Lo storico rapimento di Getty

Al momento del rapimento, Paul Getty viveva a Roma. L'abbandono scolastico era diventato una celebrità in città per il suo stile di vita da "Golden Hippie". Sebbene il suo nome fosse ricco, il suo stile di vita era povero.

18

Quando il nipote del magnate del petrolio John Paul Getty è stato rapito dalla mafia italiana, ha provocato uno dei crimini più costosi della storia. Il suo rapimento non si è limitato a scuotere la famiglia Getty, ma ha anche rivelato quanto potesse essere pericolosa la dipendenza dalle proprie ricchezze. Lo storico rapimento di Getty

Il nonno super ricco di Paul
Il sedicenne John Paul Getty III non era la tipica vittima di un rapimento. Grazie alla fama del suo ricco nonno, il giovane era un super mondano. J. Paul Getty Sr. trascorse la metà del 1900 accumulando milioni nell’industria petrolifera. Alla fine degli anni Cinquanta era l’uomo più ricco del mondo.

Sfortunatamente, J. Paul Getty era notoriamente egoista. Forse come punizione karmica, una maledizione della sfortuna seguì la sua linea di sangue, dalla cattiva salute alla dipendenza al crimine. Questo arrivò al culmine quando suo nipote divenne un’altra vittima della fama della loro famiglia…




Il rapimento di Paul
Al momento del rapimento, Paul Getty viveva a Roma. L’abbandono scolastico era diventato una celebrità in città per il suo stile di vita da “Golden Hippie”. Sebbene il suo nome fosse ricco, il suo stile di vita era povero. Spesso, scambiava le sue opere d’arte per cibo. Nonostante fosse ricco, suo nonno non lo aiutl.

Paul spesso scherzava sul fatto che avrebbe inscenato il suo rapimento per rubare la fortuna di suo nonno.

Questo certamente suscitl sospetti quando effettivamente scomparve. Il 10 luglio 1973, mentre Paul tornava a casa, un gruppo di uomini lo trascinò nel loro veicolo, lo imbavagliarono e lo portarono in un nascondiglio. Quando a sua madre, Gail, inviarono richiesta di riscatto chiedendo 17 milioni di dollari per il ritorno di Paul, sapeva di non poter pagarlo.




L’egoismo di Getty Senior
Ben presto, tutti gli occhi si voltarono verso il nonno di Paul. Gail sapeva che le sue ricchezze erano la sua unica speranza di rivedere suo figlio.

Quando Gail lo contattò, Getty disse che non avrebbe pagato il riscatto. La ragione? Oltre al suo atteggiamento ossessionato dalla fortuna, affermò di proteggere i suoi altri 14 nipoti.

“Se pago un centesimo, avrò 14 nipoti rapiti.”

Nel frattempo, Paul viveva in condizioni orribili. La lunga battaglia per ottenere il riscatto dall’anziano Getty significava caos. Quello che doveva essere un rapimento risolto rapidamente si trasformò in una prigionia di mesi.




I primi giorni di prigionia di Paul
I suoi primi rapitori non erano del tutto disumani. Permisero a Paul di fare il bagno, usare la radio e mangiare, nonostante fosse imprigionato. Sebbene promettessero di non ferirlo, il tempo necessario per ragionare con il primogenito Getty rese i suoi rapitori disperati.

Presto, nuovi rapitori entrarono sulla scena e torturarono Paul. Alla fine, gli tagliarono l’orecchio destro e spedirono a un giornale romano.

Alla fine, Getty accettò un importo di riscatto molto ridotto: $ 3 milioni (il massimo che poteva pagare pur rimanendo deducibile dalle tasse). Dopo che il riscatto fu pagato, Paul fu scaricato in una stazione di servizio sotto la pioggia battente.




Il suo trauma post-salvataggio
Comprensibilmente, Paul era piuttosto traumatizzato. Non c’è niente come tornare a casa da un traumatico rapimento e realizzare che tuo nonno stupidamente ricco non apprezza la tua vita tanto quanto la sua fortuna, giusto?

Anche dopo che i suoi rapitori furono processati, Paul non era in pace. Dopo un matrimonio frettoloso e la nascita di suo figlio, subì un ictus indotto da narcotici. Gail divenne il suo custode fino alla sua morte nel 2011 a 54 anni.







 










Erbe e Piante Medicinali: Principi attivi e antiche ricette










Lo storico rapimento