LA MASSONERIA E I SUOI IDEALI DI LIBERTÀ, EGUAGLIANZA E FRATELLANZA EGUAGLIANZA MASSONICA

LA MASSONERIA E I SUOLA MASSONERIA E I SUOI IDEALI DI LIBERTÀ: del Card. José Maria Caro y Rodriguez, Primo Cardinale di Santiago,Cile (1939-1958). IDEALI DI LIBERTÀ

8

I Compagni, Maestri o quelli degli alti gradi della Massoneria chiamano il fratello, nei suoi primi tre anni di iniziazione, col nome di Apprendista e, pur essendo questo grado solo una parte delle società massoniche degli alti gradi, non solo si trova al di sotto di tutte, ma ciò che ancor più importante, è penetrata e dominata da tutti gli alti gradi. Gli Apprendisti non possono entrare in alcuna parte del Tempio Massonico se non solo in certe parti che sono state a loro assegnate. Assegnate, ma non riservate, poiché essi non possono chiudere le porte ai massoni di più alto grado. Questi invece vanno e vengono a loro piacimento negli incontri degli Apprendisti, come fanno gli insegnanti che vanno e vengono nelle varie classi delle scuole dove essi insegnano.

La stessa cosa vale per i massoni dei gradi inferiori rispetto ai gradi superiori; essi non conoscono i loro segreti, essi non possono partecipare ai loro incontri, ma sono costantemente spiati e osservati a loro insaputa; il che li rende addirittura in condizioni inferiori ai bambini delle scuole i quali, almeno, sanno chi li osserva.

La Chiesa Cattolica, accusata dalla Massoneria di mantenere l’ineguaglianza tra gli uomini, insegna che di fronte a Dio tutti gli uomini sono uguali, e inoltre tutti i Cattolici hanno la
medesima dottrina, e non vi sono dottrine segrete; noi tutti possiamo accostarci alla Tavola Eucaristica, e cioè, noi tutti possiamo prendere parte all’atto più elevato della Religione che professiamo.

In Massoneria, i massoni dei gradi inferiori non sono altro che burattini nelle mani dei superiori degli alti gradi, specialmente di quelli più occulti, dove non finiscono mai di stupirsi  del grado di stupidità che consente ai massoni dei gradi inferiori di essere attratti con la sola esca di un segreto che non viene mai rivelato.

E tutto questo senza insistere sulla distinzione che essi fanno tra gli fratelli domestici e gli altri membri dell’Ordine.

FRATELLANZA MASSONICA

La Fratellanza è un altro modo col quale la Massoneria diffonde intorno ad essa un’atmosfera di simpatia, specialmente tra quelli che hanno bisogno di essere incoraggiati nella vita. Questa Fratellanza ha un significato doppio: quello di cancellare tutte le differenze di provenienza famigliare, di paese, nazione, religione, diritti, ecc, e quella di una mutua protezione tra i fratelli massoni.

Io non nego che questa fraternità possa essere esercitata tra i Fratelli e che possa essere un diritto legittimo quello di cercare un mutuo aiuto e soccorso attraverso l’associazione; ma a condizione che questa fraternità sia entro certi limiti, e che non sia contraria ai diritti che, per equità naturale, appartengono ad una persona, o che essi non causino danno a singoli individui, alla società o alla nazione.

 

Pertanto, per esempio, chi può negare che la preferenza di garantire la promozione di massoni nell’esercito francese abbia causato gravi danni a questa forza militare e messo in pericolo l’intera nazione; che nell’ultima guerra, guidati dall’istinto conservatore, il Governo francese continuò a dispiegare capi militari inetti che la Massoneria aveva promosso e richiamare i capi cattolici che erano stati messi da parte, grazie alla scusa che la nazione doveva essere salvata?


 

Chi può negare che la preferenza verso i massoni e la loro promozione in posti pubblici abbia causato ovunque grandi appropriazioni indebite nelle finanze pubbliche e gravi ingiustizie a singoli individui?

Card. José Maria Caro y Rodriguez,
Primo Cardinale di Santiago,
Cile (1939-1958).

Fonte: www.chiesaviva.com

QUELLO CHE LA MAGGIOR PARTE DELLE PERSONE NON SA DEGLI ILLUMINATI