Il Massacro di Lidice e l’unico uomo sopravvissuto

Lidice fu il luogo dell'assassinio del 1942 di un alto funzionario nazista di nome Reinhard Heydrich, commissionato da Hitler

55

Il Massacro di Lidice e l’unico uomo sopravvissuto. La sera del funerale di Heydrich, il Museo del Memoriale dell’ Olocausto degli Stati Uniti dice che le SS scese a Lidice. Ai 500 abitanti del villaggio fu detto di riunirsi nella piazza del villaggio. Tutti i 192 uomini e ragazzi furono portati alla periferia della città e giustiziati. La maggior parte delle donne fu mandata al campo di concentramento di Ravensbruck. 60 su 203 morirono.

I bambini compropriate furono mandati a subire la “germanizzazione”.  82 bimbi furono inviati alle camere a gas mobili di Chelmno. Dieci uomini di Lidice non presenti in quel momento furono rintracciati e uccisi.




Tranne uno

La sua storia è stata raccontata da Bohumil Hrabal nel libro “Ho servito il Re d’Inghilterra”e confermata dallo storico del Military Historical Institute Eduard Stehlik. Frantisek Sajdl sopravvisse solo perché all’epoca era in prigione a Praga. L’ex vicesindaco di Lidice stava scontando una condanna per omicidio. Fu rilasciato pochi mesi dopo il massacro di Lidice. Tornato a casa trovò una valle deserta. Si consegnò alla Gestapo, ma a loro non importava più.

L’unico uomo a sopravvivere a Lidice perché uccise suo figlio durante una discussione in famiglia.

L’Associated Press, citando le trasmissioni radiofoniche tedesche ricevute a New York, trasmise: “Tutti gli adulti maschi della città sono stati uccisi, mentre le donne sono state collocate in un campo di concentramento, e i bambini sono stati affidati a istituti scolastici appropriati“. 




Il villaggio fu incendiato e i resti degli edifici distrutti con esplosivi

Anche tutti gli animali del villaggio, animali da compagnia e bestie da soma, furono massacrati. Anche quelli sepolti nel cimitero cittadino non furono risparmiati. I resti furono dissotterrati, saccheggiati per otturazioni d’oro e gioielli e distrutti.  Un gruppo di lavoro tedesco di 100 persone fu inviato per rimuovere tutti i resti visibili del villaggio. Reindirizzare il torrente che lo attraversava e le strade dentro e fuori.

Coprirono l’area del villaggio con terriccio e colture seminate. Fu realizzato un film da Franz Treml, collaboratore dell’intelligence tedesca. Treml gestì uno Zeiss-Ikonbottega nel Palazzo Lucerna e dopo l’occupazione nazista divenne consigliere cinematografico del partito nazista.




Il Massacro di Lidice

 



















https://www.sorox.org/erbe-e-piante-medicinali-principi-attivi-e-antiche-ricette/