Film scioccanti che possono trasformare il tuo mondo

Questi film non potevano essere proiettati nei cinema, chi li vedeva sveniva o lasciava silenziosamente la sala durante la proiezione e gli attori non potevano dimenticare a lungo l'esperienza traumatica

44

Questi film non potevano essere proiettati nei cinema, chi li vedeva sveniva o lasciava silenziosamente la sala durante la proiezione e gli attori non potevano dimenticare a lungo l’esperienza traumatica.

Giochi divertenti, 1997

Alla casa di campagna arriva una famiglia composta da marito, moglie, figlioletto e cane. Mentre Anna si occupa della cucina, un giovane in guanti bianchi le si avvicina con la richiesta di prendere in prestito delle uova per un vicino, ma, prendendole, le fa cadere accidentalmente e le rompe.

Ne sono rimasti otto nella scatola, quindi il giovane ne chiede altri quattro, dopodiché subiscono la stessa sorte a causa del cane che lo ha spaventato. La situazione si sta surriscaldando: un secondo ragazzo appare in casa e chiede loro di dare loro le ultime quattro uova.




Quando il marito di Anna arriva e schiaffeggia uno dei giovani per il suo comportamento insolente, si rompe la rotula. Inizia così il gioco, in cui la famiglia è sottoposta a torture fisiche e psicologiche per tutta la notte.

Nel suo film scandaloso, Michael Haneke flirta con il pubblico. Nel corso di due ore di tempismo, i sadici si rivolgono più volte alla telecamera e fanno una domanda senza parole: cosa stai guardando e perché?




Il maestro riconosciuto del cinema europeo, Wim Wenders, ha lasciato la sala senza aver visto il nastro.

“Antichrist”, 2009

Mentre la coppia si ritira in bagno, il loro bambino si arrampica sul davanzale della finestra e cade dalla finestra. La madre impazzisce per il dolore e il senso di colpa. Il marito psicoterapeuta vede che le sue condizioni peggiorano ogni giorno e decide di portarla in una casa di campagna chiamata “Eden”, che la donna teme di più.

Lars von Trier ha scritto la sceneggiatura per L’Anticristo durante una prolungata depressione. Per sbarazzarsi della malattia, lo psicoterapeuta gli consigliò di esercitare le abilità e allo stesso tempo di testare la sua capacità di impegnarsi in attività creative in questo stato. Non sorprende che alcuni critici abbiano definito il lavoro del maestro “uno spettacolo di un regista che impazzisce”.

Antichrist
Antichrist

Alla premiere di Cannes, secondo i resoconti di testimoni oculari, quattro sono svenuti a causa di scene naturalistiche di violenza. Alcuni registi hanno battezzato von Trier un misogino e hanno definito il suo film forse il più grande fallimento nella storia del festival cinematografico, mentre altri sono rimasti entusiasti.




Lo stesso danese considera questo lavoro il migliore della sua carriera: “Il cinema non dovrebbe essere conveniente – come un sassolino in una scarpa”.

“Irreversibilità”, 2002

La trama è costruita attorno a un’insolita trinità: Alex, suo marito Marcus e l’ex marito Pierre. Un giorno, la ragazza viene a sapere della gravidanza e poi va a una festa con gli uomini. Da lì, a causa di una lite, parte prima del previsto e da sola, e in un passaggio buio osserva l’immagine brutale di una donna che viene picchiata.




Alex cerca di scappare, ma il sadico la afferra e la violenta. Quando Marcus e Pierre scoprono cosa è successo, decidono di vendicarsi.

Quando Gaspard Noé ha debuttato con Irreversible a Cannes, molti hanno considerato il suo nastro così controverso e scioccante da lasciare il cinema. Gli spettatori hanno definito il regista “malato di mente” e si sono chiesti perché avesse deciso di filmare qualcosa del genere.

"Irreversibilità", 2002
“Irreversibilità”, 2002

Dall’uscita del film, poche scene al cinema hanno provocato lo stesso rumore di quella in cui soffre per dieci minuti l’eroina incinta di Monica Bellucci. Inoltre, le riprese con una fotocamera portatile e l’audio a bassa frequenza all’inizio del nastro hanno aumentato la sensazione di disagio e hanno provocato vertigini agli spettatori.

“Raw”, 2016

La vegetariana Justine entra in un college veterinario, dove regna uno strano ordine. Alla dedicazione, le matricole vengono cosparse di sangue e costrette a mangiare un boccone di rene di coniglio crudo.

La ragazza alla fine soccombe alla persuasione e di notte le avvengono metamorfosi: non vede l’ora di imparare il gusto della carne umana.

"Raw", 2016
“Raw”, 2016

Durante lo spettacolo a Toronto, diversi spettatori sono svenuti a ciò che hanno visto. Secondo il manager del film, solo L’Anticristo di Lars von Trier ha causato un tale effetto sulla sua memoria.