Curiosità sull’amore e sesso nel regno animale

Le app di appuntamenti hanno ridotto il rituale dell'accoppiamento umano a un semplice tocco. In natura, però, l'amore e il sesso non sono così facili

61

Le app di appuntamenti hanno ridotto il rituale dell’accoppiamento umano a un semplice tocco. In natura, però, l’amore e il sesso non sono così facili. Creature di tutti i tipi hanno sviluppato strategie piuttosto spettacolari per corteggiare i loro compagni e assicurarsi che i loro geni continuino.

Ecco solo alcuni esempi di corteggiamento e copulazione estremi che fanno vergognare noi umani esperti di tecnologia.
Calamaro promiscuo o “diavolo rosso”

I calamari non sono schizzinosi quando si tratta di piacere, soprattutto non il feroce calamaro di Humboldt (Dosidicus gigas). Soprannominato il calamaro jumbo, può raggiungere i 2 metri di lunghezza e pesare fino a 50 Kg.

Si illuminano con lampi rossi e bianchi usando la bioluminescenza. A causa della loro natura aggressiva, a volte vengono chiamati “diavoli rossi”.







"diavoli rossi"
Calamaro “diavolo rosso”

Ma forse dovrebbero chiamarsi cupido perché scoccano le loro frecce, o meglio capsule di spermatofori piene di sperma, dappertutto. I calamari di Humboldt sono la sesta specie di calamari nota per impegnarsi in attività sessuali dello stesso sesso come documentato nella letteratura scientifica per la prima volta lo scorso anno.

Questi ragazzi rispettano praticamente una mentalità “vivi velocemente, muori giovane”, quando si tratta di accoppiamento e tendono a preferire la quantità alla qualità.

Questo è essenzialmente il motivo per cui gli scienziati pensano che i cefalopodi finiscano per montare altri maschi così frequentemente. Non hanno praticamente nulla da perdere collegandosi con maschi e femmine perché i loro corpi producono sperma per tutta la vita e hanno da 300 a 1.200 spermatofori bloccati e caricati in un dato momento.








Procnias albus, o Campanaccio bianco

Quando si avvicinano ad una femmina, inalano profondamente e le urlano direttamente in faccia. Le loro chiamate sono le più rumorose mai registrate nel mondo aviario, con un picco di circa 115 decibel, l’equivalente approssimativo di avere davanti la testa “un impianto di un concerto rock”, hanno detto i ricercatori.

Mentre cantano ballate a più note, i maschi si pavoneggiano e frustano i loro bargigli (escrescenze carnose che penzolano sul becco) così vigorosamente che a volte schiaffeggiano i loro datteri in faccia.

campanacci bianchi
Procnias albus






Le femmine non sembrano preoccuparsi della punizione. In effetti, i ricercatori sospettano di essere abbastanza coinvolti in tutto il casino, un’attrazione che ha guidato l’evoluzione di un tratto così estremo, forse anche assordante.

Forse le urla sono il modo in cui i maschi si vantano della loro abilità fisica. O forse questi ragazzi chiassosi semplicemente non sanno quando stare zitti e le donne sanno di non aspettarsi di meno.


Le lucertole dalla coda a frusta del New Mexico (Aspidoscelis neomexicanus)

Le odierne lucertole dalla coda a frusta del New Mexico sono una delle numerose specie tutte femminili che si riproducono senza input maschile. Invece, queste lucertole si clonano per sempre, producendo uova con il doppio del numero tipico di cromosomi che possono svilupparsi in embrioni senza essere fecondate dallo sperma.

Tuttavia, mostrano ancora alcune propensioni per i comportamenti di accoppiamento, con le femmine che montano femmine, un atto che potrebbe aumentare la fertilità.







Aspidoscelis neomexicanus
Aspidoscelis neomexicanus
I frustini del New Mexico rappresentano in realtà una notevole impresa evolutiva:

il loro lignaggio è nato dall’unione di due specie separate, il piccolo frustino a strisce e il frustino occidentale. Gli ibridi come questi spesso non sono in grado di riprodursi (si pensi agli asini), ma mescolando i tratti dei loro genitori, i frustini del New Mexico hanno ereditato un genoma diverso e sono in grado di copiarlo per carbone ancora e ancora.


L’albatro di Laysan (Phoebastria immutabilis) delle Hawaii

Spesso si accoppia per la vita, ma non sempre con il partner che li ha messi incinta. Sull’isola di Oahu i maschi scarseggiano e le femmine monoparentali lottano per far fronte al compito impegnativo in termini di energia di incubare le uova e allevare i pulcini che si schiudono da loro.

Quindi i maestosi uccelli hanno trovato una soluzione: qui, le lady albatros si riuniranno per co-genitore, a volte convivendo per anni alla volta, hanno scoperto i ricercatori.







albatro di Laysan
albatro di Laysan
Gli albatros allevano solo un pulcino all’anno indipendentemente dal rapporto tra i sessi nella loro coppia e, in media, le coppie di genitori dello stesso sesso producono e crescono meno bambini rispetto alle coppie maschio-femmina.

Ma data l’alternativa di nessun partner, questa strategia sembra un ottimo compromesso. Come spiegano i ricercatori, “in situazioni in cui i maschi scarseggiano, l’accoppiamento donna-donna nel frattempo sembra trarre il meglio da un brutto lavoro”.








La rana pescatrice

Una creatura degli abissi con denti frastagliati e traslucidi e un’esca luminescente per esca, rappresenta solo le femmine di questo gruppo. Piccola, stentata e priva di palline luminose, la rana pescatrice maschio è più difficile da fotografare e molto meno interessante da guardare.

La rana pescatrice
La rana pescatrice

Tra alcune specie di rana pescatrice, come quelle della famiglia del diavolo di mare (Ceratiidae), i maschi sono poco più che sacche di sperma con le narici. Nati in un mondo di oscurità, annusano e si sforzano per raggiungere il loro unico obiettivo di vita: trovare e accoppiarsi con una femmina, rilevabile da una potente combinazione di feromoni e dal suo splendore specifico per la specie.

In alcuni casi, i maschi sono così poco sviluppati che mancano persino di un sistema digestivo perfettamente funzionante. Fino al 99% di questi sfortunati pretendenti muore come vergini affamate.

Il restante 1% non se la cava molto meglio. Una volta che un maschio individua una femmina, premerà la bocca sul suo fianco e inizierà a disintegrarsi, fondendo insieme la carne della coppia. Gli organi del maschio si sciolgono fino a quando tutto ciò che rimane è poco più di un paio di testicoli con le branchie. Alcune femmine possono portare fino a sei maschi contemporaneamente sui loro corpi, immergendosi nel loro sperma a volontà.




















Curiosità sull'amore e sesso nel regno animale
Curiosità sull’amore e sesso nel regno animale