direttamente all’arresto dell’imputato e alla sua minuziosa confessione“.

Quando Reyn-Bardt seppe di questo, tentò di ritirare la sua confessione, ma era ormai troppo tardi. La giuria ha impiegato 3 ore per dichiararlo colpevole di omicidio.

Il corpo della Fernandez non è ancora stato ritrovato.